Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo studio dell'innovazione può urtare lo sviluppo della droga e la medicina personale

Un'innovazione per lo sviluppo della droga di tumore cerebrale e la medicina personale ha pubblicato oggi nei rapporti scientifici della natura.

24.000 pazienti sono diagnosticati con i tumori cerebrali ogni anno con la sopravvivenza 5yr per i glioblastomas dell'alto grado (GBM) soltanto 5%, con una sopravvivenza mediana di 15 mesi. Queste statistiche difficili sono rimanere statiche per dovuto 30 anni in parte ad una mancanza di modelli preclinici umano-pertinenti per le prove delle droghe nuove. Inoltre, gli alti livelli di eterogeneità cellulare e molecolare interindividuale della malattia significa che ogni paziente ha requisiti unici del trattamento, comunque il passo rapido della progressione di malattia concede poco tempo per le diverse valutazioni.

Per indirizzare queste sfide un gruppo pluridisciplinare dei ricercatori collaborazione pubblica/privata (MicroMatrices, Johns Hopkins University, la clinica di Mayo e Perkin Elmer) ha sviluppato e valutato un modello organoid derivato cellula staminale (IPSC) pluripotent indotto essere umano 3D per la prova della droga che consiste dei neuroni differenziati ed altre di cellule cerebrali non di un neurone (celle glial, astrocytes ed oligodendrocytes) sviluppati accanto alle celle paziente-derivate del tumore di glioblastoma. Le misure accurate di efficacia della droga sono state facilitate con l'uso ad di alta piattaforma basata microTMA dell'istologia di capacità di lavorazione (SpheroMatricesTM).

Per studiare il potenziale di questa piattaforma, due agenti chemioterapeutici sono stati esaminati: temozolomide (TMZ), l'opzione corrente di trattamento del fronte per il glioblastoma e una doxorubicina sperimentale di terapia (DOX).

I risultati di studio hanno indicato che il sistema potrebbe predire una risposta clinica a TMZ e l'efficacia antitumorale anche dimostrata con DOX. Ancora poichè la tecnologia del microTMA tiene conto la multiplazione delle misure differenti, egualmente è stato osservato che DOX ha agito via l'uccisione selettiva delle celle del tumore (apoptosis) con poco o nessun effetto sulle cellule cerebrali normali.

Questo sistema può adattarsi pubblicamente per uso con - le librerie disponibili delle linee cellulari paziente-derivate glioblastoma, aprenti la strada per la creazione di una piattaforma più efficiente di scoperta per le nuove terapie, infine offrente un approccio più personale abbinando i pazienti alle terapie che sono più probabili lavorare clinicamente. In schermi precedenti, le celle paziente-derivate si sono sviluppate in mouse immune-compromessi, un modello che non può capitolare l'ambiente dei tumori umani. Al contrario, il sistema-modello organoid rispecchia più molto attentamente un microenvironment umano-pertinente. Inoltre, la tecnologia del microTMA, effettuando le misure parallele multiple dei punti finali di efficacia, redige i dati quantitativi che supportano le comprensioni meccanicistiche ed i biomarcatori informativi con maggior potenziale di tradurre alla clinica.

Il CEO di Simon Plummer di MicroMatrices ha detto che “questo studio dell'innovazione illustra come i modelli pertinenti 3D dell'essere umano possono avere un impatto per lo sviluppo della droga e la medicina personale„.