Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo studio conferma la tendenziosità geografica nell'allocazione del polmone per trapianto

I risultati di uno studio delle cartelle sanitarie di più di 7.000 pazienti che attendono un trapianto del polmone negli Stati Uniti affermano nel 2017 la base di un archivario di corte che ha chiamato il sistema di allocazione dell'organo geograficamente “attrezzato„ in alcune regioni della nazione.

In un rapporto, pubblicato il 15 novembre online nel giornale americano di trapianto, i ricercatori della medicina di Johns Hopkins che hanno intrapreso gli studi dicono le lezioni della tenuta di risultati per più ulteriormente il miglioramento del sistema corrente di allocazione del polmone come pure il trattamento per definire altri organi per il trapianto.

“I pazienti dappertutto soffrono dalle scarsità erogarici e tutti vogliamo fare qualunque è possibile per assegnare il più efficientemente gli organi alla gente più malata molto probabilmente per avvantaggiarsi e sopravvivere a,„ diciamo Errol Bush, M.D., un membro del gruppo di ricerca ed il Direttore chirurgico del programma avanzato del trapianto di affezione polmonare e del polmone alla scuola di medicina di Johns Hopkins University.

La nuova analisi, dice, dimostra che per i pazienti degli Stati Uniti che attendono un trapianto del polmone prima di 2017, dove avete vissuto o ricevuto la vostra sanità può involontario essere più importante di quanto malato e probabile avvantaggiarvi erano quando è venuto a quanto tempo avete dovuto aspettare un organo erogatore.

“I dati ci hanno detto che dove i candidati del trapianto vivono purtroppo ha avuto (e continua ad avere) un impatto enorme sulla probabilità di ricezione del trapianto,„ dicono Martin Kosztowski, M.D., M.P.H, un ricercatore a Johns Hopkins e primo autore di nuovo documento. “E significa che i pazienti che dispongono dei mezzi da viaggiare ad un'area o ad una lista di servizio (DSA) erogatrice differente ai centri multipli sono ad un vantaggio.„

Il più vecchio sistema di allocazione, di gestione nell'ambito delle polizze fissate tramite la rete unita per l'organo che divide (UNOS), esisteva per molti anni, Bush dice e tweaked in risposta all'archivario di corte 2017 in un caso di New York.

La causa è stata portata a nome di una giovane donna sulla lista di attesa del trapianto che ha sostenuto che ingiustamente stava discriminanda contro a causa della sua posizione--New York. La gente meno malata appena attraverso il fiume hudson nel New Jersey, il vestito reclamato, stava ricevendo gli organi più velocemente. Le linee guida di UNOS richieste i polmoni erogatori da definire ai pazienti più malati su una base regionale, un sistema hanno progettato per usare gli organi erogatori localmente a causa dei vincoli di tempo. I polmoni che sono diventato disponibili all'interno di qualunque di 58 DSAs in primo luogo andrebbero a qualcuno che aspetta all'interno di quella regione, anche se c'era un paziente più malato altrove.

Ma il tribunale di prima istanza degli Stati Uniti per il distretto del sud di file di New York ha reclamato le linee guida era inutilmente discriminatorio e nella risposta, il UNOS ha cambiato la sua polizza in modo che i polmoni fossero offerti al candidato più alto entro 250 miglia marine, piuttosto che nei limiti di DSA.

In uno sforzo per mettere più prova dietro quell'archivario ed altre richieste per i cambiamenti di allocazione, Bush dice, lui ed i suoi dati analizzati colleghi su 7.131 paziente sopra l'età di 12 chi stavano attendendo i trapianti del polmone negli Stati Uniti fra il 19 febbraio 2015 ed il 31 marzo 2017--tutti con il vecchio sistema di allocazione.

I dati hanno incluso il punteggio di allocazione del polmone di ogni paziente (LAS), un numero usato per determinare la priorità del trapianto fra 0 e 100 basati su come il malato un paziente è e su quanto probabilmente il paziente deve sopravvivere ad un trapianto. Più alto il punteggio di allocazione del polmone, il più dentro hanno bisogno di un paziente sono e più probabile il paziente sarà di morire senza ricevere un trapianto del polmone. Ogni anno più di 2.000 trapianti del polmone sono eseguiti in tutta la nazione.

I ricercatori hanno calcolato le tariffe del trapianto del polmone da LAS in ogni DSA attraverso il paese corrispondendo il numero dei trapianti eseguito diviso dal numero di attesa spesa persona/anno attive in una categoria data di LAS (0-32, 32-34, 34-38, 38-42, 42-50 e 50-100).

Il rapporto nelle tariffe del trapianto del polmone fra qualunque due DSAs ha variato da 1,0 (per DSAs con le tariffe identiche) a 21,73--qualcuno in un DSA sarebbe quasi 22 volte più probabilmente ricevere un polmone che qualcuno nell'altro DSA con lo stesso LAS.

, Bush dice, c'era in media una differenza di 2,05 volte fra le tariffe del trapianto del polmone in tutte le paia di DSAs. Ciò ha significato che muoversi da un DSA verso un altro realmente ha avuto più di un impatto, in media, che saltando fra le categorie di qualche LAS--la differenza nelle tariffe del trapianto fra un LAS di 38-42 e di 42-50 era volta 1,54, per esempio.

I ricercatori di Johns Hopkins notano che i risultati fanno un backup chiaramente il reclamo della causa 2017--la tariffa del trapianto del polmone per i pazienti con un LAS di 50-100 (la categoria di LAS del querelante di causa) in New York era 3,2 trapianti del polmone alla persona/anno, mentre la tariffa nel New Jersey per quella categoria di LAS era 12,49, quasi quattro volte più su. I ricercatori egualmente notano che l'Arizona e le parti di Florida, di North Carolina e di Carolina del Sud hanno avute alcune di più alte tariffe del trapianto rispetto ad altri stati.

Inoltre, la disparità fra le posizioni è aumentato nel corso dello studio--la differenza media fra le tariffe del trapianto in qualunque due DSAs era nel 2006 nel 2016 1,69 e 2,10.

Mentre il nuovo studio non ha analizzato il nuovo sistema di allocazione dei 250 miglio-raggi, il sospetto dei ricercatori può ancora trattenere alcune delle stesse tendenziosità, poiché ancora è basato su posizione. Determinati posti nel paese, Kosztowski precisa, hanno le tariffe molto più alte di donazione di organo a causa della pandemia o delle morti aumentante dell'overdose dovuto gli eventi traumatici come pure tendenze nelle organizzazioni erogarici locali comunicante con le famiglie e le comunità circa l'importanza di donazione di organo.

“Che il raggio da 250 miglia è ancora arbitrario e necessariamente non fisserà il problema,„ dice Kosztowski. “Certamente vogliamo valutare il nuovo sistema per vedere se abbia migliorato le cose. Nel migliore dei casi, un candidato del trapianto non dovrebbe dovere preoccuparsi per dove ottengono sulla lista del trapianto.„

I risultati possono anche sostenere per il modo che altri sistemi di allocazione dell'organo definiscono i trapianti hanno basato su posizione.

La domanda dei trapianti del polmone supera continuamente le donazioni ed in tutta la nazione ci sono generalmente più di mille pazienti che aspettano in qualunque momento un polmone. Per ogni cento pazienti su un waitlist per un anno, circa 15 muoiono. Pazienti che aspettano i trapianti del polmone--così come coloro che ha ricevuto appena i trapianti--costi migliaia del sistema sanitario di dollari un il mese.

Sebbene il trapianto del polmone sia una grande operazione e possa essere costoso, il miglioramento nella qualità di vita per i pazienti e le loro famiglie la vale, dice i ricercatori. Corrente, i destinatari del trapianto del polmone a Johns Hopkins traggono giovamento dai quasi 97 per cento di probabilità per vivere per almeno un anno dopo trapianto.