Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La vitamina D può abbassare i livelli del glucosio e diminuire il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2

I vantaggi della vitamina D nella promozione della salubrità dell'osso sono già ben noti. Un nuovo studio dal Brasile suggerisce che la vitamina D anche possa promuovere la maggior sensibilità dell'insulina, così abbassare il glucosio livella ed il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. I risultati sono pubblicati oggi online nella menopausa, il giornale della società nordamericana della menopausa (NAMS).

Altri studi recenti hanno indicato una chiara relazione fra la vitamina D ed il controllo glycemic, suggerenti che la vitamina D aumentasse la sensibilità dell'insulina e migliorasse la funzione pancreatica della beta-cella. In questo studio rappresentativo che fa partecipare 680 donne brasiliane invecchiate 35 - 74 anni, lo scopo era di valutare l'associazione possibile fra la carenza di vitamina D e il glycemia aumentato.

Delle donne intervistate, 24 (3,5%) ha riferito usando i supplementi di vitamina D. Il completamento di vitamina D è stato trovato per essere associato negativamente con i livelli elevati del glucosio. L'esposizione abituale al sole egualmente ha fornito la stessa associazione, dimostrante che le carenze di vitamina D sono associate con i livelli elevati del glucosio di sangue.

I risultati di studio compaiono nell'articolo “che i livelli elevati del siero della vitamina D sono associati con i più bassi livelli del glucosio di sangue.„

“Sebbene una relazione causale non sia stata provata, i bassi livelli di vitamina D possono svolgere un ruolo significativo in diabete di tipo 2 mellito,„ dice il Dott. JoAnn Pinkerton, direttore esecutivo di NAMS. “Il completamento di vitamina D può contribuire a migliorare il controllo dello zucchero di sangue, ma gli studi di intervento ancora sono necessari.„

Sorgente: https://www.menopause.org/docs/default-source/press-release/vitamin-d-lowers-diabetes-risk-1-30-19.pdf