La standardizzazione dei pratiche alimentari migliora le tendenze della crescita per i micro-preemies

Standardizzando i pratiche alimentari, compreso la sincronizzazione per il latte materno di fortificazione e la formula con gli elementi essenziali gradisca lo zinco e la proteina, migliora le tendenze della crescita per gli infanti prematuri più minuscoli, secondo la ricerca dei bambini presentata durante l'istituto per il simposio scientifico 2018 di miglioramento di sanità (IHI). Il simposio è tenuto insieme con il forum nazionale di IHI su miglioramento di qualità nella sanità.

Circa 1 in 10 infanti nasce prima della gestazione di 37 settimane secondo il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Il progetto di qualità-miglioramento al sistema nazionale della salubrità dei bambini ha mirato molto agli infanti del basso peso alla nascita, che pesano meno di 3,3 libbre (1.500 grammi) alla nascita. Questi infanti fragili nascono molto prima dei loro organi interni, i polmoni, cervello o i loro apparati digerente hanno a sviluppo completo e sono ad ad alto rischio per le sfide nutrizionali in corso, gli stati di salute come enterocolite necrotizzantesi (NEC) e lo scarso sviluppo globale.

Il progresso misurato del gruppo di ricerca tenendo la carreggiata il Z-punteggio medio del peso del delta dei micro-preemies per obesità, che misura lo stato nutrizionale.

“In questo gruppo, i Z-punteggi medi del peso di delta sono migliorato da 43 per cento, aumentanti da -1,8 allo scopo di -1,0, quando abbiamo impiegato una schiera degli interventi. Abbiamo veduto il più grande miglioramento, 64 per cento, fra gli infanti prematuri che erano nati fra la gestazione di 26 - 28 settimane,„ diciamo Michelande Ridoré, ms, cavo di programma di qualità-miglioramento del NICU dei bambini che presenterà i risultati preliminari del gruppo. “È molto incoraggiante vedere le tendenze migliori della crescita appena sei mesi dopo avere introdotto questi interventi mirati a e mantenere questi miglioramenti per 16 mesi.„

All'interno dell'unità di cure intensive neonatale dei bambini (NICU), i micro-preemies vivono in un ambiente che imita l'utero, con illuminazione attenuata e le incubatrici riscaldate coperte dalle coperte per desonorizzare il disturbo estraneo. Il gruppo pluridisciplinare ha contato su una serie di interventi per migliorare i risultati nutrizionali a lungo termine dei micro-preemies, includenti:

  • Diminuendo le variazioni in come i diversi fornitori di cure mediche di NICU si avvicinano ai pratiche alimentari
  • Latte materno di fortificazione (e formula quando il latte materno non era disponibile), che aiuta questi neonati magri del supplemento ad aggiungere il muscolo e rinforzare le ossa
  • Inizio iniziale di nutrizione che attraversa l'intestino (alimentazioni enterali)
  • Rieducare tutti i membri dei gruppi della cura degli infanti circa l'importanza di alimentare standardizzato e
  • Fornitura dell'aiuto di decisione circa intolleranza alimentante.

I dietisti sono stati inclusi nei giri quotidiani, durante cui il gruppo pluridisciplinare discute la pianificazione della cura di ogni infante alla loro stanza e nei colori usati del semaforo per descrivere come i micro-preemies stavano progredendo nei loro scopi nutrizionali. È comune affinchè questi neonati perda il peso nei giorni primissimi di vita.

  • Gli infanti nella zona “verde„ avevano riacquistato il loro peso alla nascita di giorno 14 di vita e gli interventi possibili hanno compreso la regolazione quante calorie e la proteina essi ha consumato il quotidiano per riflettere il loro nuovo peso.
  • Gli infanti nella zona “gialla„ fra i giorni 15 - 18 di vita sono rimanere più leggeri di che cosa hanno pesato alla nascita e stavano tendendo verso i Z-punteggi più bassi di delta. Oltre a valutare i fattori di rischio dell'infante, il gruppo potrebbe aumentare le calorie consumate al giorno ed aggiungere la fortificazione, tra altri interventi possibili.
  • Gli infanti nella zona “rossa„ sono rimanere sotto il loro peso alla nascita dopo il giorno 19 di vita ed hanno registrato i Z-punteggi depressi di delta. Questi infanti hanno veduto gli interventi più intensivi, in grado di comprendere le conversazioni con il neonatologist e il R.N. per discutere le strategie per invertire l'omissione dell'infante di svilupparsi.

La ricerca futura esplorerà come gli interventi nutrizionali urtano i neonati con il NEC, una circostanza caratterizzata dalla morte del tessuto nell'intestino. Questi infanti affrontano le sfide significative che guadagnano la lunghezza ed il peso.