Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio rivela le sfumature delle diseguaglianze razziali nella prevenzione di cancro al seno

Studio: Le donne di colore affrontano gli ostacoli supplementari ad informazioni, ricevono meno cura preventiva

Le donne afroamericane ad ad alto rischio di cancro al seno sono meno probabili che le donne bianche perseguire potenzialmente la cura preventiva di salvataggio e le disparità razziali nella sanità ed altrove devono incolpare di, la nuova ricerca suggerisce.

“Le donne afroamericane hanno affrontato i carichi supplementari ad ogni punto lungo il viaggio della gestione dei rischi,„ i ricercatori dall'Ohio State University hanno scritto in uno studio recentemente pubblicato nell'origine etnica & nella salubrità del giornale.

Lo studio ha compreso le interviste approfondite con 50 donne - 30 bianchi, 20 nero- reputati ad ad alto rischio di cancro al seno basato su storia della famiglia ed altri fattori.

Hanno trovato che le donne di colore ad alto rischio erano meno probabili che le donne bianche avere test genetico, catturare i farmaci per proteggerli da cancro e per avere o considerare di fare i loro eliminare petti o ovaie come misura preventiva, disparità che sono state vedute negli studi precedenti. Per esempio, 67 per cento dei partecipanti bianchi di studio hanno detto che essi o un membro della famiglia pertinente avevano subito il test genetico, mentre appena 20 per cento delle donne di colore hanno riferito una cronologia di test genetico.

Questo studio ha rotto un nuovo terreno come il primo per contribuire a spiegare le ragioni dietro le differenze razziali. Ha indicato che le donne di colore erano meno informate delle loro opzioni e in una posizione sfavorevole quando è venuto ad ottenere l'accesso all'informazione circa la prevenzione. I soltanto tre delle donne di colore nello studio, o 15 per cento, avevano veduto uno specialista per la loro salubrità del petto. Nel frattempo, 70 per cento delle donne bianche si erano consultati con un fornitore con addestramento speciale.

L'autore principale Tasleem Padamsee ha detto che ha preveduto le differenze tramite la corsa. Dopo tutto, le disparità di salubrità fra i nero ed i bianchi sono comuni in vari cancri ed in altre malattie. Ma questo era il primo studio per esaminare le differenze nel processo decisionale dinamico di prevenzione e da perforare giù oltre quelle differenze in uno sforzo per spiegare perché le donne di colore ad alto rischio potrebbero operare le scelte differenti che le donne bianche con lo stesso rischio.

Dopo avere analizzato il feedback hanno ricevuto dalle interviste di studio e paragonandolo alle azioni preventive intraprese (o non intraprese) da quelle donne, i ricercatori hanno trovato che differenze sperimentate afroamericane delle donne nel complesso in tre “livelli separati di informazioni„ che contribuiscono alle loro decisioni circa il rischio di cancro di gestione.

Quei livelli comprendono la ricezione delle informazioni specifiche sulle opzioni di cura preventiva, compreso test genetico ed il trattamento profilattico; generalità sul rischio di cancro al seno di gestione; e percezioni di base del rischio e della prevenzione di cancro al seno.

“Abbiamo voluto capire le esperienze di che donne sono come, come operano le scelte e che influenze quelle scelte,„ ha detto Padamsee, un assistente universitario dei servizi sanitari gestione e polizza e un membro del centro completo del Cancro dello stato dell'Ohio.

Le interviste erano vaste e tendenze rivelarici, quale un'più alta probabilità che i partecipanti afroamericani sono stati caricati con altre preoccupazioni di sanità, sia il loro propri che i loro membri della famiglia, Padamsee ha detto. Queste tendenze hanno potuto contribuire ad informare la cura fornita alle donne in futuro, spingendo i fornitori a riconoscere e cercare i modi eliminare gli ostacoli a ridurre il rischio del cancro al seno per i pazienti. Quello potrebbe significare l'aiuto della donna con attenzione per un membro della famiglia anziano o per i suoi bambini, assistendo al trasporto o lavorando per trovare un modo convincerla dentro a vedere uno specialista, ha detto.

“Questi gruppi di donne non stanno operando appena le scelte differenti. Stanno avendo esperienze differenti,„ ha detto. “Impedire il cancro e ridurre il rischio di morte dal cancro richiedono che tutte le donne ad alto rischio ricevano le informazioni che hanno bisogno di.„

I risultati dello studio rivelano le sfumature delle diseguaglianze razziali nella salubrità - i modi che le diseguaglianze strutturali, sociali ed interpersonali si combinano per influenzare le scelte dei pazienti.

Le disparità profondamente sono piantate nei fattori sociali compreso povertà, formazione ed il razzismo che contribuisce ai risultati di salubrità, Padamsee ha detto, aggiungente che quegli ostacoli non sono insormontabili, ma le soluzioni è complessi e lenti.

Una risposta più immediata a queste ingiustizie potrebbe essere un fuoco sull'istruzione dei fornitori di cure mediche circa l'importanza di fornire informazioni della gestione dei rischi a tutti i pazienti e riferendosi le donne ad alto rischio per il test genetico e lo specialista si preoccupano.

“Tutti i fornitori di cure mediche potrebbero essere istruiti circa la pertinenza delle opzioni di informazioni e della gestione dei rischi di rischio per le donne afroamericane e le disparità correnti nella disposizione di questi informazioni attraverso la corsa,„ hanno scritto Padamsee ed i suoi co-author.

Le disparità vedute in questo studio potrebbero essere ancor più profonde nella popolazione in genere, Padamsee ha detto, notante che le donne che fa parte della sua ricerca attivamente sono state impegnate nella sanità e disposto e capace a partecipare alla ricerca.

Sorgente: https://www.osu.edu/