L'esposizione alla cannabis, sforzo durante l'adolescenza può piombo ai disordini di ansia a lungo termine

I nuovi studi intrapresi sugli animali da laboratorio indicano che l'esposizione alla cannabis e lo sforzo durante l'adolescenza possono piombo ai disordini di ansia a lungo termine caratterizzati dalla presenza di timore patologico. Il lavoro effettuato dal Laboratorio-NeuroPhar della neurofarmacologia all'università di Pompeu Fabra, piombo dai ricercatori Fernando Berrendero, ora a Francisco de Vitoria University ed a Rafael Maldonado ed è stato pubblicato in neurofarmacologia del giornale.

La cannabis rimane la droga illegale universalmente di consumo corrente. Il suo uso regolare comincia spesso durante l'adolescenza, che sta disturbandosi particolarmente perché questo periodo è cruciale affinchè il cervello maturi correttamente attraverso la riorganizzazione delle sinapsi di un neurone.

I numerosi dati preclinici ed epidemiologici suggeriscono che l'esposizione ai cannabinoidi in adolescenti possa aumentare il rischio dell'inizio delle malattie psichiatriche nell'età adulta. I risultati delle droghe nazionali pianificazione la manifestazione un aumento nel consumo di cannabis e di punti culminanti recenti di un esame che negli ultimi anni la percezione del rischio di suo consumo ha diminuito fra la giovane popolazione, 12 - 17 anni, il gruppo d'età discusso in questo articolo.

“In questo studio abbiamo studiato gli effetti dell'esposizione simultanea a Δ9-tetrahydrocannabinol (THC), che è responsabile in primo luogo per i beni psicoattivi delle cannabis ed allo sforzo durante l'adolescenza„, spieghiamo Rocio Saravia e Marc Dieci-Blanco, primi autori dell'articolo. Specificamente, hanno studiato come questa esposizione durante l'adolescenza pregiudica l'estinzione della memoria di timore in mouse adulti.

Occasionalmente, uno stimolo che dovrebbe essere neutrale, ha potuto essere, per esempio, vedendo il dentista nelle camice, è associato con minacciosa, che sarebbe il dolore che abbiamo feltro sopra le visite precedenti al dentista e causa una risposta di timore. Normalmente, le reazioni di timore diminuiscono col passare del tempo mentre lo stimolo condizionato cessa di essere associato con l'esperienza negativa. Ciò è conosciuta come estinzione di timore. Ma quando l'estinzione di timore non accade correttamente, i disordini di ansia quali la sindrome post - traumatica, le fobie o gli attacchi di panico di sforzo accadono.

“Abbiamo osservato che i mouse adolescenti trattati con THC ed esposti alla visualizzazione di sforzo hanno alterato l'estinzione di timore nell'età adulta. Tuttavia, questo effetto non è stato osservato in animali esposti esclusivamente a questi stessi due fattori„, Fernando che Berrendero spiega. Inoltre, la resistenza all'estinzione di timore è stata associata con una diminuzione nell'attività di un neurone nell'amigdala basolateral e nella corteccia prefrontale infralimbic, suggerenti una liberalizzazione a lungo termine del circuito che regolamenta il timore.

“I nostri risultati evidenziano l'influenza dei fattori ambientali quale lo sforzo sugli effetti nocivi dell'esposizione alla cannabis durante le età giovani e suggeriscono che le conseguenze di uso a breve termine della cannabis notevolmente dipendano dall'ambiente del suo uso„, spiega Rafael Maldonado, professore ordinario di farmacologia a UPF. “La presenza di situazioni di sforzo, comune fra i consumatori della sostanza, può peggiorare gli effetti nocivi delle cannabis„, lui conclude.