Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo studio indica che la più grande prostata realmente impedisce la crescita del tumore

Per gli uomini più vecchi circa 60, mezzi di una prostata ingrandetta che ritengono lo stimolo a fare un pozzo fermarsi troppo spesso durante tutta la giornata.

Ma un nuovo studio indica che se questi uomini egualmente sembrano avere carcinoma della prostata, la più grande prostata realmente impedisce la crescita del tumore.

I risultati suggeriscono che potrebbe essere una cattiva idea ridurre le dimensioni di una prostata ingrandetta attraverso chirurgia o le droghe, perché agire in tal modo potrebbe piombo alla crescita più veloce di carcinoma della prostata. Mentre il tasso di sopravvivenza quinquennale per carcinoma della prostata è generalmente molto alto, è ancora una delle cause della morte principali fra gli uomini negli Stati Uniti, secondo le fondamenta del carcinoma della prostata.

Le simulazioni su elaboratore dei dati pazienti offrono una spiegazione possibile di perché una prostata ingrandetta potrebbe essere un risparmiatore di vita: perché una prostata può svilupparsi soltanto così tanto all'interno di uno spazio limitato, la forza accumula ed esercita la pressione sul tumore, efficacemente tenente la piccola.

“Già è conosciuto che le forze e sforzi hanno un impatto sulla crescita del tumore e che i pazienti con le prostate ingrandette tendono ad avere crescita più lenta del cancro, ma non è stato conosciuto perché,„ ha detto Hector Gomez, professore associato dell'ingegneria meccanica alla Purdue University, che sviluppa i modelli e le simulazioni per la crescita di comprensione del tumore, la migrazione cellulare ed il flusso sanguigno.

Lo studio, pubblicato negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze, è il primo per simulare gli effetti possibili dell'iperplasia prostatica benigna, una malattia che induce la prostata ad ingrandire progressivamente, sui tumori di carcinoma della prostata.

Guillermo Lorenzo, un ex studente di laurea di Gomez che ora è un ricercatore postdottorale all'università di Pavia in Italia, eseguito la maggior parte della ricerca ed ha eseguito le simulazioni. Alessandro Reali e Pablo Dominguez-Frojan egualmente hanno partecipato allo studio e sono co-author del documento.

Gomez e Thomas Hughes, un professore di assistenza tecnica aerospaziale e meccanici di assistenza tecnica all'università del Texas ad Austin, hanno cominciato il progetto come componente del loro lavoro sul usando le simulazioni su elaboratore per migliorare la diagnosi e la prognosi di carcinoma della prostata.

“I metodi correnti di prognosi e di diagnosi hanno avuti una difficoltà differenziarsi fra i pazienti che sono nell'ambito del rischio serio di carcinoma della prostata e coloro che non è,„ Gomez ha detto. “Questo piombo alla gente che ottiene overtreated o undertreated.„

Esaminando la relazione fra l'ingrandimento della prostata ed il carcinoma della prostata ha potuto portare le nuove comprensioni.

Lo studio ha esaminato i dati dai pazienti negli studi medici che hanno avuti una cronologia sia di una prostata ingrandetta che di un carcinoma della prostata. Per realizzare le simulazioni, Lorenzo ha estratto un'anatomia tridimensionale della prostata e delle posizioni dei tumori dalle risonanze magnetiche.

Alla conclusione di un periodo di un anno, le simulazioni hanno indicato che il tumore di un paziente con cronologia di una prostata ingrandetta si è sviluppato a mala pena affatto. Quando i ricercatori hanno eliminato la cronologia di una prostata ingrandetta nel programma, il tumore era diventato è oltre sei volte più grande alla conclusione dello stesso periodo di tempo.

“Ma ora conosciamo che gli sforzi meccanici che nascono mentre le prostate ingrandicono impediscono la crescita del tumore,„ Hughes abbiamo detto.

Realisticamente, questi risultati dovrebbero essere convalidati clinicamente in esseri umani con uno studio d'osservazione a lungo termine prima che medici agissero. Nel frattempo, i ricercatori pianificazione estendere il loro modello fino comprendere gli effetti delle droghe che riducono le dimensioni della prostata come pure usano le informazioni del modello sulla deformazione della prostata per contribuire ad individuare il cancro.