Lo studio trova i nuovi sforzi del virus dell'epatite C in Africa Subsahariana

Il più grande studio di popolazione su epatite virale C in Africa ha trovato tre nuovi sforzi del virus che circola nella popolazione in genere in Africa Subsahariana. La ricerca dall'istituto di Wellcome Sanger, dall'MRC-Università di centro di Glasgow per la ricerca del virus e dai collaboratori ha suggerito che determinate droghe antivirali corrente utilizzate nell'ovest non potessero essere come efficaci contro i nuovi sforzi e che i test clinici dei pazienti in Africa Subsahariana sono necessari urgentemente per valutare le strategie ottimali del trattamento in questa regione.

Pubblicato nell'epatologia del giornale, la scoperta di nuovi sforzi ha potuto informare il trattamento e lo sviluppo del vaccino di epatite virale C universalmente ed assiste lo scopo dell'organizzazione mondiale della sanità di eliminare l'epatite virale C globalmente.

L'epatite virale C è un'affezione epatica causata dal virus dell'epatite C (HCV), che è trasmesso pricipalmente tramite i aghi di stampa e l'esposizione ai prodotti di sangue. L'infezione può causare la cirrosi ed il cancro di fegato e quasi 400,000 persone muoiono ogni anno da epatite virale C. Globalmente, 71 milione di persone stimato hanno infezione cronica di epatite virale C, 10 milioni di chi vivono in Africa Subsahariana e non c'è vaccino corrente.

Nel 2016, l'organizzazione mondiale della sanità ha annunciato il suo scopo per eliminare da ora al 2030 l'epatite virale C come problema sanitario di salute pubblica globalmente. Nel mondo occidentale, le droghe antivirali ad azione diretta sono efficaci contro gli sforzi multipli del virus e corrente sono adattate verso gli sforzi trovati nei paesi di redditi alti quali gli Stati Uniti ed il Regno Unito. Tuttavia, la ricerca su HCV in Africa subsahariana ed in altre regioni di reddito basso estremamente è stata limitata. Access alla diagnosi ed al trattamento è basso e non è conosciuto se i posti differenti hanno gli stessi sforzi del virus. Ciò avrà un impatto enorme sull'eliminazione dell'epatite virale C universalmente.

Per studiare HCV in Africa Subsahariana, i ricercatori hanno schermato con attenzione il sangue di 7751 persone dalla popolazione in genere nell'Uganda e, facendo uso dei metodi molecolari, hanno trovato HCV undiagnosed in 20 di questi pazienti. Hanno ordinato i genoma di HCV da questi e due ulteriori campioni di sangue dalla gente sopportata nel Repubblica Democratica del Congo (DRC) ed hanno scoperto tre completamente nuovi sforzi del virus, oltre ad alcuni sforzi veduti nell'ovest.

Il Dott. George S. Mgomella, primo autore della giunzione sul documento dall'istituto di Wellcome Sanger e dall'università di Cambridge, ha detto: “Nel più grande studio su epatite virale C nella popolazione in genere in Africa Subsahariana fin qui, abbiamo scoperto che una diversa gamma di varietà virali di virus dell'epatite C circolano ed egualmente che abbiamo scoperto i nuovi sforzi che non erano stati veduti mai già. Ulteriore ricerca è necessaria poichè alcune droghe antivirali sono efficaci contro gli sforzi specifici del virus dell'epatite C e non possono lavorare pure in queste popolazioni.„

Il Dott. Emma Thomson, un autore senior sul documento dall'università di Glasgow, ha detto: “È importante che c'è uno sforzo concordato per caratterizzare gli sforzi di epatite virale C in Africa Subsahariana ad un livello della popolazione per assistere i paesi per selezionare i trattamenti ottimali per acquisizione nazionale. Egualmente sarà importante informare la progettazione vaccino quale catalizzerebbe l'eliminazione di epatite virale C da ora al 2030.„

I ricercatori hanno scoperto che i metodi di vagliatura correnti facendo uso di rilevazione dell'anticorpo erano inesatti nell'Uganda e che la rilevazione del virus stessa probabilmente sarebbe stata un metodo superiore per la diagnostica dell'infezione in popolazioni ad alto rischio. I ricercatori hanno trovato che molti degli sforzi presenti portano le mutazioni in geni conosciuti per essere associato con la resistenza ad alcune droghe antivirali comunemente usate, provanti che gli approcci attenti sono necessari diagnosticare e trattare HCV efficacemente in Africa.

Il Dott. Manj Sandhu, un autore senior sul documento dall'istituto di Wellcome Sanger e dall'università di Cambridge, ha detto: “Il nostro studio evidenzia l'esigenza di più investimento sulla gente in Africa e le parti di sviluppo del mondo. Mostriamo che ci sono chiare differenze in HCV attraverso il mondo, sottolineante l'esigenza della comprensione del HCV globalmente. Il nostro lavoro contribuirà ad informare la politica sanitaria di salute pubblica e rivela che gli ulteriori studi e test clinici in Africa Subsahariana sono necessari urgentemente se il WHO deve raggiungere la sua visione di eliminazione dell'epatite virale C da ora al 2030„.

Sorgente: https://www.sanger.ac.uk/news/view/new-strains-hepatitis-c-found-africa