Nanosprings magnetici usati come agenti di consegna mirati a della droga per la terapia anticancro

Un gruppo degli scienziati dall'università federale dell'Estremo-Oriente (FEFU) e dalla Korea University (Repubblica Coreana) ha ottenuto i nanosprings del cobalto-ferro e del cobalto con i beni magnetici combinati unici e l'elasticità duratura che possono essere usati per sviluppare i nanorobots, i nanosensors, i nuovi tipi di memoria e gli agenti di consegna mirati a della droga (specificamente, per la terapia anticancro). L'articolo è stato pubblicato in Nanoscale.

Nanosprings è oggetti insoliti che sono stati scoperti parecchi anni fa. I loro beni magnetici non sono stati studiati prima, parzialmente perché è difficile da ottenere le strutture di una tal piccola scala. Il collegare nanospring è intorno 50 nanometro di diametro, che corrisponde ad una catena di soltanto 200 atomi.

“Nel corso dei nostri esperimenti abbiamo ottenuto i nanosprings del cobal-ferro e del cobalto ed abbiamo studiato i loro beni magnetici dettagliatamente per la prima volta,„ dice Alexander Samardak, professore associato del dipartimento dei sistemi informatici, banco delle scienze naturali, FEFU.

“Apparentemente, questi nano-oggetti chirali mostrano i trattamenti inversione differenti di magnetizzazione che confrontano ai nanowires a forma di cilindro nell'ambito dell'atto dei campi magnetici esterni. Questi beni possono essere usati per il loro controllo efficiente compreso da movimento guidato da campo magnetico.„

Secondo gli scienziati, i beni meccanici dei nanosprings sono praticamente identici a quelli delle macro-sorgenti, che apre un intervallo delle possibilità per il loro uso in nanotecnologie.

“Nanosprings è oggetti unici con le proprietà fisiche peculiari. Ciò provvede al loro uso possibile in nuove unità di archiviazione di dati, sistemi nanoelectromechanical ed in biomedicina. I materiali come questo possono essere usati per creare i nanomotors, molecole di proteina esprimono i sistemi di prova, le capsule del trasporto per i composti molecolari e molte altre unità utili,„ osservazioni Alexey Ognev, capo del laboratorio delle tecnologie della pellicola al dipartimento di fisica delle strutture Basso Dimensionali, banco delle scienze naturali, FEFU.

Il lavoro è stato effettuato nel quadro del progetto di scienza di priorità “dei materiali„ applicato da FEFU. Il gruppo ha lavorato in base al laboratorio delle tecnologie della pellicola in collaborazione con il gruppo di prof. Young Keun il Kim dalla Korea University come pure ai giovani scienziati dal banco delle scienze naturali, di FEFU - lo studente postuniversitario Aleksei Samardak e del professore associato Alexander Davydenko.

Il progetto di scienza di priorità “dei materiali„ dell'università federale dell'Estremo-Oriente unisce i giovani fisici, chimici, biologi e specialisti dotati negli studi materiali. Già hanno sviluppato un nuovo tipo di ceramica ottica per terra e spaziano la connessione ottica, un materiale diresistenza con la temperatura di fusione da record ed una serie di altri progetti futuri.

Sorgente: https://www.dvfu.ru/en/