Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il raggiungimento degli scopi nuovi di pressione sanguigna della linea guida può impedire 3 milione eventi cardiovascolari

Nel 2017, l'istituto universitario americano della cardiologia e l'associazione americana del cuore hanno rilasciato le nuove linee guida di pressione sanguigna, abbassanti la soglia di ipertensione ad un Hg di 130/80 di millimetro dal Hg precedente di 140/90 di millimetro. Un nuovo studio predice che raggiungere e mantenere gli scopi 2017 di pressione sanguigna della linea guida potrebbero impedire più di 3 milione eventi della malattia cardiovascolare in dieci anni. I risultati dello studio compariranno online nell'emissione del 19 novembre di circolazione.

“Trattare l'ipertensione è un'opportunità importante di salute pubblica di proteggere la salubrità e qualità di vita per decine di milioni di Americani,„ ha detto l'autore principale Adam Bress, Pharm.D., M.S., assistente universitario dello studio nelle scienze di salubrità della popolazione all'università di salubrità di Utah. “Raggiungere questi scopi più bassi sarà provocatorio.„

Bress ed il suo gruppo hanno voluto esplorare l'impatto di raggiungimento e del mantenimento delle linea guida-raccomandazioni più basse sul pubblico confrontato ai livelli più in anticipo del trattamento e di pressione sanguigna come pure la capacità dei pazienti di raggiungere e mantenere le raccomandazioni più iniziali della linea guida.

Il gruppo ha predetto il numero degli eventi cardiovascolari evitati negli adulti di medio evo basati sugli scopi di pressione sanguigna 2017 delle linee guida di pressione sanguigna (< un Hg di 130/80 di millimetro), delle settime linee guida unite del comitato (JNC7) nazionale (< un Hg di 140/90 di millimetro) e delle ottave linee guida unite del comitato (JNC8) nazionale (140/90 di Hg di mg per i pazienti più giovani un Hg di di 60 e 150/90 di millimetro per i pazienti più vecchi di 60).

I loro progetti dell'analisi 3,3 milioni meno eventi della malattia cardiovascolare dopo il raggiungimento ed il mantenimento degli scopi 2017 di pressione sanguigna hanno confrontato ai livelli correnti di pressione sanguigna. Egualmente hanno trovato che raggiungere e mantenere il JNC7 e il JNC8 hanno raccomandato gli scopi di pressione sanguigna avrebbero impedito 2,6 e 1,6 milione eventi della malattia cardiovascolare, rispettivamente.

Questo studio ha fatto queste previsioni facendo uso di parecchi database contemporanei e basati sulla popolazione. Il gruppo di dati di NHANES è un'indagine rappresentativa nazionale della popolazione adulta degli Stati Uniti e fornisce le dimensioni della popolazione dei gruppi del trattamento di ipertensione dai livelli di pressione sanguigna e dalle circostanze croniche. Il database di RIGUARDI fornisce una sorgente per il rischio di eventi cardiovascolari interni e non fatali. Una meta-analisi recente di 42 test clinici d'abbassamento ripartiti con scelta casuale di sangue, consistente di più di 140.000 partecipanti, fornisce le previsioni di riduzione di rischio per gli eventi cardiovascolari basati sul raggiungimento e sul mantenimento degli obiettivi differenti del trattamento di pressione sanguigna.

La maggior parte degli eventi della malattia cardiovascolare impediti è venuto da quelle con i livelli correnti di pressione sanguigna superiore ad un Hg di 140/90 di millimetro. I modelli hanno supposto che i pazienti hanno raggiunto ed hanno mantenuto gli scopi di pressione sanguigna nel corso della simulazione.

Gli studi precedenti suggeriscono che l'investimento di iniziale in anticipo per la cura dei più adulti per ipertensione piombo ai guadagni di salubrità ed alle riduzioni dei costi sopra la vita del trattamento. Ma il cambiamento non viene sempre facilmente.

“Un cambiamento nelle linee guida cliniche di lunga durata è perturbatore ai pazienti e fornitori che si abituano ai reticoli clinici di pratica che integrano le linee guida più in anticipo,„ ha detto Andrew Moran, M.D., M.P.H., professore associato di medicina al centro medico di Irving di Columbia University ed autore senior sul documento. “È importante da aggettare e quantificare l'intervallo dei vantaggi e dei rischi potenziali ha preveduto se facciamo questi cambiamenti fondamentali alla pratica dei fornitori di cure mediche di modo.„

La cura dei più pazienti per raggiungere gli scopi più bassi di pressione sanguigna ha rischi. Bress nota che i farmaci vengono spesso con gli effetti secondari, che devono essere riflessi e gestiti.

“Il numero degli eventi avversi in relazione con il farmaco era approssimativamente equivalente al numero degli eventi della malattia cardiovascolare impediti,„ Moran ha detto. “Ma gli eventi avversi tendono ad essere secondari e transitori, mentre gli eventi cardiovascolari evitati possono piombo ai problemi sanitari seri di tempo di vita e sono a volte anche interni.„

I risultati sono basati su un database che non è rappresentativo della diversità nel paese, compreso informazioni per i soltanto pazienti bianchi e neri che hanno almeno 45 anni. Egualmente direttamente non rappresentano i cambiamenti futuri nella pressione sanguigna o non cambiano in farmaci antipertensivi con tempo.

“Una conversazione e un processo decisionale comune fra il fornitore e paziente circa i vantaggi ed i rischi di aumento della dose di un farmaco o di aggiunta del farmaco nuovo per raggiungere un obiettivo più basso sono importanti,„ Bress ha detto. “Si avvantaggia per diminuire il rischio di attacchi di cuore, colpo e l'infarto è chiaro e può superare spesso il rischio in peso di effetti collaterali secondari e transitori.„