Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli avanzamenti nella guida di trattamento radioattivo prolungano, migliorano le vite della gente con cancro anale

Due studi recenti trovano che gli avanzamenti nella radioterapia stanno contribuendo a prolungare o migliorare le vite della gente con cancro anale, compreso quelle di cui il cancro ha avanzato allo stadio IV. Entrambi gli studi sono stati pubblicati nel giornale internazionale dell'oncologia di radiazione * biologia * fisica (giornale rosso), il giornale scientifico della nave ammiraglia della società americana per l'oncologia di radiazione (ASTRO).

Uno studio, dei pazienti con il cancro anale della avanzato-fase di cui la malattia si è sparsa ai linfonodi para-aortici, trovato che una combinazione di radioterapia e di chemioterapia del esteso-campo potrebbe migliorare sostanzialmente la sopravvivenza globale e gestire il cancro senza aumentare gli effetti secondari seri. Un secondo studio ha trovato che, dato che i pazienti con cancro anale localmente avanzato, l'uso della radioterapia modulata l'intensità (IMRT) invece del trattamento radioattivo convenzionale hanno migliorato la tolleranza dei trattamenti radioattivi ed ha diminuito l'esigenza di ostomy (chirurgia per ridirigere come lo spreco esce l'organismo).

Il cancro anale del canale è relativamente raro, con circa 8.000 nuovi casi diagnosticati ogni anno negli Stati Uniti. La maggior parte dei cancri anali del canale sono carcinoma di cellule squamose (SCC) che ancora non si sono sparsi ad altre parti del corpo. Approssimativamente 20 per cento dei pazienti anali di SCC, tuttavia, sono diagnosticati con la malattia metastatica distante -- anche conosciuto come malattia di stadio IV -- ogni anno.

La terapia aggressiva di combinazione prolunga la sopravvivenza per i pazienti selezionati con il cancro anale di stadio IV

I pazienti con il cancro anale di stadio IV tipicamente non sono stati considerati candidati per il trattamento definitivo una volta che il loro cancro si fosse sparso ad altre parti dei loro organismi. Un nuovo studio indica che, se quel cancro si è sparso soltanto ai linfonodi para-aortici, il trattamento aggressivo sotto forma di radioterapia del esteso-campo potrebbe potenzialmente migliorare i loro risultati a lungo termine.

“Il contrassegno “dello stadio IV„ cancro non è le misure tutte di una dimensione,„ ha detto la festa di Emma B. del ricercatore del cavo, il MD, un assistente universitario nel dipartimento dell'oncologia di radiazione al centro del Cancro di Anderson di MD dell'università del Texas a Houston. “Ci sono dati emergenti in parecchi tipi del cancro in cui il trattamento aggressivo della malattia metastatica può migliorare la sopravvivenza.„

“Sebbene la partecipazione dei vertici para-aortici sia considerata malattia metastatica per carcinoma spinocellulare del canale anale, lungamente abbiamo sospettato che questi pazienti non hanno la prognosi difficile che accompagnasse una diagnosi di stadio IV in altri cancri,„ lei hanno detto. “I risultati da questo studio hanno indicato che il trattamento aggressivo di combinazione con il chemoradiation definitivo del esteso-campo può piombo ai buoni risultati.„

È comune per SCC alla diffusione ai linfonodi pelvici e inguinali prima di passare verso i linfonodi (PA) para-aortici. Il Dott. festa ha notato che i suoi risultati erano simili agli studi precedenti dei pazienti con SCC della cervice che era stata classificata come stadio IV dovuto le metastasi ai linfonodi para-aortici.

In questo esame retrospettivo, il Dott. festa ed il suo gruppo ha valutato i risultati a lungo termine per 30 pazienti che sono stati curati con l'curativo-intenzione, chemoradiation del esteso-campo -- radioterapia combinata e di chemioterapia -- fra settembre 2002 e febbraio 2016 al centro del Cancro di Anderson di MD dell'università del Texas a Houston e la clinica di Mayo a Rochester, il Minnesota.

Nel corso dello studio, le tecniche esterne di radioterapia del raggio si sono evolute. Di conseguenza, alcuni pazienti sono stati curati con le tecniche conformi 3D durante la fase in anticipo dello studio ed alcuni sono stati trattati con la terapia del protone modulata l'intensità durante le fasi più tarde. La vasta maggioranza dei pazienti, tuttavia, è stata curata con IMRT. Per i regimi della chemioterapia, i pazienti hanno ricevuto di sei settimane cicla del cisplatin con 5 fluoruracil/capecitabine (5-FU), due cicli di mitomicina-c con 5-FU o la capecitabina quotidiana.

Dopo 3,1 anni di seguito, 18 di 30 pazienti sono rimanere vivi e 17 non hanno mostrato prova di cancro anale. Il tasso di sopravvivenza globale era 67 per cento (ci 49-89 di 95%), con un tasso di sopravvivenza sano di 42 per cento (ci 25-69 di 95%). Il Cancro è ricorso in 15 dei pazienti (50 per cento), principalmente come metastasi distanti.

Nessun paziente è morto dagli effetti secondari relativi alla terapia aggressiva di combinazione. I trattamenti sono stati tollerati bene, sebbene i pazienti che subiscono spesso il trattamento di chemoradiation per gli effetti secondari ematologici severi di esperienza anale del cancro (grado 3-4), quale la perdita di globuli rossi e bianchi, aumentassero la predisposizione all'infezione e la perdita di piastrine; effetti secondari gastrointestinali, quali la nausea, il vomito, la diarrea e la perdita di appetito; e/o reazioni dell'interfaccia. Sei pazienti (20 per cento) in questo studio hanno avvertito i problemi ematologici severi, nove (30 per cento) hanno avvertito gli effetti secondari gastrointestinali severi ed otto (27 per cento) hanno avvertito le reazioni severe dell'interfaccia.

“Penso che vediamo che i pazienti con le metastasi para-aortiche di vertice sono potenzialmente curabili perché questi linfonodi sono lo scaglione seguente su da cui consideriamo come i linfonodi regionali nel bacino,„ hanno detto il Dott. festa. “Per di più, se possiamo consegnare una dose curativa di radiazione a tutti i siti della malattia, abbiamo il potenziale di estendere la sopravvivenza per questi pazienti.„

IMRT aumenta la capacità di completare i cicli del trattamento, le diminuzioni hanno bisogno di per le rotture e l'ambulatorio supplementare

Un altro studio recente dal giornale rosso esaminato come i miglioramenti nella tecnologia di radioterapia piombo a meno effetti secondari ed interruzioni del trattamento per i pazienti con cancro anale localmente avanzato. Questo esame di grande database clinico ha trovato che un tipo tecnologicamente avanzato di radiazione -- l'intensità ha modulato la radioterapia (IMRT) -- ha potuto diminuire le tossicità per i malati di cancro anali del canale curati con radiazione.

“Facendo uso dei dati dal sistema nazionale di affari dei veterani degli ospedali, abbiamo studiato le radiotossicità fra i veterani con cancro anale ed abbiamo confrontato IMRT contro i più vecchi moduli della radioterapia,„ ha detto il ricercatore Alex K. Bryant, MD, un medico residente affiliato con il dipartimento della medicina di radiazione e le scienze applicate all'università di California, San Diego, scuola di medicina del cavo. “Abbiamo trovato che IMRT ha prodotto i vantaggi sostanziali, compreso fare diminuire l'esigenza del trattamento tariffe di completamento della chemioterapia aumentare e ci rompiamo.„

IMRT è un tipo specializzato di trattamento radioattivo che manipola i raggi del protone o del fotone di radiazione nella forma dei tumori mirati a, per limitare l'esposizione a radiazioni al tessuto sano che circonda i tumori.

Il Dott. Bryant ed il suo gruppo ha identificato 779 pazienti in un database di affari dei veterani del cittadino che era stato diagnosticato con SCC anale localmente avanzato fra 2000 e 2015. I pazienti erano stati curati con la radioterapia convenzionale (n=403) o IMRT (n=376), entrambi con la chemioterapia concorrente. L'approvazione di IMRT è aumentato sostanzialmente durante il periodo di studio; nessun paziente ha ricevuto IMRT prima di 2004, confrontato a 89 per cento dei pazienti curati dal 2012 al 2015.

I ricercatori hanno trovato che i pazienti curati con IMRT erano 42 per cento meno probabili da richiedere una rottura dal trattamento radioattivo dei più di cinque giorni. I pazienti di IMRT egualmente hanno avuti i 40 per cento più a basso rischio di bisogno necessario dell'ambulatorio ostomy relativo al cancro che progredisce o che ricorre.

I pazienti curati con IMRT egualmente erano più probabili ricevere e completare due cicli della chemioterapia, il corso standard del trattamento. In generale, 19 per cento (n=63) dei pazienti che hanno ricevuto IMRT non potevano completare due cicli completi della chemioterapia, confrontati a 43 per cento (n=153) trattati con radiazione convenzionale. L'associazione di IMRT con il completamento della chemioterapia standard è rimanere significativa anche dopo gestire per le caratteristiche del tumore e del paziente.

“Siamo stati sorpresi che IMRT ha permesso che più pazienti completassero un corso completo della chemioterapia,„ abbiamo detto il Dott. Bryant. “Gli studi precedenti hanno indicato che la combinazione di radioterapia e di chemioterapia è molto importante per la cura del cancro anale e siamo stati incoraggiati che IMRT ha permesso che più pazienti subissero questo potenzialmente trattamento di salvataggio.„

I ricercatori non hanno trovato differenza nella tossicità ematologica o gastrointestinale severa a breve termine o risultati a lungo termine di sopravvivenza fra i due gruppi di trattamento radioattivo. Lo studio non ha esaminato le tossicità meno severe.

“Sebbene sia poco chiaro perché abbiamo veduto un vantaggio per il completamento della terapia, una possibilità è che IMRT ha diminuito le tossicità che non potevamo misurare - in particolare, tossicità dermatologica e moduli meno severi di tossicità gastrointestinale ed ematologica - e questo ha permesso che più pazienti completassero la chemioterapia,„ ha detto il Dott. Bryant. “Ulteriore ricerca sarebbe necessaria determinare se c'è una relazione fra una riduzione di quelle tossicità e un completamento della chemioterapia. Se vero, questo sarebbe un vantaggio secondario meraviglioso di IMRT e di grande importanza per i risultati pazienti.„