Le donne con la malattia di cuore riferiscono più disparità nella cura rispetto agli uomini

Facendo uso dei dati da un'indagine nazionale che rappresenta 11 milione donne con cuore e le malattie del vaso sanguigno, i ricercatori della medicina di Johns Hopkins dicono che le donne continuano a riferire le disparità significative nella cura ricevono rispetto agli uomini. Ed il problema di root, molte donne dicono, è che i fornitori di cure mediche non ascoltano o non li rispettano.

Credito: iStock

Le malattie cardiovascolari, compreso gli attacchi di cuore ed i colpi, hanno per le decadi hanno persistito come la causa della morte superiore delle donne negli Stati Uniti, secondo l'associazione americana del cuore (AHA). E il AHA riferisce che le 44 milione donne stimate negli Stati Uniti hanno malattia cardiovascolare e 1 in 3 morti delle donne ogni anno sia dovuto la malattia cardiovascolare. La malattia cardiovascolare è egualmente la causa della morte di no. 1 negli uomini, ma le donne hanno risultati peggiori dopo determinati tipi di attacchi di cuore.

Le decadi della ricerca indica che l'identificazione in anticipo, il trattamento e l'attenzione a tali fattori di rischio come l'ipertensione, i livelli ricchi in colesterolo, l'obesità, la storia della famiglia di malattia cardiovascolare ed il diabete possono diminuire sostanzialmente il carico e le morti di malattia. I cambiamenti di stile di vita, la cessazione di fumo e le droghe quali gli statins sono sostegni provati di riduzione di rischio.

Ma i risultati di nuovo studio, pubblicati il 10 dicembre online nel giornale dell'associazione americana del cuore, aggiungono per provare che i medici che si occupano delle donne possono essere meno coscienti di ed attenti a questi fattori di rischio nei loro pazienti femminili e che le donne percepiscono che le loro preoccupazioni non sono catturate seriamente come dovrebbero essere.

Abbiamo indicato che le donne non stavano ottenendo lo stesso livello di cura degli uomini e ritengono quel modo anche. Le donne sono più probabili riferire i problemi di comunicazione con i fornitori di cure mediche e l'insoddisfazione con la loro esperienza di sanità e pensiamo che questa contribuisca alle disparità che vediamo quando si tratta dell'ottenere il preventivo e l'altro trattamento per la malattia cardiovascolare. Documentando ed indirizzando queste lacune di genere nella comunicazione con i fornitori di cure mediche eventualmente tradurrà in risultati migliori per i pazienti femminili„.

Erin Michos, M.D., M.H.S., professore associato di medicina alla scuola di medicina di Johns Hopkins University

Mentre un pò di metrica valutata nello studio, quali i farmaci e le visite dell'ospedale, è stata ottenuta obiettivamente, i ricercatori avvertono che i partecipanti' rapporti della loro comunicazione ed esperienze con i loro fornitori di cure mediche sono stati basati sopra i partecipanti' per possedere le classificazioni piuttosto che gli standard obiettivi, in modo da quei risultati possono essere conforme a questa tendenziosità. Lo studio non è stato destinato per determinare obiettivamente se le donne realmente hanno avute incontri più difficili che gli uomini.

È possibile che le aspettative sociali possano influenzare come le donne percepiscono le loro esperienze di sanità. Per esempio, le donne possono volere più partecipazione a decidere la loro cura o possono volere un'esperienza più interattiva con il loro fornitore di cure mediche che gli uomini, che possono urtare la loro soddisfazione paziente globale.„

Michos

Michos dice che gli studi passati hanno indicato meglio quella gente con le esperienze positive con la loro salubrità di rapporto dei fornitori di cure mediche e migliore qualità di vita ed il suo gruppo ha progettato il nuovo studio per capire meglio come donne (ed uomini) con la malattia cardiovascolare stimata le loro esperienze con i fornitori di cure mediche e percepite la loro cura.

Per la loro analisi, hanno usato i dati di indagine dall'indagine di comitato medica di spesa, che è un ministero degli Stati Uniti dei servizi sanitari e sociali studia quelle informazioni raccolte da 21.353 uomini e donne adulti con la malattia cardiovascolare, con parecchi giri delle interviste di telefono in due anni per ogni partecipante dal 2006 al 2015. La diagnosi della malattia cardiovascolare è stata determinata dalla auto-segnalazione o dai codici di fatturazione di assicurazione della cartella sanitaria.

Le donne hanno rappresentato 47 per cento dei partecipanti. Circa 75 per cento dei partecipanti erano bianchi, 14 per cento erano afroamericani, 2 per cento erano asiatici e 10 per cento erano ispani. Fra le donne, 5 per cento erano meno di 40 anni, 36 per cento erano le età 40-64, 23 per cento erano le età 65-74 e 36 per cento erano di 75 anni o più vecchi. I partecipanti hanno incluso la gente che era non assicurata, su assicurazione privata, su Medicaid e su Assistenza sanitaria statale. Per quanto riguarda i gradi d'istruzione, i partecipanti hanno variato dalla High School meno al livello del laureato o dell'istituto universitario.

I partecipanti sono stati chiesti di valutare le risposte possibili sulla comunicazione del paziente-fornitore su una scala di 1-4, con 1 che non sono mai e 4 che sono sempre sulle domande quali come le loro cose spiegate medico in un modo di facile comprensione, se il loro fornitore di cure mediche le rispettasse, se il loro fornitore passasse abbastanza tempo con loro, o se il loro fornitore di cure mediche ascoltasse loro.

La soddisfazione stimata dei partecipanti con la loro sanità su una scala di zero - 10, con zero che sono la sanità peggiore possibile e 10 che sono la migliore sanità mai. I partecipanti egualmente stimati il loro propri hanno percepito lo stato di salute come pure se erano aspirina prescritta. I dati supplementari di salubrità sui farmaci e l'uso di sanità si sono acquistati dalle farmacie, dai medici e dagli ospedali determinare se sono stati prescritti cheabbassano gli statins ed ogni quanto tempo hanno usato il pronto soccorso o sono stati ospedalizzati.

Uno in 4 donne ha riferito l'insoddisfazione con i loro fornitori di cure mediche, con le donne che riferiscono una tariffa più d'altezza 12 per cento della soddisfazione difficile con il loro camice di sanità rispetto agli uomini. Le donne erano 23 per cento più probabili degli uomini da riferire che i loro medici a volte non ascoltato mai o soltanto loro e 20 per cento più probabili da riferire che il loro medico mai o soltanto a volte non indicato loro il rispetto. Nei dati di indagine che valutano la loro qualità di vita, le donne egualmente hanno segnato più in basso degli uomini sia nelle componenti di salute mentale che di fisico medica.

Rispetto ai partecipanti maschii, le donne con la malattia cardiovascolare erano 35 per cento globali meno probabili essere terapia preventiva prescritta dell'aspirina e 45 per cento meno probabili essere prescritto uno statin, strategie standard per la diminuzione dei rischi della malattia cardiovascolare. Anche dopo origine etnica, l'età, il livello di reddito e lo stato rappresentanti di assicurazione, le disparità di genere sono rimanere, rapporti di Michos. Le donne erano egualmente 28 per cento più probabili da usare il pronto soccorso più di due volte all'anno rispetto agli uomini.

Il nostro studio suggerisce che le donne con la malattia cardiovascolare non stiano ottenendo la stessi attenzione e trattamento degli uomini con la malattia cardiovascolare e questa può avere effetti nell'ambiente sui risultati pazienti. Dovremmo essere più dinamici e fornire la cura più equa per tutti i nostri pazienti, indipendentemente dal genere.„

Vincitore Okunrintemi, M.D., M.P.H., un ex dottorando a Johns Hopkins ed ora un residente della medicina interna all'East Carolina University

Sorgente: https://www.hopkinsmedicine.org/news/newsroom/news-releases/compared-with-men-women-with-heart-disease-more-likely-to-report-more-treatment-and-care-disparities