Lo studio rivela perché alcuni bambini sono suscettibili degli effetti del maltrattamento

Uno studio in psichiatria biologica esamina che cosa rende la gente suscettibile o resiliente agli effetti psichiatrici del maltrattamento di infanzia

La gente che avverte il maltrattamento di infanzia ha frequentemente perturbazioni nella loro architettura del cervello, indipendentemente da se sviluppano i sintomi psichiatrici, ma in uno studio nelle alterazioni supplementari trovate la psichiatria biologica nella gente che non sviluppa i sintomi. Lo studio, dai ricercatori all'ospedale di McLean, facoltà di medicina di Harvard, suggerisce che i cambiamenti supplementari possano contribuire a compensare gli effetti del maltrattamento.

I risultati fanno luce sul mistero di perché alcuni bambini sono suscettibili degli effetti di maltrattamento-cui è un fattore di rischio importante per le complicazioni psichiatriche compreso ansia, la depressione, dipendenza e suicidio-e altri sono resilienti.

“Questi sono risultati importanti poichè forniscono radicalmente una nuova prospettiva su elasticità. Le persone maltrattate senza sintomi psichiatrici non sono inalterate o immuni. Piuttosto, hanno cambiamenti supplementari del cervello che permettono loro efficacemente di compensare,„ hanno detto l'autore principale Kyoko Ohashi, PhD.

Il Dott. Ohashi e colleghi ha creato i modelli delle reti del cervello in 342 giovani adulti, più della metà di cui aveva avvertito il maltrattamento come bambino, rintracciando le vie delle connessioni in tutto il cervello. “Abbiamo trovato che gli adulti emergenti suscettibili e resilienti con il maltrattamento di infanzia hanno avuti le stesse anomalie nell'organizzazione di rete del cervello. Interessante, le persone resilienti hanno avute anomalie supplementari nelle regioni specifiche del cervello che hanno diminuito la loro predisposizione ai tipi differenti di sintomi psichiatrici e questi informazioni potevano predire attendibilmente se le persone non sono state maltrattate o erano suscettibili o resilienti,„ hanno detto il Dott. Ohashi.

Queste anomalie supplementari in adulti resilienti sono sembrato fare diminuire il risparmio di temi del trasferimento di informazioni nelle regioni del cervello probabilmente alterate tramite il maltrattamento e quella è compresa nei sintomi psichiatrici, come dolore, lo sforzo, la depressione e l'ansia. “Questo studio evidenzia che l'elasticità è un trattamento attivo che è associato con le sue proprie alterazioni nella funzione del cervello in aggiunta agli effetti negativi dello sforzo. L'osservazione che la rete in relazione con la malattia cambia è presente nelle persone resilienti può contribuire a spiegare perché alcune persone hanno periodi sia di vulnerabilità che di elasticità dopo che traumatico sollecitano l'esposizione,„ ha detto John Krystal, il MD, editore della psichiatria biologica.

“Ci domandiamo se questi cambiamenti supplementari nella connettività sono le cause, conseguenze, o entrambe le cause e conseguenze di elasticità,„ il Dott. continuato Krystal. Lo studio non può definitivo dire se le alterazioni elasticità elasticità supplementari sono presenti prima dello sforzo o emergere l'esposizione seguente di sforzo. Ma, i risultati danno a ricercatori un'idea di come aiutare la gente suscettibile a sviluppare l'elasticità.

“Questi risultati sono intriganti perché introducono un'assolutamente nuova possibilità. Precedentemente, abbiamo supposto che gli efficaci trattamenti avrebbero dovuto lavorare invertendo alcuni degli effetti del maltrattamento sullo sviluppo del cervello. Questi risultati suggeriscono che il trattamento potrebbe lavorare invece entrando l'organizzazione del cervello delle persone suscettibili più nella riga con l'organizzazione più efficacemente compensativa del cervello delle persone resilienti,„ hanno detto il Dott. Ohashi.