I ricercatori identificano la proteina dell'indicatore che offre sia la funzione diagnostica che terapeutica

I ricercatori di università di Osaka basano la rilevazione di biomarcatore e la terapia mirata a sulla stessa proteina dai pazienti di cancro del pancreas

Di tutti i cancri gastrointestinali, il cancro del pancreas è uno degli più aggressive. A causa di questo, ha un tasso di sopravvivenza di cinque anni molto basso di appena 5% e un tempo di sopravvivenza mediano inferiore a 6 mesi. Ulteriormente, il trattamento è difficile, con soltanto chirurgia indicata per fornire una maturazione. Tuttavia, la vasta maggioranza dei pazienti ha tumori che non possono essere eliminati chirurgicamente o il loro cancro ugualmente è avanzato o diffusione troppo lontano per essere trattabile.

La chemioterapia corrente per cancro del pancreas è lungo termine inefficace. Di conseguenza, per migliorare la prognosi e come trattamento novello, i ricercatori di università di Osaka hanno identificato una proteina dell'indicatore che potrebbe essere utilizzata nei sistemi diagnostici mirati a molecolari del tambuccio e di terapia. Un tal strumento può determinare quanto adatto un trattamento è per un paziente specifico, permettendo alla terapia adattata di essere amministrato.

Il gruppo ha studiato CKAP4, una proteina della membrana di plasma che funziona come ricevitore per la proteina secernuta DKK1 e promuove il tumorigenesis. Hanno trovato che CKAP4 è stato rilasciato dalle celle di cancro del pancreas nei exosomes, che sono sacchi membranosi minuscoli prodotti dalle celle del tumore per comunicare a vicenda. Un vantaggio delle proteine membranose secernute è che sono equo semplici individuare a causa della loro accessibilità, in modo da due tecniche riferite sono state sviluppate per fare appena questa.

“Abbiamo generato anti-CKAP4 che gli anticorpi monoclonali che abbiamo usato per sviluppare ELISAs per la rilevazione di CKAP4 rilasciato dai tumori,„ dice primo Hirokazu Kimura autore. “Questi potevano con successo misurare la proteina CKAP4 nel siero dei pazienti di cancro del pancreas ed i livelli di espressione sono stati indicati per abbinare quelli determinati nei tumori stessi.„

Questi stessi anticorpi monoclonali hanno presentati i vantaggi aggiunti della segnalazione di didascalia in celle pancreatiche del tumore e di impedire loro di proliferare e di migrare in laboratorio. Il gruppo poi ha analizzato gli effetti degli anticorpi sui tumori del mouse che si erano sviluppati dal trapianto delle celle di cancro del pancreas umane. Alcuni degli anticorpi hanno inibito la crescita del tumore ed hanno fermato la diffusione dei tumori ai linfonodi, così fondamentalmente prolungando la durata dei mouse.

“Il nostro lavoro sullo sviluppare i preparati dell'anticorpo monoclonale contro cancro del pancreas offre i vantaggi doppi di diagnostica e trattando la malattia,„ spiega Akira corrispondente Kikuchi autore. “Come punto seguente, speriamo di mettere a punto i metodi di vagliatura per i pazienti che portano il biomarcatore dell'antigene CKAP4 che trarrà giovamento dagli interventi terapeutici facendo uso degli anticorpi anti-CKAP4.„

Sorgente: https://resou.osaka-u.ac.jp/en/