Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le noci di consumo si sono collegate per abbassare la prevalenza dei sintomi della depressione

Un nuovo studio epidemiologico suggerisce che consumando le noci può essere associato con una prevalenza e una frequenza più basse dei sintomi della depressione fra gli adulti americani. Dopo i partecipanti di valutazione di studio per la depressione, i ricercatori hanno trovato che i punteggi della depressione erano 26 per cento più bassi per i consumatori della noce ed otto per cento più bassi per i consumatori di altre noci, confrontati a coloro che non ha consumato le noci affatto.

“Secondo il CDC, uno su ogni sei adulti avrà depressione a un certo momento nella loro vita. È importante trovare gli interventi a basso costo, quali i cambiamenti dietetici, che sono facili da applicare e possono contribuire a diminuire l'incidenza della depressione,„ dice il Dott. Lenore Arab della scuola di medicina di David Geffen all'università di California, Los Angeles del principale inquirente. “Le noci precedentemente sono state studiate per il loro ruolo nella salubrità cardiovascolare e conoscitiva ed ora vediamo un'associazione con i sintomi della depressione - fornire un'altra ragione di comprenderli in una pianificazione sana del cibo.„

Dati esaminati ricercatori dall'indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salubrità, che ricava da una grande campionatura della popolazione degli Stati Uniti. A più di 26.000 adulti americani sono stati interrogati riguardo alla loro ingestione dietetica nel corso degli un - due giorni come pure sintomi della depressione in questi ultimi due settimane. Facendo uso di un questionario ampiamente accettato, i partecipanti si sono allineati ogni quanto tempo hanno avvertito i fattori quale poco interesse nel fare le cose, difficoltà addormentati o addormentati troppo, ritenendo stanco o avendo poca energia e difficoltà che si concentra sulle cose. Secondo i risultati, i consumatori della noce erano più probabili avere maggior interesse nelle attività, nei livelli energetici, in meno mancanza di speranza, nella migliore concentrazione e nel maggior ottimismo.

I punteggi della depressione erano significativamente più bassi fra coloro che ha consumato le noci, specialmente noci, confrontate a coloro che non ha consumato le noci, anche dopo gestire per l'età, il sesso, la razza, il reddito, BMI, fumante, il consumo dell'alcool e lo stato civile. In media, i consumatori della noce hanno mangiato circa 24 grammi di noci al giorno (lanci appena di un servizio di un quarto di tazza). Mentre l'associazione fra il consumo della noce ed i punteggi della depressione era coerente per gli uomini e le donne, l'effetto è sembrato essere più forte fra le donne, che sono più probabili riferire i sintomi della maggior depressione e l'uso degli antideprimente, confrontate agli uomini.

Una volta confrontate ad altre frutta a guscio, le noci hanno un profilo unico dell'acido grasso - contengono principalmente i grassi poli-insaturi, compreso una quantità significativa omega-3 dell'acido alfa-linoleico impianto impianto (2,5 g/oz), che è più di qualunque altra noce.

Come con tutta la ricerca scientifica, alcune limitazioni di studio dovrebbero essere considerate. Ai partecipanti sono stati interrogati riguardo alle loro scelte dietetiche nel corso degli un - due giorni, che non possono essere rappresentante dei reticoli di consumo usuali. La depressione può anche cambiare l'appetito e le abittudine alimentare tipici. Inoltre, a causa della natura a sezione trasversale dello studio, i risultati non possono provare la causalità.