I biomarcatori hanno identificato che potrebbero predire il rischio di colpo

I ricercatori hanno sviluppato con successo due biomarcatori che potrebbero contribuire a predire il rischio di condizioni del cuore e di colpo.

Da scoperta dello studio e da convalida nominate e “guidate da dati dei biomarcatori basati a sangue di circolazione connessi con la fibrillazione atriale prevalente,„ sono state pubblicate nell'ultima edizione del giornale europeo del cuore. Lo studio è venuto dai ricercatori all'istituto delle scienze cardiovascolari ed all'istituto di Cancro ed alle scienze genomiche all'università di istituto universitario di Birmingham delle scienze mediche e dentarie.

Credito di immagine: MAD.vertise/Shutterstock
Credito di immagine: MAD.vertise/Shutterstock

La fibrillazione atriale (AF) rimane una delle cause più comuni dell'aritmia o della perturbazione del ritmo del cuore. Pregiudica intorno 1,6 milione di persone nel Regno Unito ed è spesso la causa fondamentale per un colpo. Secondo le fondamenta britanniche del cuore, questo è uno studio importante poichè può contribuire ad individuare presto il AF ed a predire il rischio di colpo in migliaia di persone. Attualmente ECG o l'elettrocardiogramma (elettrocardiogramma) rimane il solo metodo a detct AF in una persona.

Secondo i ricercatori all'università di Birmingham, ci sono tre fattori di rischio clinici e due biomarcatori che hanno un'associazione con il AF. Il gruppo ha esaminato 638 pazienti ricoverati fra 2014 e 2016. I campioni di sangue da questi pazienti sono stati analizzati per 40 biomarcatori cardiovascolari ed i pazienti sono stati valutati per sette fattori di rischio clinici -

  • Età
  • Sesso
  • Ipertensione
  • Infarto
  • Cronologia del colpo o dell'attacco ischemico transitorio (TIA)
  • Funzione del rene e
  • Indice di massa corporea (BMI).

Tutti i partecipanti hanno subito un ECG. Hanno segnato quello con esattezza più vecchio, maschi con un alto indice di massa corporea o BMI erano al più grande rischio di colpi. Di tutti i biomarcatori, due sono sembrato più pertinenti per i colpi. Queste erano la crescita natriuretic factor-23 (BNP) (FGF-23) del peptide e del fibroblasto del cervello. Il BNP è un ormone che è secernuto dal cuore e FGF-23 è una proteina che partecipa al regolamento del fosfato. Se i livelli di questi indicatori sono elevati, una persona può essere considerata per come al rischio.

Secondo l'autore principale dello studio, “i biomarcatori che abbiamo identificato hanno il potenziale di essere utilizzato in un'analisi del sangue nelle impostazioni della comunità quali nelle pratiche del GP semplificare la selezione paziente per la selezione di ECG.„ Il Dott. Winnie Chua del co-author ha detto, “: La gente con la fibrillazione atriale è molto più probabile sviluppare i coaguli di sangue e soffrire dai colpi. Per evitare i colpi per loro è importante catturare le droghe dell'anticoagulante per impedire la coagulazione di sangue. Tuttavia, la fibrillazione atriale spesso è diagnosticata soltanto dopo che un paziente ha sofferto un colpo. Di conseguenza è importante che i pazienti al rischio sono schermati in moda da poterli cominciare essi a catturare gli anticoagulanti per impedire le complicazioni potenzialmente pericolose.„

Il BHF che supporta lo studio ha lodato i sui risultati. Il professor Metin Avkiran, associ Direttore medico al BHF ha detto in un'istruzione, “la fibrillazione atriale aumenta il rischio di colpo, uno stato serio che causa ogni anno oltre 36.000 morti nel Regno Unito, ma è individuato spesso troppo tardi. Questa ricerca ha usato i metodi specializzati di apprendimento automatico e statistici per analizzare i dati pazienti e fornisce la prova incoraggiante che una combinazione di indici analitici della facile--misura può essere usata per predire la fibrillazione atriale. Lo studio può aprire la strada verso migliore rilevazione della gente con il AF e del loro trattamento mirato a con le medicine d'assottigliamento per la prevenzione del colpo e delle sue conseguenze devastanti.„

Gli autori dello studio conclusivo nel loro studio, “una valutazione semplice dell'età, sesso, BMI, BNP e FGF-23 possono identificare i pazienti con il AF, per esempio per arricchire le popolazioni che subiscono la selezione di ECG. Il peptide natriuretic del cervello e FGF-23 possono anche essere utili da stratificare i pazienti con il AF.„ Scrivono, “tre fattori di rischio clinici semplici (età, sesso e BMI) e due biomarcatori (BNP elevato e FGF-23 elevato) identificano i pazienti con il AF. Ulteriore ricerca è autorizzata per delucidare i meccanismi dipendenti FGF-23 del AF.„

Sorgente: https://academic.oup.com/eurheartj/advance-article/doi/10.1093/eurheartj/ehy815/5270657?searchresult=1

Dr. Ananya Mandal

Written by

Dr. Ananya Mandal

Dr. Ananya Mandal is a doctor by profession, lecturer by vocation and a medical writer by passion. She specialized in Clinical Pharmacology after her bachelor's (MBBS). For her, health communication is not just writing complicated reviews for professionals but making medical knowledge understandable and available to the general public as well.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Mandal, Ananya. (2019, June 18). I biomarcatori hanno identificato che potrebbero predire il rischio di colpo. News-Medical. Retrieved on September 21, 2019 from https://www.news-medical.net/news/20190107/Biomarkers-identified-that-could-predict-the-risk-of-stroke.aspx.

  • MLA

    Mandal, Ananya. "I biomarcatori hanno identificato che potrebbero predire il rischio di colpo". News-Medical. 21 September 2019. <https://www.news-medical.net/news/20190107/Biomarkers-identified-that-could-predict-the-risk-of-stroke.aspx>.

  • Chicago

    Mandal, Ananya. "I biomarcatori hanno identificato che potrebbero predire il rischio di colpo". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20190107/Biomarkers-identified-that-could-predict-the-risk-of-stroke.aspx. (accessed September 21, 2019).

  • Harvard

    Mandal, Ananya. 2019. I biomarcatori hanno identificato che potrebbero predire il rischio di colpo. News-Medical, viewed 21 September 2019, https://www.news-medical.net/news/20190107/Biomarkers-identified-that-could-predict-the-risk-of-stroke.aspx.