Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I pazienti a basso rischio del tumore della tiroide possono essere curati con la più piccola quantità di radiazione, suggerisce lo studio

I pazienti del tumore della tiroide di cui la malattia è ad a basso rischio di ritorno possono essere curati sicuro con una più piccola quantità di radiazione dopo chirurgia, secondo i risultati dalla prova corrente più lunga del mondo per studiare questo.

Il Dott. Jonathan Wadsley, un oncologo clinico del consulente all'ospedale della sosta di Weston, Sheffield, il Regno Unito e la presidenza del sottogruppo nazionale del tumore della tiroide dell'istituto (NCRI) di ricerca sul cancro, hanno detto oggi la conferenza del Cancro di 2018 NCRI (lunedì) che gli ultimi risultati dalla prova di HiLo indicata là non erano differenza significativa nella tariffa di ricorrenza fra i pazienti dati una dose di radiazioni bassa confrontata alla dose elevata standard e. Ha detto che questo ha significato che le linee guida internazionali potrebbero essere aggiornate per raccomandare la dose più bassa in pazienti a basso rischio e questi pazienti traessero giovamento da meno effetti secondari e complicazioni a lungo termine e un trattamento più conveniente.

Ha riferito i risultati da 434 pazienti con tumore della tiroide a basso rischio nella prova di HiLo con un tempo (medio) mediano di seguito di 6,5 anni. I pazienti sono stati ripartiti con scelta casuale per ricevere minimo l'attività radioattiva dello iodio amministrata (RAI) di 1.1GBq, o l'alto RAI standard di 3.7GBq [1]. Egualmente hanno ricevuto qualsiasi Thyrogen (un ormone di stimolazione genetico-costruito della tiroide, TSH), che stimola le celle di tumore della tiroide assorbire tanto iodio radioattivo come possibile, rendendolo più efficace, o sono stati chiesti di smettere di catturare le loro compresse dell'ormone tiroideo, che raggiunge lo stesso effetto permettendo che i livelli di loro TSH naturale aumentino.

Il Dott. Wadsley ha spiegato: “L'attività è una misura della quantità di radiazione che è amministrata al paziente sotto forma di isotopo radioattivo di iodio. Lo scopo del trattamento è di distruggere tutte le celle normali residue del tessuto e di tumore della tiroide della tiroide che seguono la chirurgia per eliminare la ghiandola tiroide. Il trattamento è dato il più comunemente come una capsula per inghiottire. Come principio generale, desidereremmo sempre dare la quantità più bassa di radiazione possibile impedire la ricorrenza di tumore della tiroide. Ciò è di diminuire il rischio di effetti secondari più a lungo termine dal trattamento, per di più diminuente il rischio del trattamento che causa un altro cancro in futuro. Nel nostro studio la dose di poca attività 1.1GBq era di meno che un terzo di più alta dose di attività 3.7GBq, ma si è rivelata essere come efficace.„

Durante i quasi sette anni di seguito, c'erano 21 ricorrenza di cancro (11 e 10 con 1.1GBq e 3.7GBq rispettivamente). Le tariffe di ricorrenza erano simili fra le due dosi ed anche fra i pazienti che usando Thyrogen o il ritiro dell'ormone tiroideo.

“Lo studio ha indicato che i pazienti che ricevono un più di poca attività hanno avvertito meno effetti secondari, in particolare meno rischio di ritenere il danneggiamento malato o di sofferenza delle ghiandole salivare, che possono potenzialmente piombo ad una bocca permanentemente asciutta. L'uso di un più di poca attività egualmente solleva la possibilità di dare il trattamento in un giorno piuttosto che dovendo ammettere i pazienti da curare in isolamento per due - tre notti. Ciò è richiesta per il più alta attività dovuto i regolamenti di radioprotezione evitare esporre il grande pubblico alla radiazione inutile, ma può essere particolarmente distressing per i pazienti mentre possono soltanto avere contatto molto limitato con l'altra gente durante questo tempo, che è particolarmente duro per qualcuno con una diagnosi recente del cancro. Di conseguenza, non solo è preferibile più di poca attività per i pazienti, può anche provocare le riduzioni dei costi al servizio sanitario,„ ha detto il Dott. Wadsley.

“Lo studio egualmente ha indicato che la qualità di vita e la capacità continuare le attività normali erano molto meglio per i pazienti che ricevono Thyrogen che quelli facendo uso del ritiro dell'ormone tiroideo. Se il ritiro dell'ormone tiroideo è usato, i pazienti devono staccarsi il loro farmaco regolare per almeno due settimane. Ciò li lascia che ritengono estremamente stanche ed in alcuni casi abbastanza depresse.„

Ha detto che la prova di HiLo ha avuta il periodo massimo di seguito di qualunque altro studio ripartito con scelta casuale universalmente. Finora, non c' era stato abbastanza prova affinchè le linee guida internazionali faccia più delle raccomandazioni deboli circa utilizzare 1.1GBq nei pazienti a basso rischio, dovuto i dati limitati e soltanto seguito a breve termine.

“Ora che abbiamo conferma che non c'è differenza nella ricorrenza valutiamo su un periodo più lungo di seguito, queste raccomandazioni possono essere rinforzate ed i clinici ed i pazienti possono essere sicuri che l'uso del più di poca attività è accettabile ed in effetti preferibile,„ lui hanno concluso.

La prova di HiLo ha rifinito ed ora i ricercatori stanno studiando se un gruppo di pazienti può essere identificato che hanno così a basso rischio della ricorrenza del loro tumore della tiroide che non richiedono la terapia del radioiodio affatto. La prova dello ione (iodio o non) sta assegnando i pazienti con tumore della tiroide molto a basso rischio per avere la terapia del radioiodio o osservazione attenta da solo per determinare se c'è qualunque differenza nelle tariffe di ricorrenza ed indipendentemente da fatto che questi pazienti potrebbero evitare il trattamento dello iodio complessivamente.

Il Dott. Martin Forster dall'University College di Londra, che è presidenza del gruppo di studi clinico della testa e del collo di NCRI e non è stato non coinvolgere con questa ricerca ha detto: “Quasi sette anni di dati di seguito dalla prova di HiLo ci fornisce con fiducia che la dose di radiazioni più bassa 1.1GBq per i pazienti con tumore della tiroide a basso rischio è un trattamento sicuro ed efficace e che le linee guida internazionali possono essere aggiornate per riflettere questo. Per molti pazienti, il trattamento e come è consegnato come pure gli effetti secondari a breve e a lungo termine, possono avere un grande impatto sulle loro vite. La prova di HiLo è un buon esempio di un test clinico ben-condotto che può fare una differenza reale alla qualità di vita per questi pazienti. Guardiamo in avanti ai risultati della prova dello ione, in grado di determinare se alcuni pazienti hanno così a basso rischio del loro cancro che ritorna che potrebbero essere il trattamento risparmiato del radioiodio completamente.„

Il tumore della tiroide è ogni anno raro, con circa 3.500 casi nel Regno Unito, meno di 1% del numero annuale totale dei cancri. I tumori della tiroide a basso rischio hanno un buon tasso di sopravvivenza con i pazienti di circa 99% che sopravvivono per dieci anni o più.