Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La società indigena dell'antigene lancia la terra-rottura dei immunoassays del virus di Zika

La società indigena dell'antigene ha lanciato una serie di immunoassays dirottura per il virus di Zika, offrenti i ricercatori nell'accademia, la salute pubblica e la scoperta della droga la capacità per lavorare con i livelli senza precedenti di specificità e di sensibilità. A differenza dei metodi precedenti, le nuove analisi hanno poca o nessuna reattività crociata con altri flaviviruses, compreso febbre rompiossa, il Nilo occidentale, la febbre gialla, il virus giapponese dell'encefalite, di encefalite da zecche e di Usutu. Il virus di Zika comporta un rischio globale significativo e non c'è corrente vaccino o il trattamento specifico disponibile per quelli infettati. Le analisi diagnostiche sensibili e specifiche sono cruciali per permettere all'efficace gestione della ricerca, dell'epidemiologia e di malattia come pure allo sviluppo di nuovi vaccini e di terapeutica.

L'analisi indigena di ELISA del virus NS1 di Zika della società dell'antigene

L'analisi indigena di ELISA del virus NS1 di Zika della società dell'antigene è un'analisi altamente sensibile e specifica adatta a rilevazione quantitativa del virus NS1 di Zika in un intervallo dei campioni biologici, senza reattività crociata con altri flaviviruses. Presenti in siero umano durante le fasi iniziali di infezione, la proteina NS1 fornisce un indicatore in anticipo della replicazione virale dopo l'infezione. Questa analisi di ELISA può individuare l'antigene NS1 ai livelli bassi quanto 5 pg/ml e permette ai ricercatori di misurare il livello di proteina di Zika NS1 in pazienti infettati, offrente il valore negli studi dell'epidemiologia.

L'analisi indigena di ELISA del virus IgG/IgM/IgA di Zika della società dell'antigene è progettata per la rilevazione degli anticorpi Zika-specifici in siero umano. È come minimo inter-reattiva con gli anticorpi al virus di febbre rompiossa ed in modo da può essere usata per distinguere gli anticorpi anti--Zika umani da altri anticorpi della malattia infettiva e di flavivirus. Le analisi precedenti sono state che richiede tempo, ingombranti ed hanno non potute distinguere attendibilmente fra Zika e febbre rompiossa. Tuttavia, il ELISA del virus di Zika ha un tempo di analisi di soltanto 2 ore, con la specificità e la sensibilità entrambe al di sopra di 90%, anche nelle regioni endemiche con febbre rompiossa. dovuto il formato novello di analisi, la prova può anche essere utilizzata in tutte le specie, facente lo del valore particolare per lo studio dei modelli animali dell'infezione di Zika.

In una valutazione indipendente del kit di ELISA del virus IgG/IgM/IgA di Zika, i ricercatori esterni hanno riferito una sensibilità di 90,3% e una specificità di 92,1%. Ciò ha comparato favorevolmente alla prova diretta ad un'analisi leader di mercato di IgG che ha esibito la specificità soltanto 69,4%.

Il Dott. Andy Lane, Direttore commerciale alla società indigena dell'antigene ha detto:

Il lancio di queste analisi della generazione seguente rappresenta un salto significativo in avanti per rilevazione ed il video del virus di Zika, che fin qui è stato ostacolato sempre dalla reattività crociata di Zika con febbre rompiossa. L'impatto di questo sviluppo emozionante sarà veduto attraverso l'accademia, la salute pubblica e l'industria farmaceutica.„

Oltre ai kit, la società indigena dell'antigene egualmente offre un'estesa gamma di virus di Zika gli antigeni, entrambi espressi come proteine recombinanti in un sistema mammifero di espressione e come preparati virali indigeni. Ulteriori prodotti comprendono le proteine NS1 (sia dallo sforzo prototipo dell'Uganda che dallo sforzo del Surinam responsabile dello scoppio principale nel 2016) e le particelle del tipo di virus di Zika (VLPs).