I governi attraverso Europa rispondono molto nei modi diversi al cancro polmonare

I preventivi dell'organizzazione mondiale della sanità 387.913 europei moriranno del cancro polmonare nel 2018. I risultati preliminari da un nuovo studio dall'unità di intelligenza dell'economista che confronta 13 paesi indicano che i governi attraverso Europa stanno rispondendo molto nei modi diversi alla malattia. I paesi con i migliori risultati sembrano avere le efficaci polizze di prevenzione e dare la priorità all'accesso tempestivo ai nuovi, trattamenti innovatori. La ricerca iniziale dallo studio, che si imbatterà in all'inizio del 2019 con la ricerca approfondita ed i laboratori del paese, sarà presentata oggi dall'unità di intelligenza dell'economista al forum europeo del Cancro a Bruxelles, che è ospitata da MSD. Il pubblico dei responsabili della politica, academics, professionisti di sanità, l'industria e rappresentanti pazienti, fornirà ad un primo sondare-quadro per i risultati di studio e contribuisce a mettere a fuoco la fase prossima di ricerca. Il EIU guarderà per capire se i paesi siano avanzanti, innovanti ed afferranti le opportunità di salvare le vite.

Già, lo studio indica sette risultati chiave dai 13 paesi:

1. Per i 15 anni scorsi il numero di nuovi casi del cancro polmonare è stato più alto nei Paesi Bassi e più basso in Svezia. Il numero delle morti causate dal cancro polmonare è più alto in Polonia, nei Paesi Bassi, nel Belgio, nel Regno Unito ed in Grecia - ma i numeri sono andato significativamente giù durante i 15 anni scorsi. La Finlandia ha realizzato i grandi progressi ed ora ha il tasso di mortalità più basso. Tutti i altri paesi hanno fatto piccolo a nessun progresso durante i 15 anni scorsi.

2. Abbiamo veduto un aumento medio nella percentuale dei pazienti che sono 5 anni ancora vivi dopo la diagnosi, da 12 per cento a soltanto 17 per cento in 15 anni. Il tasso di sopravvivenza medio per tutti i cancri combinati è 50-60 per cento.3 L'Austria, la Svezia e la Norvegia hanno gli più alti tassi di sopravvivenza per il cancro polmonare, con i tassi di sopravvivenza più bassi che accadono in Romania, in Finlandia e nel Regno Unito.

3. Il cancro polmonare è una priorità strategica in quei paesi con le pianificazioni e le linee guida di controllo del cancro (del polmone): La Svezia e la Francia segnano il meglio qui, mentre la Finlandia ha alcuno prendere per fare.

4. Dal fumo è il fattore di rischio primario per il cancro polmonare, con intorno 80 per cento dei cancri polmonari collegati al fumo, programmi di salute pubblica intorno a controllo del tabacco e la cessazione di fumo, compreso il regolamento delle e-sigarette, è particolarmente importante. Lo studio indica che la Finlandia e la Norvegia piombo in questa area, mentre la Romania ha il litte.

5. In termini di trattamento, lo studio nota se i pazienti stanno ottenendo il trattamento, prova del tumore è disponibile e rimborsato e le nuove, medicine innovarici sono rimborsate. Dei quattro biomarcatori più comunemente usati per il cancro polmonare, provare a tutti e quattro le sono rimborsate soltanto in una minoranza dei paesi.

6. Soltanto la Svezia e la Polonia hanno una pianificazione del cancro polmonare/sezione specifiche della pianificazione nazionale di controllo del Cancro (NCCP) e soltanto quattro paesi (Austria, Francia, Romania e Grecia) hanno aggiornato il loro NCCP durante i cinque anni ultimi.

7. Soltanto la metà dei paesi (Belgio, Francia, Germania, Paesi Bassi, Polonia, Spagna, Regno Unito) ha cominciato o è compresa in una prova studiare se o come schermare potrebbe essere presentata.

Dare la sua reazione davanti al suo discorso principale al forum europeo del Cancro, Martin Seychell, direttore generale aggiunto nella salubrità e direzione generale di sicurezza alimentare (DG SANTE) della Commissione Europea, ha detto: “Negli ultimi anni abbiamo potuti migliorare i risultati per i malati di cancro, sebbene il cancro rimanesse la causa della morte secondo più elevato nell'UE„. Ha aggiunto che “i risultati dello studio dell'unità di intelligenza dell'economista mostrano chiaramente che l'esigenza di collaborazione vicina fra tutti i consegnatari ed il combattimento della questa malattia rimarrà indubbiamente una priorità per la Commissione nei prossimi anni.„

“Il benchmarking del paese e nelle analisi del paese in questo studio ci indica in direzione di come raggiungere i migliori risultati,„ ha detto Alfonso Aguarón a nome del cancro polmonare Europa. “I responsabili politici dovrebbero vedere questi risultati ed essere incoraggiati per portare i risultati del rapporto in avanti. È tempo per più consapevolezza intorno al carico di questa malattia per i pazienti, la loro famiglia e gli amici. Ha luogo circa tempo che questi pazienti ottengono notati.„

Deepak Khanna, vicepresidente senior e Presidente regionale, l'oncologia di EMEAC per MSD, ha commentato: “Tutti i consegnatari dovrebbero accelerare applicare le polizze che contribuiscono ai migliori risultati. Come società biofarmaceutica della ricerca, stiamo lavorando con i governi attraverso Europa per assicurarci che i pazienti abbiano accesso tempestivo alle nostre medicine innovarici del cancro, per contribuire ad estendere e migliorare le vite dei pazienti con il cancro polmonare.„

Sorgente: http://www.eiu.com/