Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio intraprende un'azione più vicino alla risposta dell'organismo di comprensione agli antidolorifici dell'opioide

I ricercatori hanno intrapreso un'azione più vicino alla risposta dell'organismo di comprensione agli antidolorifici dell'opioide quali morfina e fentanil, in grado di piombo allo sviluppo delle droghe più sicure dell'opioide.

Gli opioidi sono classe A di antidolorifici potenti usati per curare il moderato a dolore severo. Agiscono sul sistema nervoso, stimolante i ricevitori dell'opioide che poi bloccano il dolore. Ma l'uso continuato può piombo ai sintomi fisici di ritiro e di dipendenza, parzialmente perché la tolleranza dell'organismo si accumula rapidamente e controllo di dolore diminuisce.

Ora, la ricerca pubblicata “nelle comunicazioni della natura„ ha identificato i meccanismi molecolari specifici nell'organismo che rispondono agli opioidi e causano questa tolleranza aumentante.

Il Dott. Alexis Bailey a St George, università di Londra fa parte del gruppo di ricerca, che piombo dal professor Schulz dell'ospedale universitario di Jena, la Germania.

I ricercatori sviluppati geneticamente hanno modificato i mouse che mancavano dei siti di fosforilazione del ricevitore dell'opioide “della MU„ (µ), l'obiettivo degli antidolorifici dell'opioide nel sistema nervoso centrale. Questi mouse successivamente hanno sviluppato la tolleranza pochissima agli opioidi quali fentanil e morfina. Di conseguenza, l'effetto antidolorifico di queste droghe è stato aumentato drammaticamente.

Ma gli effetti secondari delle droghe, quale costipazione, la depressione respiratoria e sintomi di ritiro, rimanenti immutati o sono stati esacerbati.
I risultati dei ricercatori indicano che la tolleranza e la dipendenza sono due fenomeni dissociabili governati dai meccanismi molecolari separati.

Mentre era stato dimostrato che i siti di fosforilazione “della MU„ hanno svolto un ruolo nella tolleranza dell'opioide in celle, questo è la prima volta è stato provato nei modelli animali.

Nel 2017, 23,8 milione prescrizioni sono state dispensate per gli opioidi quale il tramadolo in Inghilterra - una per ogni due adulti. I ricoveri ospedalieri nel Regno Unito che comprende le dosi eccessive dell'opioide quasi si sono raddoppiati in una decade a 2017.

Il Dott. Alexis Bailey di St George, università di Londra, che ha lavorato alla ricerca con il professor Stefan Schulz dell'ospedale universitario di Jena, la Germania, ha detto: “Cosiddetti “opioidi sicuri„ che sono meno probabili provocare la dipendenza, tolleranza ed il rischio di dose eccessiva accidentale è stato il sacro Graal della ricerca dell'opioide. Questo studio ci intraprende un'azione più vicino a capire i meccanismi molecolari di fondo di come lavorano all'organismo, che è un presupposto assoluto ad inventare le nuove strategie per lo sviluppo della droga.„

Sorgente: https://www.sgul.ac.uk/