La sopravvivenza selettiva degli embrioni nelle circostanze sfavorevoli può spiegare più successivamente i problemi sanitari nella vita

Un gruppo internazionale piombo dai ricercatori del centro medico di Leida e l'università di Lund in Svezia propone che la selezione delle differenze epigenetiche casuali induca gli embrioni particolari a sopravvivere a nei termini sfavorevoli nell'utero. Gli embrioni che sopravvivono a possono, tuttavia, finire con salubrità difficile come adulti. Gli scienziati riferiscono i loro risultati nei rapporti delle cellule.

Le circostanze incontrate nell'utero possono avere tutta la vita impatto su salubrità. Gli scienziati precedentemente hanno supposto che questo è perché gli embrioni rispondono alle circostanze sfavorevoli programmando la loro espressione genica. Ora i ricercatori propongono un'alternativa radicalmente differente. Piuttosto che essendo programmando dall'ambiente, le differenze casuali nell'espressione genica possono fornire ad alcuni embrioni un vantaggio di sopravvivenza, in particolare quando le circostanze sono dure. Studiando la metilazione del DNA, un meccanismo importante per gestire l'attività di gene, i ricercatori ha trovato che una parte specifica del reticolo di metilazione del DNA mancava fra le persone carestia-esposte.

Crescita con le risorse limitate

La nuova ricerca è stata motivata tramite l'osservazione che la gente ha concepito durante l'inverno olandese di fame di 1944-1945 soffre da salubrità cardiovascolare diminuita nei loro anni sessanta. Ciò può essere attribuita ai cambiamenti persistenti in come i geni sono espressi, con cosiddetta modifica epigenetica del DNA. “Sappiamo che una mancanza di nutrizione fa diminuire la probabilità di un embrione per sopravvivere a. Il nostro nuovo studio indica che sopravvivendo alla carestia nell'utero munito di cardini avere un reticolo di metilazione del DNA permettendo la crescita continuata dell'embrione malgrado le risorse limitate. Ma quei stessi reticoli di metilazione possono avere effetti sulla salute avversi molto più successivamente nella vita„, dice Bas Heijmans, epigeneticist al centro medico di Leida.

Modello elaborato dal calcolatore

Per capire l'interazione fra il epigenetics e la sopravvivenza dell'embrione, i ricercatori hanno catturato l'inspirazione da biologia evolutiva. Nell'evoluzione, la variazione genetica casuale è filtrata tramite la selezione naturale, con conseguente capitalizzazione delle varianti che il più bene “misura„ l'ambiente. Un modello elaborato dal calcolatore ha indicato che la variazione epigenetica casuale fra gli embrioni è inevitabile, appena come la mutazione genetica. Alcune delle varianti casuali di metilazione del DNA possono migliorare la probabilità di un embrione sopravvivere a su nutrizione bassa. Di conseguenza, quelle varianti epigenetiche diventeranno più comuni in gruppi che sono stati esposti ad una carestia come embrioni. “Abbiamo lottato sempre per spiegare come gli embrioni in anticipo potrebbero modificare i segni epigenetici specifici in risposta a nutrizione. È affascinante che la sopravvivenza selettiva basata sulla variazione epigenetica casuale misura il meglio di dati„, dice Tobias Uller, biologo evolutivo all'università di Lund.

Sorgente: https://www.universiteitleiden.nl/en