Gli scienziati trovano le risposte a come il cancro si sparge

I ricercatori segnano un gene con esattezza che pregiudica la comunicazione della cella--cella che piombo alla malattia

Come il cancro si sparge? Mentre studiava le celle del tumore di cervello umano, un gruppo degli scienziati all'istituto di ricerca del centro sanitario di McGill University (RI-MUHC) ha trovato alcune risposte a questo problema cruciale, eppure finora senza risposta. Hanno esaminato un gene chiamato EGFRvIII, che è presente in pazienti con il glioblastoma - un modulo altamente aggressivo di tumore al cervello che si sparge rapidamente e che è difficile da trattare.

In questo studio, in Dott. Rak e nel suo gruppo esplorato come geni cancerogeni - anche conosciuti come gli oncogeni - quale il cambiamento di EGFRvIII il contenuto dei messaggi scambiati fra le celle. I loro risultati sono stati pubblicati nell'emissione della stampa del Proteomics molecolare & cellulare del giornale.

“Le cellule tumorali ci attaccano “in bande„, ma efficacemente lavorare insieme, devono comunicare„, dicono l'autore principale, il Dott. Janusz Rak, uno scienziato senior nella salute dei bambini e nel programma di sviluppo umano del RI-MUHC e un professore nel dipartimento della pediatria, divisione di medicina sperimentale alla McGill University. “Un modo che possono fare questa è via le strutture del tipo di bolla minuscole chiamate vescicole o (EVs) exosomes extracellulari. EVs è riempito di proteine attive che funzionano come messaggi che sono mossi fra le celle.„

Un gene che incita le celle a parlare un linguaggio differente„

Il Dott. Rak ed il suo gruppo ha trovato che l'oncogene EGFRvIII che avvia il cancro egualmente incita le celle a parlare un linguaggio differente„.

“Le proteine in EVs possono cambiare il comportamento delle cellule, per esempio possono farle invadere i tessuti o riprodurrsi per metastasi. Poichè EVs invia queste proteine fra le celle, alcune di loro interpretano questa poichè un segnale è più aggressivo e questa è una parte importante di cui il cancro realmente è,„ spiega il Dott. Rak che sta studiando il meccanismo di diffusione del cancro per più di 20 anni.

“Che cosa è stupefacente è quel un singolo gene cancerogeno, EGFRvII, può cambiare le centinaia di proteine presenti in EVs, completamente alteranti i messaggi che queste celle inviano ad una un altro,„ lui aggiunge.

Comunicazione della cella--cella di didascalia per combattere cancro

Questa ricerca tiene moltissima promessa per gli scienziati che cercano i modi fermare la diffusione di cancro bloccando EVs dai messaggi di trasmissione fra le cellule tumorali.

“Il nostro lavoro egualmente suggerisce che gli oncogeni differenti possano avere effetti differenti sulla comunicazione della cella--cella e sul tipo e sul contenuto del EVs che le cellule tumorali rilasciano o ricevono; dobbiamo sapere questo funziona per sviluppare le terapie future,„ diciamo il Dott. Dongsic Choi, primo autore di studio e un socio di ricerca postdottorale nel laboratorio del Dott. Rak che ha intrapreso gli studi facendo uso di grazie di uno strumento del romanzo alle fondamenta dell'ospedale pediatrico di Montreal.

EVs, che può essere individuato in campioni di sangue, già sta usando per diagnosticare i cancri. Le proteine EV-associate scoperte dal gruppo del Dott. Rak hanno potuto essere usate per sviluppare le prove ed i trattamenti adattati per i pazienti con il glioblastoma in futuro.

Il multiforme di Glioblastoma, anche chiamato glioblastoma, è più prevalente in adulti invecchiati 45 - 70 ed ha uno dei tassi di sopravvivenza meno elevati di tutto il cancro. Circa 1.000 canadesi sono diagnosticati ogni anno con un glioblastoma e soltanto quattro per cento di quei pazienti sopravvivono a cinque anni o più lungamente. Le cause esatte del glioblastoma sono ancora sconosciute.

Il lavoro precedente del Dott. Rak su EVs derivato cancro è stato riconosciuto dal caricatore di scienza di Québec come la scoperta scientifica dell'anno nel 2008.