I cervelli della gente con la malattia mentale severa non sono tutti gli stessi, manifestazioni di studio

Un nuovo studio della rappresentazione di cervello del multi-sito nel giornale americano della psichiatria indica che i sottogruppi di gente usano diversamente i loro cervelli quando imita le fronti di taglio emozionali - un compito che riflette la loro capacità di interagire socialmente.

Interessante, le persone con la schizofrenia non hanno funzione sociale categoricomente differente del cervello che quelli senza malattia mentale ma cadono nei sottogruppi differenti che possono rispondere ai tipi di trattamenti differenti. Questi risultati mettono in dubbio gli approcci della ricerca più comuni nella salute mentale.

“Sappiamo che, in media, la gente con la schizofrenia abbiamo danno più sociale che la gente nella popolazione in genere,„ dice il Dott. senior Aristotele Voineskos dell'autore nell'istituto di ricerca di salute mentale della famiglia di Campbell al centro per dipendenza e salute mentale (CAMH) a Toronto.

“Ma abbiamo dovuto adottare un approccio agnostico ed abbiamo lasciato i dati dirci a che cosa i profili cervello-comportamentistici dei nostri partecipanti di studio hanno assomigliato. È risultato che la relazione fra la funzione del cervello ed il comportamento sociale ha avuta niente a che fare con le categorie diagnostiche convenzionali nel DSM-5 (manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali).„

La maggior parte della ricerca del cervello nel campo di salute mentale confronta un gruppo di malattia ad una non malattia o il gruppo “in buona salute„ per cercare i biomarcatori, una misura biologica dei sintomi di salute mentale. Questa ricerca dei biomarcatori è stata evasiva.

Questo studio di ricerca del multi-sito - che ha incluso 179 partecipanti ha reclutato a CAMH a Toronto, l'ospedale di Zucker Hillside in New York ed il centro di ricerca psichiatrico di Maryland a Baltimora - chiamate quel paradigma nella domanda perché la gente con la stessa malattia mentale non può mostrare gli stessi reticoli biologici.

Lo studio, che ha fatto partecipare i partecipanti che completano un compito d'imitazione facciale mentre subiva le scansioni di cervello di risonanza magnetica funzionale, ha trovato tre “profili di attivazione,„ dice il primo Dott. Colin Hawco dell'autore, anche di CAMH. Questi possono essere descritti come profili tipici, sovra-attivati e disattivati.

“Pensiamo che quelli con le reti sovra-attivate possano essere “inefficienti„ in termini di attività di cervello - probabilmente hanno lottato di più e necessario lavorare più duro per fare lo stesso compito confrontato agli altri gruppi,„ dice il Dott. Hawco.

““La disattivazione„ del gruppo è sembrato mostrare l'uso molto efficiente del loro cervello ed ha migliorato sulle prove comportamentistiche di elaborare sociale pure.„ Questi risultati erano veri per i partecipanti con e senza la schizofrenia.

“Non c'è realmente l'efficace trattamento da occuparsi di questi danni sociali, che è perché realmente siamo investiti nella capire le reti del cervello dei comportamenti sociali come obiettivi per il trattamento e la ricerca,„ dice il Dott. Anil Malhotra, direttore di ricerca all'ospedale di Zucker Hillside.

“Ora siamo posizionati per verificare i trattamenti per contribuire a cambiare la funzione del cervello, piuttosto che la messa a fuoco sui sintomi da solo, quando si tratta della gente d'aiuto con danno sociale.„

La gente con i danni sociali non può potere reagire come previsto alle emozioni che vedono in altre, quali timore, tristezza o felicità.

“Poichè i danni sociali diventano più severi, la gente è più probabile essere isolata, incapace di funzionare nella vita quotidiana ed ha una profonda riduzione della loro qualità di vita,„ dice il Dott. Robert Buchanan, Direttore del centro di ricerca psichiatrico di Maryland, di uno psichiatra e del ricercatore che sta lavorando per trovare i nuovi trattamenti per migliorare la funzione sociale durante le tre decadi scorse.

I risultati sono stati sostenuti da un campione indipendente della replica di 108 partecipanti, che hanno mostrato gli stessi risultati di funzione del cervello di nel campione originale.

Lo studio, conosciuto come il sociale elabora l'iniziativa in neurobiologia delle schizofrenia (ROTAZIONI) è stato costituito un fondo per dall'istituto della salute mentale nazionale come componente della sua iniziativa di criteri del dominio della ricerca (RDoC).

Questo studio ed altre scoperte recenti possono fornire una nuova piattaforma per sormontare l'innovazione limitata del trattamento nella ricerca nella psichiatria nel corso degli ultimi decenni, dice il Dott. Voineskos.

“È grande da vedere che un approccio differente può aprire una nuova finestra per la ricerca del trattamento. Non possiamo continuare fare la stessa cosa continuamente e prevedere un risultato differente.„

Sorgente: http://www.camh.ca/