Lo studio genetico su grande scala fa luce sulle origini della depressione

Le centinaia di geni recentemente sono state collegate alla depressione, facente luce sulle origini della circostanza ed evidenziante i tipi di personalità che potrebbero essere al rischio.

Lo studio internazionale, facente partecipare più di due milione di persone, è il più grande del suo genere. Potrebbe informare i trattamenti per la circostanza, che pregiudica uno in cinque genti nel Regno Unito ed è la causa principale dell'inabilità universalmente.

Gli scienziati piombo dall'università di Edimburgo hanno studiato le informazioni riunite da tre grandi gruppi di dati di salubrità anonymized e delle registrazioni del DNA ed hanno segnato 269 geni con esattezza che sono stati collegati alla depressione.

Egualmente hanno usato un metodo statistico innovatore per identificare le sezioni di DNA che erano comuni nella gente con la depressione ed in coloro che ha adottato i comportamenti di stile di vita come fumo.

I risultati suggeriscono che la depressione potrebbe essere un fattore di azionamento che piombo qualche gente fumare, ma la più ricerca è necessaria spiegare perché, il gruppo dice.

I risultati egualmente indicano che la nevroticità - una tendenza ad essere preoccupato o spaventoso - potrebbe piombo la gente essere depressa, in grado di fare luce sui fattori di personalità che hanno messo la gente al rischio.

L'approccio statistico - conosciuto come casualizzazione mendeliana - permette che gli scienziati esaminino come una circostanza urta su comportamento, mentre elimina altre influenze quali l'età o il reddito.

I dati di Anonymized, usati con consenso erogatore, sono tenuti dal Biobank BRITANNICO, la società personale 23andMe della ricerca e della genetica ed il consorzio di genomica della psichiatria.

Gli esperti dicono che lo studio riflette l'importanza di scienza di dati nella salute mentale di comprensione e nel ruolo di primo piano giochi della quella Scozia in materia.

Il gruppo sta invitando la gente con la depressione o l'ansia in Scozia a partecipare ad uno studio ulteriore, capire più circa il ruolo di DNA negli stati di salute mentale comuni.

La ricerca - conosciuta come i collegamenti genetici allo studio (FELICE) di depressione e di ansia - obiettivi per capire meglio depressione ed ansia per migliorare le vite della gente con le emissioni di salute mentale.

Il gruppo, lavorante con i colleghi all'istituto nazionale di College Londra della ricerca di salubrità di salute mentale BioResource e di re, spera di raccogliere i campioni ed i questionari della saliva da 40,000 persone attraverso il Regno Unito.

I partecipanti allo studio saranno offerti la probabilità partecipare ad ulteriore ricerca di salute mentale.

Lo studio, pubblicato in neuroscienza della natura, è stato costituito un fondo per da Wellcome e dal Consiglio di ricerca medica.

Il professor Andrew McIntosh, dell'università di centro di Edimburgo per le scienze di cervello cliniche, che piombo la ricerca, ha detto: “Questi risultati sono ulteriore prova che la depressione è parzialmente giù alla nostra genetica.

“Speriamo quello lanciando lo studio FELICE, potremo scoprire più circa perché qualche gente è più al rischio che altri degli stati di salute mentale e come potremmo aiutare la gente che vive con la depressione e l'ansia più efficacemente in futuro.„

Raliza Stoyanova, rivelatore senior del portafoglio di Wellcome per la neuroscienza e la salute mentale, ha detto: “Questo grande studio è un avanzamento importante nella comprensione come la variabilità genetica potrebbe contribuire al rischio per la depressione. Poichè i trattamenti correnti funzionano per soltanto la metà di coloro che le ha bisogno di, lo studio fornisce alcune bugne intriganti per la ricerca futura a seguito - per esempio che le vie biologiche in questione nello sviluppare la circostanza non possono essere le stesse di quelle in questione nel rispondere al trattamento.„

Il DIX di Sophie, direttore di ricerca alla carità MQ di salute mentale, che non è stata compresa nella ricerca, ha detto: “Questo studio aggiunge al peso di prova che i geni sono uno dei fattori di rischio chiave nella depressione, che egualmente è urtata dai curriculum personali quali l'ambiente ed il trauma sociali. Il valore di questo ha potuto realmente essere veduto quando esamina lo sviluppo dei trattamenti personali - un punto benvenuto dato la penuria di innovazione nell'identificazione degli approcci nuovi. Abbiamo veduto che l'avanzamento pochissimo durante quasi 50 anni per la gente che vive con la depressione ed ora i viali disponibili non sta funzionando per ognuno.

“La portata di questo grande studio genetico è che può indicare i sistemi nel cervello che aggiunge alla nostra comprensione corrente limitata in questa area. Aumentando la nostra comprensione di questi sistemi e come l'ambiente sociale pregiudica i fattori di rischio biologici, possiamo cominciare ad identificare i nuovi obiettivi per i trattamenti che potrebbero aiutare milioni di persone universalmente influenzati dalla depressione.„