Bibite beventi mentre esercitarsi con tempo caldo può aumentare il rischio di malattia renale

La nuova ricerca suggerisce quella che beve le bibite zuccherate e caffeinated mentre esercitarsi con tempo caldo può aumentare il rischio di malattia renale. Lo studio è pubblicato davanti alla stampa nel giornale americano della fisiologia--Fisiologia regolatrice, integrante e comparativa.

Un gruppo di ricerca dall'università alla Buffalo in New York ha studiato gli adulti in buona salute in un ambiente del laboratorio che ha imitato il lavoro ad un sito agricolo un giorno caldo (95 lauree di Fahrenheit). I volontari hanno completato un ciclo di un'ora di esercizio che consiste di un allenamento minuto della pedana mobile 30 seguito dal sollevamento di cinque minuti differente tre, dalla destrezza e dalle attività d'oscillazione della mazza. Dopo 45 minuti dell'esercizio, i volontari riposavano per 15 minuti nella stessa stanza mentre bevevano 16 once di una bibita o dell'acqua ad alta percentuale di fruttosio e caffeinated. Dopo che la rottura, essi ha ripetuto il ciclo tre nuove volte per complessivamente quattro ore. Prima di lasciare il laboratorio, i volontari sono stati dati più della loro bevanda definita alla bevanda prima del consumo dei nuovi liquidi. Il volume era di 1 litro o un volume uguale a 115 per cento del loro peso corporeo perso con sudare, se quell'importo fosse maggior. I ricercatori hanno misurato la temperatura corporea della memoria dei partecipanti, la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, il peso corporeo e gli indicatori della lesione del rene prima, subito dopo di e di 24 ore dopo ogni prova. Tutti i volontari hanno partecipato sia alle prove dell'acqua che della bibita separate entro almeno i sette giorni.

Il gruppo di ricerca ha trovato i livelli elevati di creatinina nel sangue ed in un grado di filtrazione glomerulare più basso--indicatori per la lesione del rene--dopo la prova della bibita. Questi cambiamenti temporanei non hanno accaduto quando i partecipanti hanno bevuto l'acqua. Inoltre, i livelli elevati del sangue dei partecipanti di vasopressina, un ormone antidiuretico che solleva la pressione sanguigna, erano e sono stati disidratati leggermente durante e dopo la prova della bibita. “Il consumo di bibite durante e dopo l'esercizio nel calore non reidrata,„ i ricercatori spiegati. “Così, le bibite di consumo come bevanda della reidratazione durante l'esercizio nel calore non possono essere ideali. Ulteriore lavoro dovrà discernere gli effetti a lungo termine del consumo della bibita durante l'esercizio nel calore e la sua relazione al rischio di [malattia renale].„