Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La radioterapia può più a basso rischio della ricorrenza del cancro al seno in pazienti con il buon rischio' DCIS del `

Un sottoinsieme dei pazienti con cancro al seno a basso rischio è altamente improbabile da vedere l'ambulatorio seguente di conservazione del petto di rendimento del cancro ma può ridurre quel rischio ancora ulteriore con la radioterapia, trova un nuovo rapporto a lungo termine di test clinico. Questi dati di seguito di 12 anni dalla sola prova futura e ripartita con scelta casuale per confrontare i risultati di ricorrenza dopo il trattamento per tumore in situ duttale a basso rischio (DCIS) sono stati presentati la settimana scorsa alla sessantesima riunione annuale della società americana per l'oncologia di radiazione (ASTRO).

In questo aggiornamento a lungo termine, pazienti con “il buon rischio„ DCIS -- definito dal gruppo di ricerca come cancro ha trovato soltanto sul mammogramma o fortuito durante la biopsia del petto per un'altra ragione -- ha continuato ad avvertire estremamente - la ricorrenza bassa 12 anni dopo la chirurgia di conservazione del petto. Coloro che ha subito l'intera radioterapia del petto (WBRT) e coloro che egualmente ha scelto catturare il tamoxifene ha avvertito le tariffe di ricorrenza più basse, ma neppure coloro che non ha ricevuto ambulatorio seguente di ulteriore trattamento non hanno avvertito alcune conseguenze pericolose.

“Penso che la cosa più sorprendente sia stata che la tariffa di ricorrenza in pazienti ripartiti con scelta casuale per ricevere la radioterapia era così bassa. La radiazione ha diminuito la ricorrenza da più di 70 per cento e questo era un impatto molto più profondo che abbiamo preveduto,„ ha detto Beryl McCormick, MD, FASTRO, principale inquirente della prova multicentrata di NRG Oncology/RTOG, capo del servizio esterno della radioterapia del raggio al centro commemorativo del Cancro di Sloan Kettering e un professore dell'oncologia di radiazione alla Cornell University in New York.

Poiché nessuno dei tumori che sono ricorso in qualsiasi gruppo sono sembrato comportare un rischio pericoloso, tuttavia, il Dott. McCormick ha detto che per i pazienti era ragionevole determinare, in consultazione con il loro medico, se l'ambulatorio seguente continuato del trattamento sia qualcosa essi ha voluto fare.

“Non tutto il DCIS è lo stesso,„ ha detto il Dott. McCormick. “Questo tipo di cancro non urterà la speranza di vita. Abbiamo trovato che la radiazione diminuisce significativamente il rischio per la ricorrenza, ma state cominciando con estremamente - una tariffa bassa di ricorrenza anche senza radiazione. Di conseguenza, ci dovrebbe essere una discussione significativa fra il paziente e medico circa se il trattamento supplementare è qualcosa i desideri pazienti perseguire.„

DCIS è un cancro delle celle che allineano le condotte del latte del petto. Rappresenta approssimativo un quarto di tutti i nuovi cancri al seno per 60.000 casi stimati diagnosticati ogni anno negli Stati Uniti. La corrente

I tumori ammissibili erano di 2,5 centimetri (cm) o più piccoli, con i margini di tre millimetri o di di meno e della purezza nucleare bassa o intermedia. Dal 1999 al 2006, 636 pazienti sono stati definiti a caso per ricevere WBRT con le dosi standard o ad un braccio di osservazione. L'uso del tamoxifene per cinque anni era facoltativo. I risultati iniziali, compreso sette anni di seguito, sono stati riferiti nel 2013 e

Le nuove analisi comprendono i dati a lungo termine di seguito per 629 pazienti di cui l'età media era di 58 anni, compreso le donne post-della menopausa di 76 per cento. La dimensione di tumore patologica media era di 0,60 centimetri (61 per cento 0,5 cm o più piccoli, 65 per cento con una larghezza del margine di 1,0 cm o più grande o un esemplare completamente negativo di ri-asportazione). Il più alto grado nucleare del tumore era 1, ha trovato in 44 per cento dei pazienti; i tumori grade-2 sono stati diagnosticati nei 56 per cento rimanenti. Il tamoxifene è stato usato da 58 per cento dei pazienti sul braccio di WBRT e da 65 per cento di quelli sul braccio di osservazione (p=0.05).

Il tempo mediano di seguito era di 12,4 anni. Dopo 12 anni, l'incidenza cumulativa della ricorrenza locale era 2,8 per cento (ci 1,1, 5,6 di 95%) per quelle nel braccio di WBRT e 11,4 per cento (7,7, 15,8) per quelle nel braccio di osservazione (rapporto 0,26 (HR), ci 0,13, 0,54 di rischio di 95%; p=0.0001). L'incidenza cumulativa di 12 anni della ricorrenza locale dilagante era 1,5 per cento (ci 0,4, 4,0 di 95%) per quelle nel braccio di WBRT e 5,8 per cento (3,2, 9,5) per coloro che non ha ricevuto la radiazione (ora 0,34, ci 0,14, 0,85 di 95%; p=0.016).

Nell'analisi di più variabili, soltanto coloro che ha ricevuto entrambi i WBRT (ora 0,25, ci 0,12, 0,53 di 95%; p=0.0003) e tamoxifene (ora 0,50, ci 0,27, 0,91 di 95%; p=0.024) ha avvertito la ricorrenza locale diminuita. Nè l'età nè la dimensione di tumore patologica era significativa per la predizione la ricorrenza locale o della ricorrenza locale dilagante. Non c'erano differenze significative fra le armi del trattamento per la sopravvivenza globale, la sopravvivenza sana o l'uso di mastetomia.

Durante i cinque anni supplementari seguire la chirurgia, il Dott. celebre McCormick, “là era una leggera salita della tariffa locale di ricorrenza.„ Per coloro che ha ricevuto WBRT, la tariffa è aumentato da appena al di sotto di 1 per cento, portante lo a quasi 3 per cento della post-chirurgia. Per coloro che non ha ricevuto la radiazione, la tariffa di ricorrenza è aumentato di un punto percentuale ogni anno supplementare di seguito, rampicante da appena al di sotto di 7 per cento a appena al di sotto di 12 per cento dopo 12 anni.

Questi risultati “dovrebbero informare una discussione significativa del paziente-medico che comprende i rischi, i vantaggi e grado del paziente il proprio di comodità,„ il Dott. McCormick hanno concluso.

“Tutti noi hanno una definizione differente che cosa è un rischio accettabile,„ lei hanno detto. “Alcuni pazienti con DCIS ancora vorranno la radioterapia. Ma per altri, il rischio è così basso essi può scegliere non trattare e quello dovrebbe essere considerato un opzione realizzabile.„

Sorgente: https://www.astro.org/News-and-Publications/News-and-Media-Center/News-Releases/2018/Radiation-therapy-cuts-low-risk-of-recurrence-by-n