Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le prove di memoria episodica contribuiscono in cervello di predizione ad atrofizzare e nel morbo di Alzheimer

Un uso di due prove di memoria episodica contribuisce in cervello di predizione ad atrofizzare e nel morbo di Alzheimer, come indicato da uno studio effettuato all'università di Helsinki e dell'università di California. I ricercatori suggeriscono che l'uso completo delle prove di memoria potrebbe migliorare la diagnosi di danno conoscitivo delicato dovuto il morbo di Alzheimer.

Il danno conoscitivo delicato è uno stato eterogeneo; può può essere reversibile o permanente. ma egualmente è associato con un elevato rischio di demenza, morbo di Alzheimer in particolare. Il danno conoscitivo delicato si riferisce al danno della memoria o di altri domini conoscitivi in una situazione dove la persona rimane capace indipendente di conduzione delle attività quotidiane e di compimento dei criteri di demenza.

Gli studi intrapresi all'università di Helsinki e dell'università di California hanno trovato che l'uso di due prove di memoria che valutano la memoria episodica ha fatto la diagnostica di danno conoscitivo delicato dovuto il morbo di Alzheimer più preciso. Prove di memoria contribuite per identificare quelle persone con un rischio aumentato di ricezione della diagnosi di un Alzheimer entro i tre anni futuri.

“L'uso di due prove di memoria contrassegnato ha migliorato l'accuratezza della prognosi per una diagnosi del morbo di Alzheimer ed atrofia del cervello nei lobi temporali mediali durante il periodo triennale di seguito,„ dice Eero Vuoksimaa, un'accademia del ricercatore della Finlandia all'università di Helsinki.

“I risultati evidenziano l'importanza della valutazione neuropsicologica come metodo redditizio di diagnostica del danno conoscitivo delicato dovuto il morbo di Alzheimer.„

Il rendimento insufficiente in due prove ha predetto l'atrofia più veloce del cervello

Lo studio ha utilizzato i dati raccolti negli Stati Uniti nell'ambito dell'iniziativa di Neuroimaging del morbo di Alzheimer (ADNI), comprendendo 230 persone conoscitivo normali e 394 persone con danno conoscitivo delicato in base alla prestazione difficile di memoria in una misura di memoria episodica, vale a dire nel richiamo di storia. Quelli con danno conoscitivo delicato più ulteriormente sono stati divisi in due gruppi basati sopra se la loro prestazione di memoria è stata alterata soltanto in una (richiamo di storia) o due (richiamo di storia e richiamo dell'elenco di parole) prove.

I ricercatori hanno studiato le differenze del riferimento fra i gruppi in termini di biomarcatori del liquido cerebrospinale del morbo di Alzheimer, trovanti che coloro che ha eseguito male in entrambi la memoria episodica esamina i pazienti di Alzheimer più molto attentamente somigliato a che coloro che ha fatto soltanto male nella prova di richiamo di storia.

“Durante la fase di seguito, atrofia del cervello nei lobi temporali mediali di coloro che ha eseguito soltanto male nella prova di richiamo di storia non ha differito dai partecipanti conoscitivo in buona salute, mentre in coloro in cui ha avuto rendimento insufficiente sia la storia che l'elenco di parole richiamano le prove, l'atrofia del cervello era più veloce,„ Vuoksimaa spiega.

Il morbo di Alzheimer è stato diagnosticato a metà approssimativamente dei partecipanti che hanno eseguito male in entrambe le prove di memoria episodica durante il periodo triennale di studio, mentre soltanto 16% di quelli con un rendimento insufficiente in soltanto una prova di memoria ha ricevuto la diagnosi del morbo di Alzheimer.

Valutazione più completa della memoria da trasformarsi in in parte del controllo generale di salubrità della popolazione di invecchiamento?

Parecchi studi priori hanno indicato che le prove di richiamo dell'elenco di parole predicono il rischio di morbo di Alzheimer come pure o persino migliorano che i biomarcatori della rappresentazione di cervello o del liquido cerebrospinale.

“In questo studio, abbiamo impiegato i punti di taglio adeguati all'età per la memoria, che produce direttamente un metodo diagnostico adattabile ad uso clinico,„ Vuoksimaa diciamo.

“Effettivamente, la valutazione neuropsicologica più completa compreso almeno due prove di memoria episodica potrebbe essere introdotta come componente della valutazione di salubrità della popolazione di invecchiamento, specialmente nei casi in cui il danno di memoria è sospettato. Il nostro metodo ha potuto anche essere usato quando seleziona i partecipanti per i test farmaceutici clinici. Nel cercare la terapia farmacologica preventiva per il morbo di Alzheimer, sarebbe importante potere da identificare quelle persone di cui il danno conoscitivo iniziale è dovuto il morbo di Alzheimer.„