Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo stimolo del midollo spinale può riparare il movimento volontario e le funzioni autonome in pazienti paralizzati

Ci sono più di 290,000 persone stimate vivere negli Stati Uniti con una lesione del midollo spinale. Precedentemente, è stato indicato che è possibile riparare una certa funzione ai giovani e pazienti in buona salute in alcuni anni di lesione. Ora, lo stimolo del midollo spinale di manifestazione dei ricercatori può immediatamente riparare alcuni movimento volontario e funzioni autonome quali cardiovascolare, le viscere e la vescica anni dopo una lesione di paralisi senza alcun ripristino significativo.

“Questa era un'opportunità di usare lo stimolo epidurale, combini il mio sfondo nella matematica, collabori con la gente dalle discipline multiple compreso assistenza tecnica biomedica ed installi una prova vero innovatrice,„ ha detto il Dott. David Darrow, un residente di neurochirurgia all'università di facoltà di medicina di Minnesota e di principale inquirente per il test clinico di E-STAND. È egualmente un residente senior di neurochirurgia alla sanità di Hennepin ed all'università di centro medico di Minnesota. “Abbiamo voluto spingere la busta per i pazienti. Una volta che determinassimo ha funzionato, noi ha passato verso abbattere altre barriere verso la traduzione verso cura paziente.„

In uno studio recentemente pubblicato nel giornale di Neurotrauma, Darrow ed i suoi colleghi hanno impiantato la prima serie di pazienti femminili che entrambi hanno subito la lesione traumatica devastante del midollo spinale. Entrambi i pazienti non hanno fatti funzionare ad organismo più basso qualunque e MRIs che mostrano il midollo spinale residuo pochissimo al livello di lesione. Le due donne erano cinque e dieci anni dalla lesione e nella loro quinta e sesta decade di vita, che è molta più vicino al paziente medio con la lesione del midollo spinale hanno confrontato al lavoro di altri ricercatori.

“Permettere a qualcuno di muovere i suoi cosciotti di più di 10 anni dopo la paralisi dalla lesione del midollo spinale è stato uno di più grandi momenti della mia carriera,„ ha detto Uzma Samadani, MD, PhD, professore associato nel dipartimento dell'università di neurochirurgia di facoltà di medicina di Minnesota e neurochirurgo con la sanità di Hennepin. “Sono riconoscente ai miei colleghi per il loro duro lavoro reciproco durante i 2 anni che ha catturato per ottenere dall'idea alla prima operazione.„

Nei ricercatori di questo studio ha ampliato le linee guida dell'inclusione di chi potrebbe ricevere lo stimolo epidurale.

“Crediamo che stiamo studiando una popolazione che è molta più vicino alla popolazione in genere dei pazienti con la lesione del midollo spinale,„ abbiamo detto Darrow. “Abbiamo aperto le porte a così molti altri pazienti con la lesione traumatica del midollo spinale.„

“Mentre siamo emozionanti per il tutto questo potrebbe significare per i pazienti, c'è ancora molta ricerca da fare, sia con questa terapia che attraverso altri viali, molti di cui stiamo studiando all'università di Minnesota,„ ha detto Ann M. Parr, il MD, il PhD, assistente universitario nel dipartimento di neurochirurgia all'università di facoltà di medicina di Minnesota. Il Dott. Parr ha un laboratorio di ricerca di traduzione attivo di lesione del midollo spinale all'istituto della cellula staminale.