Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Più alta assunzione della vitamina C cruciale affinchè pazienti metabolici di sindrome fermino ciclo di rottura antiossidante

Un'più alta assunzione di vitamina C è cruciale per i pazienti metabolici di sindrome che provano a fermare un ciclo potenzialmente micidiale di rottura antiossidante ed i problemi correlati con la salute, un ricercatore di Oregon State University dice.

Quella è notizie importanti per i 35 per cento stimati della popolazione adulta degli Stati Uniti che soffre dalla sindrome.

“Che cosa questi risultati realmente stanno dicendo alla gente mentre ci muoviamo dalle ferie dell'ricco-alimento ed in gennaio siamo mangiamo le vostre frutta e verdure,„ ha detto Maret Traber, un professore nell'istituto universitario di OSU della salute pubblica e delle scienze umane e professore di Ava Helen Pauling all'istituto del Linus Pauling dello stato dell'Oregon. “Mangi cinque - 10 servizi un il giorno e poi otterrete la fibra, otterrete la vitamina C e realmente proteggerete il vostro intestino con tutte quelle buone cose.„

Una dieta alta in grasso saturato provoca l'infiammazione di qualità inferiore cronica nell'organismo che a loro volta piombo allo sviluppo della sindrome metabolica, ad uno stato serio connesso con disfunzione e demenza conoscitive come pure è un fattore di rischio importante per la malattia cardiovascolare, all'affezione epatica grassa ed al diabete di tipo 2.

Un paziente è considerato di avere sindrome metabolica se lui o lei ha almeno tre di seguenti circostanze: obesità addominale, ipertensione, alto zucchero di sangue, bassi livelli “di buon„ colesterolo ed alti livelli dei trigliceridi.

I risultati pubblicati nella biologia redox suggeriscono che il tipo di cibo del quello piombo alla sindrome metabolica possa richiedere gli squilibri nel microbiome dell'intestino, con la funzione alterata dell'intestino che contribuisce alle tossine nella circolazione sanguigna, con conseguente svuotamento della vitamina C, che successivamente altera il traffico della vitamina E.

È una pedana mobile di rottura antiossidante che servisce a rendere una cattiva situazione peggiore; gli antiossidanti quali le vitamine C ed E offrono la difesa contro lo sforzo ossidativo procurato da infiammazione e dai radicali liberi associati, molecole instabili che possono danneggiare i somatociti.

“Colleen Fitzpatrick realmente protegge la vitamina E, in modo da quando avete perossidazione del lipido, la vitamina E è esaurita e la vitamina C può rigenerarla,„ Traber ha detto. “Se non avete la vitamina C, la vitamina E si perde e poi perdete entrambi quegli antiossidanti e finite in questo circolo vizioso di svuotamento della vostra protezione antiossidante.„

La perossidazione del lipido è la degradazione ossidativa degli acidi grassi poli-insaturi che sono una componente importante delle celle viventi; è il trattamento tramite cui i radicali liberi provano a stabilizzarsi rubando gli elettroni dalle membrane cellulari, danneggiante la cella.

“Se c'è troppo grasso nella dieta, provoca ferite all'intestino,„ Traber ha detto. “Le pareti cellulari batteriche possono poi colare dall'intestino e scivolare nella circolazione nell'organismo e sono inseguite giù dai neutrofili.„

I neutrofili sono il tipo più abbondante di globuli bianchi, una parte fondamentale del sistema immunitario. Batteri di attacco dei neutrofili con acido ipocloroso: candeggiante.

“I globuli bianchi stanno sfregando con candeggiante e quello distrugge la vitamina C,„ Traber ha detto. “L'organismo sta distruggendo la sua propria protezione perché ha ottenuto ingannato dal dysbiosis dell'intestino nel pensiero là era un'invasione batterica.„

E senza intervento, il trattamento continua ripetersi.

“La gente con la sindrome metabolica può mangiare la stessa quantità di vitamina C della gente senza sindrome metabolica ma avere concentrazioni più basse nel plasma di vitamina C,„ Traber ha detto. “Stiamo suggerendo che è perché questo slittamento delle pareti cellulari batteriche induce il corpo intero a montare quella risposta antinfiammatoria.„

Colleen Fitzpatrick è trovato in verdura fresca e frutta; le sorgenti della vitamina E includono le mandorle, germe di grano e vari semi e petroli.

Le linee guida dietetiche federali richiedono un quotidiano da 65 - 90 milligrammi di vitamina C e 15 milligrammi della vitamina E.