Il chip approfondito di Khíron permette alla misura veloce e accurata del intra-tessuto

Un nuovo sistema monetario aureo per la misura elettrica nel mondo in vitro emergente dei modelli tridimensionali. Quello è che cosa il medtech svizzero 3Brain ha stabilito partnering con CSEM. Il suo chip di Khíron permette per la prima volta alla misura veloce e accurata del intra-tessuto ed alla sostanza nutriente ed al rifornimento di ossigeno continui tramite tutti i livelli di tessuto. Ed è collocato per aprire il potenziale dei modelli di prossima generazione della coltura cellulare nella modellistica di malattia e negli studi preclinici.

Khíron ha incassato in suo substrato, pronto ad essere usato con le celle.

Modellando i sistemi si sono trasformati in in uno strumento altamente di promessa per la comprensione dei misteri del cervello, una di più grandi sfide scientifiche del secolo. Negli ultimi dieci anni, i modelli biologici in vitro tridimensionali quali le sferoidi e i organoids del cervello sono emerso, risultando imitare attendibilmente il microenvironment dei tessuti viventi e colmare la lacuna con i modelli in vivo animali. Poichè la distribuzione spaziale delle celle in tessuto pregiudica l'espressione genica, la trasduzione del segnale e parecchie funzioni biologiche, questo approccio 3D permette alla modellistica ben migliore di malattia ed agli studi farmacocinetici preclinici che il suo 2D predecessore. L'uso aumentante di questa tecnica rivoluzionaria, tuttavia, ha rivelato le limitazioni dei metodi attuali per la misurazione dell'attività dei neuroni imballati in un ambiente 3D.

Registrazione di rivoluzione dalle installazioni di un neurone complesse 3D

“La z-dimensione„ posa i limiti seri sulle misure ottiche come pure sui micro stendiment elettrodici planari convenzionali (MEAs). Le tecniche di misurazione di modello della cultura di pila campione possono soltanto riflettono gli eventi sulla superficie dei campioni biologici, così mancando il trattamento di un neurone che ha luogo nelle tre dimensioni. 3Brain, la prima società nel mondo per progettare e realizzare i MEAs di alta risoluzione, ha trovato una soluzione che sormonta tutte queste sfide tecnologiche complesse.

Con la nostra nuova tecnologia abbiamo mirato ad ottenere dentro il tessuto ed a ripiegare il giusto ambiente con aspersione continua delle cellule in modo che le misure fossero molto più premonirici di che cosa realmente accadranno nei test clinici,„

Mauro Gandolfo, CEO di 3Brain

3Brain, un prodotto derivato di CSEM, ha sviluppato il suo nuovo chip di MEA in società con CSEM all'interno di un progetto Innosuisse. Insieme, i partner hanno introdotto parecchie innovazioni. “Questi comprendono la progettazione di circuito microelettronica per collegare una grande rete di un neurone, trattamento di post-CMOS MEMS per da costruzione gli elettrodi 3D e una soluzione d'imballaggio compatibile con la cultura dei modelli in vitro biologici,„ spiegano Michel Despont, vicepresidente e testa del programma dei microsistemi di CSEM, di cui il gruppo egualmente ha effettuato la convalida biologica con i modelli di un neurone pertinenti. “La capacità di CSEM di riunire questa ampia varietà di competenze, combinata con la sua riuscita relazione lunga con 3Brain, era strumentale nell'ottenere il chip per il tessuto cerebrale 3D che modella per commercializzare.„

Miglioramento comprensione di malattia e del successo di sviluppo della droga

Khíron nominato, il nuovo circuito integrato caratteristico dell'applicazione (ASIC) fornisce un MEA ad alta densità specificamente che mira alla misura del intra-tessuto dei modelli in vitro di una struttura 3D integrando un micro-ago di stampa per ogni elettrodo per l'infiltrazione in vitro del tessuto cerebrale. Egualmente comprende una struttura microfluidic alla base del chip per lo scambio fluido anche dai livelli inferiori, a differenza della maggior parte delle unità convenzionali di MEA.

“Il chip di Khíron dà a neuroscenziati lo strumento che stanno aspettando per risolvere i loro problemi ed acquisire le informazioni vogliono da 3D i modelli in vitro„ dice il Dott. Gandolfo. “Penso che abbia un grande impatto nella malattia che modella per Alzheimer e Parkinson ed anche nello studio sui termini come l'epilessia e l'autismo.„

3Brain presenterà Khíron alla società di SfN per la riunione annuale 2018 (3-7 novembre) della neuroscienza. La società introdurrà la sua innovazione al servizio nel 2019, inizialmente mirando ai laboratori ed alle università interessati a studi l'impresa di convalida. Poi sarà integrata nella generazione seguente di sui prodotti per i settori di biotecnologia e farmaceutici. 3Brain invitare la sua nuova tecnologia per raddoppiare le vendite durante due anni.

Sorgente: https://www.csem.ch/page.aspx?pid=51660