Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: La droga diminuisce la frequenza della vampata di calore, migliora la qualità di vita nei superstiti del cancro al seno

La ricerca piombo dagli oncologi Roberto Leon-Ferre, M.D. e Charles Loprinzi, M.D. della clinica di Mayo ha trovato che il oxybutynin della droga contribuisce a diminuire la frequenza e l'intensità delle vampate di calore in donne che non possono catturare la terapia di sostituzione di ormone, compreso i superstiti del cancro al seno. Questi risultati sono stati presentati al simposio 2018 del cancro al seno di San Antonio.

“Le vampate di calore sono un sintomo comune di menopausa e possono essere ancor più severe nei superstiti del cancro al seno che sono nella popolazione in genere,„ dice il Dott. Leon-Ferre. Dice che parecchi fattori contribuiscono alla severità aumentata delle vampate di calore nei superstiti del cancro al seno compreso l'esposizione alla chemioterapia, che può procurare la menopausa in anticipo; l'uso delle droghe di antiestrogen, quali il tamoxifene o gli inibitori di aromatase; e l'uso dei farmaci o delle procedure sopprimere la funzione delle ovaie. La terapia di sostituzione di ormone, che a volte è usata per trattare le vampate di calore, non è raccomandata generalmente per i superstiti del cancro al seno. “Le vampate di calore non solo urtano la qualità di vita di un paziente, sono associate con i pazienti prematuramente che interrompono il trattamento di cancro al seno, che può aumentare il rischio di ricorrenza e di mortalità del cancro al seno,„ dicono il Dott. Leon-Ferre. “Per i medici è importante avere efficaci opzioni per trattare le vampate di calore.„

Il Dott. Leon-Ferre dice che la ricerca precedente aveva suggerito che le vampate di calore possano essere alleviate con oxybutynin, un agente anticolinergico quale interferiscono con l'attività di un neurotrasmettitore nel cervello e nel sistema nervoso periferico. La droga è più comunemente usata trattare l'incontinenza urinaria.

In questo studio, i ricercatori hanno cercato di determinare se il oxybutynin era più efficace del placebo nel trattamento delle vampate di calore e nel miglioramento della qualità di vita dei pazienti. I ricercatori hanno iscritto 150 donne che avevano avvertito almeno 28 vampate di calore alla settimana sopra più di un mese e che sono state importunate abbastanza da loro per volere il farmaco. Sessantadue per cento delle donne erano sul tamoxifene o su un inibitore di aromatase per la durata dello studio. C'erano tre armi nella prova con i pazienti in due armi che ricevono i dosaggi differenti di oxybutynin e pazienti nel terzo braccio che riceve un placebo.

Lo studio ha trovato che i pazienti su entrambe le diminuzioni della sega delle dosi del oxybutynin nelle vampate di calore hanno confrontato alle donne che hanno catturato il placebo. Le donne in entrambi interferenza in diminuzione anche riferita di armi del oxybutynin delle vampate di calore nel loro lavoro, attività sociali, attività di svago, sonno e miglioramento nella loro qualità di vita globale.

“Questo studio, oltre ad opera precedentemente pubblicata in questa area, stabilisce che il oxybutynin sia un'efficace droga per il trattamento delle vampate di calore in pazienti che hanno controindicazioni relative o assolute alla terapia basata a ormone,„ dica il Dott. Leon-Ferre. “Siamo stati sorpresi dalla rapidità della risposta e della grandezza dell'effetto, consideranti la dose relativamente bassa della droga.„ Dice che il oxybutynin non interferisce con il metabolismo del tamoxifene, che è una considerazione importante per i superstiti del cancro al seno, come alcuni di trattamenti non ormonali più efficaci per le vampate di calore (per esempio antideprimente) è pensato potenzialmente per fare diminuire l'efficacia del tamoxifene.

Il Dott. Leon-Ferre ha detto che poiché il oxybutynin è già disponibile per altre indicazioni, i medici potrebbero potenzialmente prescriverlo privo di marca. Tuttavia, dice che lo studio non ha indirizzato le tossicità a lungo termine di oxybutynin. La ricerca precedente ha indicato che l'uso a lungo termine di questo tipo di droga può essere associato con il declino conoscitivo. Questi effetti secondari possibili dovrebbero più ulteriormente essere ricercati e presi in considerazione quando i medici consigliano i pazienti.