La nuova comprensione ha potuto contribuire a migliorare la previsione e la prevenzione della depressione

In un nuovo studio, i ricercatori dal progetto danese del iPSYCH dimostrano che la gente con il più alta tendenza genetica è durante 2 e 1/2 volte probabili essere trattato in un ospedale psichiatrico per la depressione rispetto alla gente alla tendenza più bassa. Questa conoscenza potrebbe essere utilizzata per rinforzare gli sforzi preventivi per coloro che è al rischio.

In Danimarca, 15,5 per cento della donna e nove per cento degli uomini ricevono il trattamento per la depressione ad un ospedale psichiatrico ad un certo momento delle loro vite. La depressione è uno stato comune ma molto serio che è molto costoso per sia la persona che la società complessivamente.

I ricercatori ora hanno terminato uno studio in cui hanno seguito 34.500 danesi per fino a 20 anni ed hanno misurato il loro rischio genetico per sviluppare la depressione.

“Lo studio ha indicato che il rischio di trattamento per la depressione ad un ospedale psichiatrico era più 2 e 1/2 volte di più su per la gente con un alto punteggio poligenico di rischio,„ spiega professore a iPSYCH ed il contributore allo studio Esben Agerbo.

Poligenetico significa che la malattia non è connessa a soltanto un gene di malattia, ma a molti geni. Metta un altro modo, significa che ci sono molti geni che determinano se una persona è predisposta alla depressione di sviluppo.

Più facile identificare la gente

“Sappiamo che la depressione è determinata parzialmente dai fattori genetici ed oggi è possibile misurare direttamente la tendenza genetica - piuttosto che dovendo contare su storia della famiglia come modo di ipotesi a cessione genetica per la depressione di sviluppo,„ spiega Esben Agerbo.

Il punteggio poligenetico non è stato collegato con i fattori quali i sintomi, la regolazione del trattamento o l'età delicata, moderata, severa o psicotica durante la prima visita dell'ospedale, in grado di significare che questi aspetti sono determinati più dai fattori ambientali.

I risultati dello studio sono stati pubblicati appena in psichiatria di JAMA del giornale scientifico.

“La nostra speranza è quella utilizzando le informazioni genetiche insieme con i fattori di rischio conosciuti nell'ambiente, noi potrà mettere a punto i migliori metodi per identificare la gente che è a rischio della depressione di sviluppo,„ dice il postdoc a iPSYCH, Katherine L. Musliner, che è dietro lo studio.

Tuttavia, i risultati egualmente indicano che la relazione fra la genetica e la malattia mentale è complessa. Non c'è “gene della depressione„ e perfino quelli con il più alta tendenza genetica necessariamente non svilupperanno la depressione.

“La capacità di identificare la gente con un rischio aumentato di sviluppare la depressione è utile, perché permetterà affinchè noi miri agli sforzi preventivi verso la gente che trarrà giovamento la maggior parte da loro,„ dice Katherine L. Musliner.

Sorgente: http://www.au.dk/