Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Effetti tossici delle droghe nei polmoni “più diffusi del pensiero„

Un esame sistematico della ricerca ha rivelato che gli effetti tossici sul polmone delle droghe catturate comunemente per trattare un intervallo delle circostanze comuni è molto più diffusi del pensiero.

Sebbene le 27 droghe che trattano un intervallo dei termini compreso l'artrite, il cancro ed il cuore riescano per la maggior parte dei pazienti, medici, dicono il gruppo, devono essere più informati dei rischi potenziali ai loro apparati respiratori. T

ricerca è stato effettuato dai academics alle università di Manchester, Leeds e Sheffield come pure clinici al centro di ricerca biomedico di NIHR Manchester, la fiducia unita reale delle fondamenta di NHS del bagno degli ospedali e la fiducia delle fondamenta di NHS delle cliniche universitarie di Sheffield e l'organizzazione europea per la ricerca ed il trattamento di Cancro (EORTC).

Lo studio, che ha esaminato i 6.200 dati dei pazienti da 156 documenti è pubblicato nel giornale di medicina clinica.

Il gruppo fa parte di un progetto €24 milione costituito un fondo per dall'iniziativa innovatrice della medicina dell'industria farmaceutica europea e dell'Unione Europea che sta sviluppando le tecniche di rappresentazione per la gestione dell'affezione polmonare interstiziale farmaco-indotta (DIILD). È guidato co da EORTC e Bioxydyn srl, un'università di società della rotazione-fuori di Manchester.

Sebbene DIILD possa causare la difficoltà che respira, l'infiammazione e la fibrosi, il rischio diventa a volte soltanto evidenti dopo che le droghe sono state in uso per determinati anni.

Sebbene il gruppo dica i clinici sono ostacolati perché la maggior parte dei documenti che hanno esaminato erano del minimo o molto scarsa qualità. Fra 4,1 e 12,4 milione casi di DIILD all'anno sono stati riferiti l'accordo mondiale all'esame.

E l'esame egualmente ha trovato che DIILD rappresentato intorno a 3-5% di tutti i casi interstiziali di affezione polmonare.

In alcuni degli studi, i tassi di mortalità più di 50% sono stati riferiti e globalmente, 25% di tutti i pazienti studiati è morto come conseguenza dei sintomi respiratori.

Gli steroidi erano la medicina più comune usata per trattare DIILD, ma nessuno studio ha esaminato il loro effetto su risultato.

John Waterton, un professore della rappresentazione di traduzione dall'università di Manchester, era sul gruppo di ricerca. Ha detto: “Sebbene questa area non sia ricercata buona, possiamo dire che gli effetti collaterali dei farmaci sul polmone sono molto più diffusi di precedentemente abbiamo pensato.

“Sappiamo che pregiudica un considerevole numero della gente, che è perché vogliamo sviluppare le migliori prove della rappresentazione per prendere tutti i problemi del polmone prima che diventino serie.

“È importante sollecitare che i pazienti possono continuare sicuro a catturare il loro farmaco - ma è egualmente importante che medici le riflettono molto attentamente e valutano per gli effetti secondari nel polmone.„

Sul gruppo è egualmente il Dott. Nazia Chaudhuri, professore di seconda fascia onorario all'università di Manchester e un medico del consulente all'ospedale di Wythenshawe, parte della fiducia delle fondamenta di NHS dell'università di Manchester, che ha un interesse dello specialista nell'affezione polmonare interstiziale.

Ha detto: “Medici devono essere informati e vigilanti alle tossicità ed al danno possibili del polmone che possono essere causati da alcune droghe. Con le più nuove droghe che vengono sul servizio questo è aumentare eppure sotto il problema riconosciuto e noi abbia bisogno di migliori modi di rilevazione dei questi effetti secondari prima che causino il danno.„