Gli scienziati coltivano 3D, battente il tessuto umano del cuore

I ricercatori al centro medico Amburgo-Eppendorf hanno trovato un modo coltivare il tessuto umano del cuore che può servire da modello per gli atrii del cuore.

Jose Luis Calvo | Shutterstock

Lo sviluppo ha potuto aiutare i ricercatori a studiare i meccanismi di malattia ed i trattamenti per la fibrillazione atriale, il modulo più comune del arrythmia.

Le celle di muscolo del cuore o i cardiomyocytes, che sono stati derivati dall'essere umano hanno incitato le cellule staminali pluripotent (hiPSCs), erano tessuto diventato del cuore del modulo 3D che i battimenti ed ha la forza, l'espressione genica e risposte contrattili della droga che sono simili a quelle vedute in atrii umani reali.

Ciò è la prima volta che il tessuto atriale umano del cuore è stato generato in vitro da una sorgente principalmente illimitata dei hiPSCs,„

Marta Lemme, primo autore

Lemme ed il gruppo dicono che il tessuto del cuore potrebbe essere utile per gli studi meccanicistici sulla fibrillazione atriale e per la selezione preclinica degli agenti farmacologici: “Per provare le nuove droghe potenziali, dobbiamo generare un modello in vitro della fibrillazione atriale. Ed il primo punto in quanto è di ottenere le celle che somigliano ai cardiomyocytes atriali umani.„

Per generare i cardiomyocytes del tipo di atriale dai hiPSCs, il gruppo ha usato un metabolita di acido retinoico chiamato vitamina A tutto trasporto. Il sangue o le cellule epiteliali erogatore geneticamente è stata riprogrammata in uno stato del tipo di gambo acerbo e poi è stata curata con l'acido retinoico, che li ha convertiti in cardiomyocytes.

Questa tecnica recentemente è stata sviluppata da altri ricercatori, ma la novità di questo studio è la conversione nei cardiomyocytes in un ambiente 3D, dice Lemme: “Infatti, abbiamo indicato che l'ambiente 3D favorisce la differenziazione verso un fenotipo atriale confrontato cultura di standard alla 2D. Un valore particolare del nostro studio è il confronto diretto del nostro tessuto del cuore costruito 3D con il tessuto atriale umano indigeno ottenuto dai pazienti ad un livello molecolare e funzionale.„

I trattamenti correnti per la fibrillazione atriale hanno limitato l'efficacia e sono associati con gli effetti secondari avversi. Ancora, lo sviluppo di nuove droghe è stato sfidare dovuto la difficoltà che isola e che mantiene le celle di muscolo atriali umane del cuore.

Lemme dice che i cardiomyocytes sviluppati qui rappresentano un gran opportunità modellare la fibrillazione atriale nel piatto e provare le droghe.

“Tuttavia, i miglioramenti possono ancora essere apportati per raggiungere ancora il più alta similarità con il tessuto atriale umano. Per noi, il punto seguente è di verificare i vari mezzi per indurre le aritmia, meccanismi di studio di ricostruzione elettrica della fibrillazione atriale e per provare le nuove droghe potenziali.„

Sorgente: https://www.eurekalert.org/login.php?frompage=/emb_releases/2018-11/cp-w3h110118.php