Da progetto di ricerca guidato Di stato del Montana estrae la concessione $10 milioni per impedire le malattie pipistrello-sopportate

In uno sforzo per impedire alcune delle malattie più letali del mondo, un gruppo di ricerca internazionale che misura cinque continenti e piombo dal Montana State University studierà i pipistrelli in Australia, nel Bangladesh, nel Madagascar e nel Ghana.

Raina Plowright, assistente universitario nel dipartimento di microbiologia e dell'immunologia nell'istituto universitario di MSU dell'agricoltura ed in istituto universitario delle lettere e della scienza, piombo un progetto per disfare le cause complesse dei virus pipistrello-sopportati che recentemente hanno fatto il salto agli esseri umani, causanti la preoccupazione fra i funzionari della sanità globali.

Il gruppo di ricerca -- quale include più di 20 scienziati da Johns Hopkins, Cornell, Cambridge, UCLA, Penn State, laboratori della montagna rocciosa nel Montana, università di Griffith in Australia ed altre cinque università ed istituzioni -- è supportato da un accordo della cooperativa $10 milioni con il Defense Advanced Research Projects Agency, o DARPA, un'agenzia indipendente del dipartimento della difesa degli Stati Uniti che costituisce un fondo per i progetti ambiziosi e potenzialmente approfonditi.

“Questa ricerca riunisce uno di più grandi gruppi nel mondo che lavora agli agenti patogeni emergenti del pipistrello,„ Plowright ha detto, aggiungendo che il progetto studierà come i virus sono trasmessi al livello cellulare come pure sul disgaggio di interi paesaggi. “Infine, che cosa stiamo provando a fare è di trovare le nuove soluzioni che possono impedire alla gente di ammalarsi.„

I henipaviruses collettivamente chiamati, gli agenti patogeni pipistrello-sopportati in primo luogo sono stati identificati nel 1994 dopo che uno scoppio australiano di virus di Hendra ha ucciso dozzina cavalli ed il loro proprietario. Gli scoppi di virus relativo, chiamati Nipah, da allora hanno provocato le centinaia di morti in Malesia, nel Bangladesh ed in India.

Che cosa la maggior parte dei esperti in salubrità di preoccupazioni, secondo Plowright, è il potenziale affinchè i henipaviruses causino a pandemie future se da uomo a uomo trasmissioni aumentano o i nuovi henipaviruses emergono che sono più ereditari fra gli esseri umani. Le malattie sono altamente letali -- fino a tre quarti delle persone infettate muore -- e non c'è maturazione o vaccino per le infezioni umane.

Secondo Peter Hudson, professore di Willaman di biologia a Penn State ed il ricercatore co-principale del progetto, visioni di come e perché i henipaviruses saltano agli esseri umani potrebbe anche contribuire ad impedire gli scoppi di altre malattie pipistrello-sopportate quali il SAR e Ebola, che hanno ucciso circa 11,000 persone in Africa occidentale dal 2014 al 2016. Proprio mentre gli ufficiali sanitari lottano per curare le vittime di Ebola e per contenere la trasmissione da uomo a uomo, gli scienziati completamente non hanno capito le interazioni del umano-pipistrello alla causa di origine del problema, ha detto.

“Penso che siamo sull'orlo dello scoprire,„ Hudson ha detto.

La ricerca priore di Plowright indica che i cambiamenti ecologici quale disboscamento possono svolgere un ruolo significativo nel causare gli scoppi di henipavirus. Per esempio, il suo gruppo ha trovato che gli incidenti del virus di Hendra in Australia sono collegati ai pipistrelli che si affollano alle zone urbane ed agricole in risposta alla perdita di sorgenti dell'alimento in foreste indigene, in cui i mammiferi di volo svolgono un ruolo importante nell'impollinazione. Quei periodi di sforzo nutrizionale sono pensati per sopprimere i sistemi immunitari dei pipistrelli e per indurre gli animali ad espellere i virus in urina ed altri liquidi organici. Quando i cavalli mangiano l'erba contaminata sotto gli alberi in cui i pipistrelli alimentano, sono infettati e passano la malattia agli esseri umani. Similmente, il virus di Nipah nel Bangladesh è trasmesso agli esseri umani quando i pipistrelli si alimentano la linfa della data-palma che è raccolta e venduta per consumo umano.

“Henipaviruses egualmente è trovato in pipistrelli attraverso l'Africa e l'Asia e non conosciamo quanto stanno traboccando negli altri animali e gente nei posti con sorveglianza difficile,„ Plowright abbiamo detto.

I campioni prelevati dai pipistrelli alle posizioni di studio saranno inviati ai laboratori della montagna rocciosa, gli istituti nazionali di istallazione sanitaria a Hamilton, Montana, che è fornito specialmente per studiare gli agenti patogeni emergenti. I ricercatori là inventarieranno i virus, documenteranno il loro trucco genetico ed useranno gli esperimenti controllati della coltura cellulare per valutare la loro capacità di infettare gli esseri umani.

Il gruppo analizzerà i campioni del pipistrello per le proteine che indicano la capacità del sistema immunitario del pipistrello di rispondere ai virus come pure allo stress ambientale, potenzialmente fornenti le comprensioni in come le malattie si spargono agli esseri umani. Nel frattempo, le osservazioni del campo e le immagini via satellite saranno usate per tenere la carreggiata le variabili ambientali quali i cambiamenti nell'utilizzazione del territorio. I cambiamenti saranno studiati per i collegamenti ai pipistrelli che hanno contatto più vicino con gli esseri umani ed alla risposta immunitaria degli animali come conseguenza dello sforzo nutrizionale, secondo Plowright.

Un tutti quei pezzi, Plowright ha detto, il gruppo di ricerca svilupperà i modelli matematici che predicono gli scoppi basati sulla presenza di henipaviruses e le condizioni ambientali che sollecitano le popolazioni del pipistrello. Quello fornirebbe a funzionari della sanità le informazioni cui potrebbe aiutarli per preparare per, o persino impedire, scoppi futuri, ha detto.

Secondo Plowright, una soluzione a queste malattie micidiali può essere più semplice di una volta ha pensato: habitat proteggente o persino riparazione del pipistrello delle sorgenti indigene dell'alimento quali gli alberi di fioritura nelle aree a partire dalla gente. “Pensiamo che potremmo potere risolvere questo problema risolvendo la causa di origine,„ ha detto.