Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il vaccino sperimentale mostra la promessa proteggere i superstiti del colpo dai coaguli di sangue

Un vaccino può l'un giorno potere sostituire i diluenti orali di sangue per diminuire il rischio di colpi secondari causati dai coaguli di sangue, senza aumentare il rischio di spurgo serio o avviare una risposta autoimmune, secondo la nuova ricerca nell'ipertensione del giornale dell'associazione americana del cuore.

La gente che ha fatta causare spesso un colpo da una necessità del coagulo di sangue (colpi ischemici) di catturare i farmaci che fanno il loro sangue meno probabilmente per coagularsi, che le guide impediscono un altro colpo.

I ricercatori giapponesi hanno analizzato con successo un vaccino sperimentale in mouse ed hanno trovato che ha assicurato la protezione contro i coaguli di sangue per più di due mesi senza aumentare il rischio di spurgo o causare una risposta autoimmune. La mancanza di risposta autoimmune è importante, perché significa che il sistema immunitario dei mouse non ha percepito il vaccino come “intruso„ che ha dovuto essere attaccato, che avrebbe causato una reazione al vaccino.

Il vaccino, S100A9, inibisce la formazione del coagulo di sangue e, durante lo studio, protetto le arterie dei mouse trattati dalla formazione dei grumi nuovi per più di due mesi ed ulteriormente, ha lavorato come pure il clopidogrel più sottile di sangue orale in un'arteria importante, secondo Hironori Nakagami, M.D., Ph.D., co-author di studio e professore all'università di Osaka, nel Giappone.

Sviluppare un vaccino per sostituire e/o complimentare i farmaci quotidiani e orali ha potuto salvare molte vite e contribuire ad impedire entrambi i colpi e possibilmente attacchi di cuore secondari, secondo Nakagami.

“Molti pazienti del colpo non catturano le loro droghe d'assottigliamento di sangue come prescritto, che lo fa probabilmente avranno altro colpo. Questo vaccino potrebbe guida giorna risolvere questa emissione poiché avrebbe dovuto soltanto essere iniettata periodicamente,„ Nakagami ha detto.

“Stiamo continuando la nostra ricerca nelle speranze di potere iniziare i test clinici fra cinque e tra dieci anni, ma ci sono differenze fra i mouse ed esseri umani in come il vaccino sarà riconosciuto dal sistema immunitario,„ ha detto. “Dovremmo potere superare tali problemi e credere questo vaccino fornisce una strategia molto di promessa nella prevenzione secondaria del colpo.„