Il AI ha potuto aiutare i ritrovamenti in anticipo di Alzheimer del punto a studiare

L'intelligenza artificiale (AI) può presto essere usata per diagnosticare il morbo di Alzheimer presto nel corso della malattia dice i ricercatori. I risultati dello studio sono stati pubblicati nell'ultima emissione della radiologia del giornale.

I ricercatori dall'università di California a San Francisco, condotto un piccolo ma studio significativo dove hanno usato un programma destinato all'elaboratore autodidattico per esaminare le scansioni di cervello dei partecipanti. Il programma destinato all'elaboratore è stato destinato per individuare i segni in anticipo della malattia neurodegenerative - Alzheimer. Queste funzionalità erano solitamente troppo minuscole e sottili affinchè gli occhi umani li macchino. I risultati hanno rivelato che il programma potrebbe individuare i segni del morbo di Alzheimer in 40 pazienti sei anni (essere in media 75,8 mesi) prima che i sintomi della malattia si manifestassero e la malattia potrebbe essere diagnosticata formalmente.

Il gruppo ha scritto, “c'è l'ampio riconoscimento che l'apprendimento profondo può assistere nell'indirizzo la complessità e del volume aumentanti di dati della rappresentazione come pure la competenza variante dei medici formati della rappresentazione. L'applicazione della tecnologia di apprendimento automatico ai reticoli complessi dei risultati, come quelli trovati alla rappresentazione funzionale dell'ANIMALE DOMESTICO del cervello, sta cominciando soltanto ad essere esplorata. Abbiamo supposto che l'algoritmo di apprendimento profondo potrebbe individuare le funzionalità o i reticoli che non sono evidenti sull'esame clinico standard delle immagini e quindi migliorare la classificazione diagnostica definitiva delle persone.„

“L'algoritmo di apprendimento profondo„ sviluppato dal gruppo è stato preparato mostrandogli 2109 scansioni dell'ANIMALE DOMESTICO di F-FDG (o tomografia a emissione di positroni del fluorodeoxyglucose del fluoro 18 (18F)) da 1.002 pazienti. Queste scansioni dell'ANIMALE DOMESTICO possono individuare le attività metaboliche da tutte le parti del cervello mostrando l'assorbimento di un composto radioattivo del glucosio che è amministrato per iniezione nella circolazione sanguigna. Il programma potrebbe individuare i cambiamenti nei reticoli metabolici di uso nel cervello che potrebbe segnalare lo sviluppo futuro di Alzheimer. L'algoritmo si è preparato esaminando questi cambiamenti in tutte le scansioni che è stato indicato. Una volta che conoscesse che cosa stava cercando, potrebbe individuare tutti i casi in anticipo nello studio pilota, i ricercatori spiegati. Lo studio pilota stava usando 40 scansioni dell'ANIMALE DOMESTICO da 40 pazienti di cui le scansioni l'algoritmo non aveva incontrato prima. Ha predetto che i segni in anticipo della malattia con 100 per cento di accuratezza il gruppo ha scritto. Il Dott. Jae Ho Sohn, uno dei co-author dello studio che ha detto, “eravamo molto piacevoli con la prestazione dell'algoritmo. Poteva da predire ogni singolo caso che ha avanzato al morbo di Alzheimer.„

Il gruppo ha spiegato che con tale individuazione tempestiva, gli interventi ed il trattamento potrebbero anche cominciare presto. Ciò ha potuto non solo rallentare il progresso della malattia ma anche fermare la progressione di degenerazione.

Il Dott. Carol Routledge, dalla ricerca Regno Unito del Alzheimer della carità ha spiegato che questi disordini neurodegenerative cominciano solitamente fino a due decadi prima che i sintomi comparissero. Questo algoritmo può contribuire a diagnosticare presto la malattia in modo dal trattamento può cominciare più presto prima che molto danno sia fatto lei abbia aggiunto. “Questo studio evidenzia il potenziale dell'apprendimento automatico di assistere all'individuazione tempestiva delle malattie come Alzheimer, ma i risultati dovranno essere confermati nei gruppi di persone molto più grandi prima che possiamo valutare correttamente la potenza di questo approccio,„ lei hanno detto.

Sorgente: https://pubs.rsna.org/doi/10.1148/radiol.2018180958#tbl2

Dr. Ananya Mandal

Written by

Dr. Ananya Mandal

Dr. Ananya Mandal is a doctor by profession, lecturer by vocation and a medical writer by passion. She specialized in Clinical Pharmacology after her bachelor's (MBBS). For her, health communication is not just writing complicated reviews for professionals but making medical knowledge understandable and available to the general public as well.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Mandal, Ananya. (2019, June 19). Il AI ha potuto aiutare i ritrovamenti in anticipo di Alzheimer del punto a studiare. News-Medical. Retrieved on October 16, 2019 from https://www.news-medical.net/news/20181108/AI-could-help-spot-Alzheimere28099s-early-finds-study.aspx.

  • MLA

    Mandal, Ananya. "Il AI ha potuto aiutare i ritrovamenti in anticipo di Alzheimer del punto a studiare". News-Medical. 16 October 2019. <https://www.news-medical.net/news/20181108/AI-could-help-spot-Alzheimere28099s-early-finds-study.aspx>.

  • Chicago

    Mandal, Ananya. "Il AI ha potuto aiutare i ritrovamenti in anticipo di Alzheimer del punto a studiare". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20181108/AI-could-help-spot-Alzheimere28099s-early-finds-study.aspx. (accessed October 16, 2019).

  • Harvard

    Mandal, Ananya. 2019. Il AI ha potuto aiutare i ritrovamenti in anticipo di Alzheimer del punto a studiare. News-Medical, viewed 16 October 2019, https://www.news-medical.net/news/20181108/AI-could-help-spot-Alzheimere28099s-early-finds-study.aspx.