Lo studio si sviluppa il trattamento semplice e nuovo per combattere il fungo di Albicans del candida

Uno studio piombo dal UPV/EHU-University del Paese Basco per la prima volta ha indicato l'attività antifungosa delle cellule staminali uterine

Uno studio piombo dal UPV/EHU ha sviluppato innovatore e semplice cellule staminali uterine basate un trattamento per combattere il fungo di Albicans del candida, responsabile della malattia vaginale della candidosi. Malgrado non essere pericolosa, questa malattia, che è molto diffusa fra le donne, diminuisce la qualità paziente di vita a causa dei sui sintomi (che itching e che pungono). Questa ricerca è stata pubblicata nelle frontiere internazionali in giornale di microbiologia, un leader mondiale nel campo di microbiologia.

La ricerca piombo da Guillermo Quindós, professore di microbiologia alla facoltà di UPV/EHU di medicina e sta costituenda un fondo per dalle fondamenta per la ricerca uterina della cellula staminale (FICEMU). Questo studio apre un'alternativa per il trattamento della candidosi vaginale, una malattia che è estremamente prevalente nella popolazione femminile.

La candidosi vaginale non è vita-threating, ma diminuisce la qualità di vita e limita l'attività delle donne influenzate da perché è terribile sgradevole, a causa dei sui sintomi (a volte itching insopportabile e pungere). Inoltre, quasi uno in cinque donne che soffrono un periodo della candidosi vaginale si trasforma nei portafili cronici del fungo del candida e continua a soffrire i periodi freschi di questa infezione sgradevole. Questi ripetono i periodi della candidosi tendono ad essere resistenti ai trattamenti usuali ed è qui dove i risultati di questa ricerca stanno aprendo una finestra significativa di speranza.

Il media condizionato delle cellule staminali uterine (hUCESC-CM) inibisce la crescita di vari sforzi sensibili del candida isolato dalla vagina di vari pazienti, ma che cosa è molto più importante, inibisce la crescita dei albicans del candida in quasi 80% dei casi in pazienti con la candidosi vaginale cronica che è resistente al trattamento. Deve essere ricordato che i albicans del candida è responsabili più di 80% dei casi della candidosi vaginale.

Eppure le cellule staminali uterine egualmente inibiscono la crescita dei albicans del candida (sforzi sensibili a come pure resistenti al trattamento) che provengono dal sangue dei pazienti immunosuppressed. La sepsi (infezioni di sangue) dai funghi è una causa della morte significativa in questo gruppo di pazienti, soprattutto quando diventano resistenti ai pochi, non specialmente efficaci trattamenti medici attualmente disponibili combatterle.

La ragione per la quale questo sforzo particolare delle cellule staminali Stromal cervicali uterine umane (hUCESCs) è più attivo nei albicans di combattimento del candida può essere trovata nella sua origine. Le cellule staminali uterine vengono da un'area molto specifica, conosciuta come “la zona di trasformazione della cervice uterina„, che è biologicamente altamente vulnerabile ed è in contatto permanente con il medio vaginale e le minacce harboured dagli ultimi: funghi, batteri, virus, più tutti i microbi patogeni che entrano da fuori, generalmente con il rapporto sessuale. In questo contesto, in tutto l'evoluzione delle nostre specie, le cellule staminali mesenchymal della cervice uterina hanno potute sviluppare i meccanismi di difesa potenti sotto forma di cocktail dei fattori molecolari che sono scaricati nel media esterno allo scopo del combattimento delle tutte queste minacce potenziali e conservare le nostre specie.

L'uso possibile del media condizionato delle cellule staminali Stromal cervicali uterine umane (hUCESC-CM) poichè il mezzo completamente innovatore del trattamento antimicrobico è importante non solo dal punto di vista concettuale, ma anche dal punto di vista pratico, poiché non comporta la difficoltà dei trattamenti basati sull'uso delle cellule staminali stessi.

Le cellule staminali uterine o le cellule staminali mesenchymal della cervice uterina (hUCESCs) sono ottenute in modo equo non invadente facendo uso della spazzolatura cervicale come quello utilizzato negli esami ginecologici sistematici. Inoltre, i ricercatori hanno fornito la prova negli studi precedenti che il sui secretome/media condizionato (colloca delle molecole secernute da queste celle) ha un potenziale antitumorale nel cancro al seno, a ricupero nelle lesioni corneali, più un immunoregulator potenziale.

Sorgente: https://www.ehu.eus/en/