Il progetto di SIESTA diminuisce le interruzioni di sonno in pazienti ospedalizzati

La riuscita entrata in vigore dipende dagli infermieri che sostengono la causa

La riparazione selettiva con il sistema elettronico delle cartelle mediche (EHR) del centro medico, più una presentazione minuta 20 a medici ed agli infermieri sulle conseguenze della privazione in ospedale di sonno, poteva cambiare il comportamento dei badante nei modi che hanno permesso che più pazienti dormissero indisturbato per tutta la notte.

Sebbene i pazienti possano passare molto del loro tempo che si siede in una presidenza o che recupera a letto, l'ospedalizzazione è raramente riposante. I risvegli di notte per varie prove possono interrompere il sonno. Ciò può causare la sonnolenza, il delirio e le cadute. Per migliorare questo problema, i ricercatori alla medicina dell'università di Chicago hanno progettato uno studio conosciuto come SIESTA (sonno per i ricoverati: Autorizzando personale per agire).

La SIESTA usa “le gomitate„ attraverso il EHRs dei pazienti, invitando medici e gli infermieri ad evitare le rotture che sono soltanto come minimo utile, come risveglio dei pazienti durante la notte per misurare le loro funzioni vitali o per amministrare i farmaci non urgenti.

“Gli sforzi per migliorare il sonno dei pazienti non sono nuovi, ma non attaccano spesso perché contano sul personale per ricordarsi applicare i cambiamenti,„ hanno detto l'autore principale Vineet Arora, il MD, professore dello studio di medicina all'università di Chicago e di un'autorità sull'ottimizzazione della cura paziente in cliniche universitarie, compreso sonno interrotto.

Nell'edizione del gennaio 2019 del giornale della medicina dell'ospedale, Arora ed i colleghi descrivono il loro esperimento, destinato per misurare gli effetti di SIESTA. Hanno intervistato i pazienti circa le barriere per dormire, alle le gomitate adatte a sonno della siesta integrata nel LEI e medici ed infermieri insegnati a come utilizzare agli gli strumenti adatti a sonno nel sistema informatico. Questi sforzi contribuiti per impedire le rotture inutili.

Lo studio ha messo a fuoco su due 18 unità di medicina generale del letto ed ha durato un anno. Dal marzo 2015 al marzo 2016, 1.083 pazienti di medicina generale sono stati ammessi all'unità Siesta-migliorata o ad un reparto ospedaliero standard vicino. Mentre i medici che sono stati formati in uso degli ordini di notte hanno girato in entrambe le unità, infermieri nella preparazione supplementare ricevuta unità Siesta-migliorata da sostenere per i pazienti con i medici in quell'unità. Mentre ad ordini adatti a sonno sono aumentato di entrambe le unità, l'unità Siesta-migliorata ha veduto i cambiamenti più significativi.

Nell'unità di SIESTA, decisioni per rinunciare alle funzioni vitali che ogni quattro ore sono aumentato drammaticamente, aumentare 4 per cento - 34 per cento di notte. alla la sincronizzazione adatta a sonno dei farmaci di notte quali gli anticoagulanti per impedire i coaguli di sangue è aumentato 15 per cento - 42 per cento. Entrate della stanza di notte in diminuzione da 44 per cento.

I pazienti hanno sperimentato sei meno entrate della stanza durante le ore di sonno. I pazienti hanno notato quattro volte meno rotture dovuto i farmaci e tre volte meno rotture dovuto le funzioni vitali sistematiche. L'unità inoltre ha veduto un aumento nella misura paziente nazionalmente usata di esperienza di quiete--notte.

Gli autori concludono quella formazione di professione d'infermiera e del medico, accoppiata con i cambiamenti al LEI, piombo ad una riduzione significativa degli ordini per le funzioni vitali di notte. Egualmente piombo a più l'amministrazione appropriata dei farmaci di notte sia nella SIESTA che nell'unità standard.

Aggiungono, tuttavia, che le virtù ad un di un ambiente adatto a sonno “dipendono agli dagli infermieri basati a unità che sostengono la causa.„ L'enfasi iniziale sulla limitazione delle entrate della stanza di notte, per esempio, finalmente sbiadite, ma i miglioramenti continui è stato veduto dopo che gli infermieri hanno aggiunto la SIESTA alle loro calce dell'unità di professione d'infermiera.

“Questo illustra l'importanza di aggancio degli entrambi gli infermieri e medici per creare agli gli ambienti adatti a sonno in ospedali,„ Arora ha detto.

Sorgente: https://www.uchicagomedicine.org/