La vaccinazione con il mitis in tensione dello S. può offrire la protezione dallo streptococco pneumoniae

Che vaccina il laboratorio i mouse con lo streptococco batteri di mitis impedisce il loro fratello germano virulento, lo streptococco pneumoniae dall'infezione dei mouse. La ricerca suggerisce che la vaccinazione degli esseri umani con il mitis in tensione dello S. potrebbe offrire la protezione da alcuni dei molti sierotipi dei pneumoniae dello S. cui i vaccini corrente non esistono per. Questo agente patogeno è una della maggior parte delle cause comuni di polmonite severa e può anche causare le infezioni della meningite, della circolazione sanguigna e del seno, l'endocardite e le otiti medie in bambini piccoli. La ricerca è pubblicata in microbiologia applicata ed ambientale.

I pneumoniae dello S. affligge circa 14 milione bambini, mortali annualmente 2-3 milioni, includenti intorno ad milione minorenni cinque. La resistenza agli antibiotici è un problema aumentante, sottolineante l'esigenza dei vaccini, secondo il rapporto. Ed i vaccini correnti mirano a soltanto 13 di più di 90 sierotipi dei pneumoniae dello S.

Il mitis dello S., che manca di molti dei geni di virulenza presenti in pneumoniae dello S., ma è altrimenti abbastanza simile, comunemente abita nella cavità orale e nelle vie respiratorie superiori, viventi nella coesistenza pacifica con il host.

I ricercatori hanno vaccinato per via nasale i mouse con due versioni differenti del mitis dello S., per confrontare la loro efficacia: tipo selvaggio mitis dello S. e mitis dello S. che geneticamente avevano costruito per esprimere un cappotto dello zucchero che è trovato sull'esterno della parete cellulare dei pneumoniae dello S. Sierotipo 4, hanno presupposto, potrebbero rinforzare la risposta dell'anticorpo ai penumoniae dello S.

La vaccinazione con il vaccino di mitis dello S. ha amplificato la produzione degli anticorpi di IgA e di IgG come pure le celle Th17 (i ricercatori non hanno esaminato la produzione di tali anticorpi e celle che seguono la vaccinazione con il vaccino costruito), hanno detto il ricercatore principale Fernanda C. Petersen, la DDS, il PhD, professore di microbiologia molecolare, università di Oslo, Norvegia.

IgG è un anticorpo importante in sangue ed altri liquidi corporei e IgA è critico nelle secrezioni, particolarmente quelle dell'epitelio del muco delle vie respiratorie intestinali e. Le celle Th17 sono celle pro-infiammatorie che svolgono un ruolo importante negli agenti patogeni d'invasione di combattimento.

Il vaccino costruito ha funzionato come previsto, amplificando la protezione contro il sierotipo 4 di pneumoniae dello S., ma non contro lo S. i pneumoniae classificano secondo il sierotipo 2, rispetto al tipo selvaggio vaccino.

l'autore Sudhanshu Co-corrispondente Shekhar, il PhD, un ricercatore postdottorale nel gruppo del Dott. Petersen, celebre che uno deve essere prudente nell'estrapolazione deriva dai modelli del mouse agli esseri umani ed ha sottolineato che la protezione degli esseri umani rimarrebbe ipotetica fino a svolgere gli studi umani.

Il rapporto egualmente ha notato che i vaccini vivi commensali aggirano la limitazione principale delle vaccinazioni con gli agenti patogeni in tensione attenuati: reversione a virulenza.

“I vaccini vivi batterici possono essere altamente efficienti perché imitano l'infezione naturale,„ hanno detto il Dott. Petersen. “Sono stati conosciuti affinchè le decadi impediscano le infezioni respiratorie ed enteriche in esseri umani. La sfida principale, tuttavia, è di costruire le versioni attenuate che sono sicure come vaccini, ma la protezione ancora d'offerta. Il nostro studio rivela quel mitis dello S. un colonizzatore umano naturale che somiglia ai pneumoniae dello S. ma raramente causa le malattie, può essere la risposta offerta di natura per un vaccino sicuro contro i pneumoniae dello S.„

Sorgente: https://asm.org/Press-Releases/2019/January/Vaccination-with-Streptococcus-mitis-Could-Protect