Lo studio dissotterra le opzioni sensoriali che gestiscono l'infanticidio ed il comportamento parentale

Molte specie di mammiferi si sono evolute che cosa sembrano essere comportamenti paradossali verso i loro giovani. Come gli esseri umani, la maggior parte della mostra consolidanti, i comportamenti protettivi ed in alcune circostanze anche funge da genitori sostitutivi. Tuttavia, i maschi vergini si impegnano spesso nell'infanticidio come strategia per propagare i loro propri geni. Come sono questi comportamenti sociali stanti in conflitto controllati?

La ricerca pubblicata oggi in cella dimostra che l'opzione fra tali comportamenti estremi in mouse è determinata da una miscela dei feromoni e delle indicazioni multisensory che emanano dai cuccioli neonati.

I ricercatori alla Harvard University e il Sainsbury Wellcome concentrano, UCL hanno usato i manichini novelli del cucciolo del silicone e la segnalazione geneticamente manipolata di pheromonal per determinare come i mouse maschii e femminili riconoscono i cuccioli e generano i comportamenti sociali. Lo studio esplorato se gli stessi segnali o fenomeni differenti suscitano il comportamento parentale nei genitori e l'infanticidio in maschi vergini.

Geneticamente cancellando i sottotipi specifici dei ricevitori nell'organo vomeronasale (VNO), un sistema olfattivo specializzato in mouse che percepisce i feromoni in questione nei comportamenti sociali, maschi vergini del convertito di Isogai et al. che attaccano normalmente i cuccioli nell'intrattenere gli adulti.

“Interessante, tramortendo la funzione di VNO abolisce soltanto il comportamento aggressivo e non tramorte il comportamento parentale. Ciò significa che i mouse ancora hanno accesso alle indicazioni che suscitano i comportamenti parentali e così anche se le indicazioni per l'infanticidio ed il comportamento parentale possono sovrapporrsi, là sono differenze„ Yoh commentato Isogai, guida del gruppo al centro di Sainsbury Wellcome.

Inizialmente, i ricercatori hanno proposto che i feromoni specifici ai cuccioli fossero grilletti per i comportamenti adulti specifici; tuttavia, una ricerca sistematica non è riuscito a scoprire qualsiasi composti. Ciò è coerente con il fatto che i maschi vergini non esibiscono l'aggressione una volta presentati con i feromoni del cucciolo da solo. La loro analisi comportamentistica combinata con spettrometria di massa li ha permessi di identificare le molecole specifiche in saliva femminile e nel sangue come stimoli critici per l'aggressione maschio.

Il gruppo allora esplorato se altre indicazioni sensitive potrebbero contribuire al riconoscimento dei cuccioli. Per fare questo hanno sviluppato i manichini modellati silicone delle forme differenti compreso una forma artificiale del mattone, una chiazza, una forma ibrida e un manichino a forma di cucciolo realistico. I maschi hanno reagito soltanto alle forme più realistiche, indicando che funzionalità del cucciolo come pure indicazioni sociali confer importanti dei feromoni.

Le forme semplificate quale la chiazza non hanno reso molta di una risposta naturale e niente era interessante più efficace della forma naturale di un cucciolo. La mancanza di movimento dei manichini del silicone egualmente non è sembrato limitare, che è supportato tramite le osservazioni che i maschi vergini attaccano i cuccioli morti.

Lo studio avanza la nostra comprensione di come gli animali riconoscono le indicazioni sociali e trasformano questi informazioni nei comportamenti socialmente pertinenti. I comportamenti e l'infanticidio parentali sono innati in mouse ed è pensato che il circuito che è alla base del riconoscimento delle indicazioni sociali potrebbe essere conservato e quindi l'un giorno potrebbe aiutarci a capire come gli esseri umani possono riconoscere tali una diversa gamma di informazioni sociali in altre persone.

I pezzi seguenti del puzzle per il laboratorio di Isogai sono di determinare come le funzionalità specifiche emesse da un animale, quali i feromoni e la forma, si combinano in informazioni sociali dal cervello. Inoltre, gli scienziati sperano di determinare che cosa cambia nei cervelli di di topo maschio quando stanno bene ai padri.

Sorgente: https://www.ucl.ac.uk/swc/sainsbury-wt-news-pub/neuroscientists-uncover-sensory-switches-controlling-infanticide-and-parental-behaviour-in-mice