Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il metodo standard per l'allineamento dei waitlists del trapianto del fegato non può dare la priorità ai candidati più malati

Un nuovo studio ha scoperto che il metodo standard per i pazienti del posto sul waitlist per trapianto del fegato di salvataggio non può dare la priorità ad alcuni dei candidati più malati per la cima della lista.

“Infine, speriamo che questi informazioni aiutino i clinici a riconoscere che i pazienti sicuri con un ad alto rischio della mortalità non possono essere catturati dalla nostra polizza corrente di organo-allocazione,„ abbiano detto Vinay Sundaram, il MD, Direttore della ricerca di risultati di epatologia al centro completo del trapianto del Cedro-Sinai. È il co-primo autore dello studio multicentrato pubblicato recentemente in gastroenterologia medica pari-esaminata del giornale, il più delle volte il giornale citato nel suo campo.

I trapianti del fegato sono eseguiti come ultima località di soggiorno per l'errore di fegato, quando l'organo vitale ugualmente è danneggiato per sostenere la vita. Il danno più comune è causato dalla cirrosi--sfregio severo che può derivare dai vari termini, compreso le ferite, il virus dell'epatite C, la malattia metabolica e l'abuso di alcool a lungo termine. Mentre più di 8.000 trapianti del fegato sono stati eseguiti l'anno scorso negli Stati Uniti, il bisogno supera la disponibilità degli organi possibili. Secondo la rete unita per l'organo che divide (UNOS), il senza scopo di lucro che gestiscono il sistema del trapianto di organi degli Stati Uniti, più di 13.000 pazienti erano sul suo waitlist del fegato-trapianto il 18 gennaio.

Per decidere quale pazienti dovrebbero essere primi nella riga per i trapianti del fegato, i professionisti medici contano su una valutazione standardizzata della funzione epatica renale e conosciuta come il punteggio di MESCOLARE (modello per l'affezione epatica di stadio finale). Lo scopo è di determinare chi fra i molti pazienti che hanno bisogno i trapianti sono il più malato ma anche capace di resistere alla chirurgia e di recuperare e prosperare. Un punteggio più basso indica meno urgenza per un trapianto; un più alto punteggio indica la maggior urgenza.

Lo studio ha trovato che il punteggio di MESCOLARE completamente non identifica i pazienti con una sindrome pericolosa conosciuta come ACLF-3, o acuto sull'errore di fegato cronico grade-3. Questa sindrome comprende un peggioramento improvviso dell'errore di fegato cronico accompagnato dagli errori multipli del organo-sistema, quali gli errori circolatori, respiratori o neurologici.

“I pazienti ACLF-3, anche con relativamente in basso MESCOLAN'i punteggi, hanno gli elevati rischi di eliminazione dal waitlist dovuto essere troppo malati per un trapianto o della morte mentre aspettando un trapianto del fegato,„ Sundaram ha detto. “Abbiamo cercato di capire come questo accade e come il sistema standardizzato di priorità può danneggiare involontario questi pazienti.„

Il gruppo ha analizzato i dati di UNOS da 100.594 pazienti sui waitlists del fegato-trapianto dal 2005 al 2016.

“I nostri scopi di studio erano duplici,„ Sundaram ha detto. “In primo luogo, abbiamo precisato per determinare il tasso di mortalità di pazienti con ACLF-3 che attendono il trapianto del fegato ed in secondo luogo per analizzare come i pazienti con ACLF-3 sono andato quando hanno ricevuto i trapianti del fegato.„

Sundaram ha detto che il gruppo ha scoperto che i pazienti ACLF-3 sono più malati dei punteggi di MESCOLAR'avrebbero indicato perché quella valutazione considera la funzione epatica renale e soltanto, mentre i pazienti ACLF-3 hanno altri errori del organo-sistema pure. Hanno trovato che quasi 44 per cento dei pazienti ACLF-3 in una determinata categoria sono morto o sono stati eliminati dai waitlists del trapianto entro 28 giorni dell'elenco.

Il gruppo egualmente ha trovato che quando i trapianti sono stati eseguiti entro 30 giorni dei pazienti ACLF-3 che sono collocati sui waitlists, il loro tasso di sopravvivenza di un anno del post-trapianto era più di 80 per cento--equivalente ai pazienti senza questa sindrome.

Hanno concluso che la classificazione ACLF-3 può contribuire ad identificare i candidati sulla lista che sono ad ad alto rischio per la mortalità a breve termine. “Il tempo è dell'essenza perché è chiaro che la sopravvivenza diminuisce con tempo di attesa aumentato per questi pazienti,„ Sundaram ha detto.

Rajiv Jalan, MD, PhD, della facoltà di medicina di UCL, Londra, è co-primo autore dello studio, con Sundaram. Robert J. Wong, MD, dal sistema di salubrità di Alameda, ospedale dell'altopiano, a Oakland, la California, è l'autore senior. Lo studio egualmente ha compreso l'università di Loma Linda Loma Linda, in California ed il centro medico di Baylor University a Dallas.

“Questo studio fa un punto importante verso il miglioramento della pertinenza clinica dei waitlists per i candidati del trapianto del fegato,„ ha detto Andrew S. Klein, MD, la presidenza di Schumann del segno e di Esther nella medicina di trapianto e della chirurgia, Direttore del centro completo del trapianto del Cedro-Sinai, professore di chirurgia e un co-author dello studio.

“Se ulteriore ricerca amplia e conferma questi risultati, possono piombo per migliorare i risultati del trapianto.„

Il centro completo del trapianto del Cedro-Sinai recentemente è stato riferito dalla registrazione scientifica dei destinatari del trapianto per avere il migliore risultato di un anno di sopravvivenza per i trapianti del fegato di tutti gli ospedali nella California.