Facendo uso degli smartphones catturare le fotografie degli occhi dei pazienti può piombo a diagnosi sbagliata

I clinici che utilizzano gli smartphones per catturare le fotografie degli occhi dei pazienti rischiano la diagnosi sbagliata se basano le loro decisioni sui dati obiettivi estratti dalle macchine fotografiche non calibrate, secondo la nuova ricerca pubblicata questa settimana nei rapporti scientifici del giornale della natura.

Dei clinici smartphones di uso sempre più insieme con la strumentazione oftalmica di rappresentazione, quale l'oculare di una lampada a fessura, a causa della loro trasferibilità, facilità d'uso e basso costo relativo. La connettività egualmente tiene conto si carica alla nuvola, che è utile per telemedicina - la diagnosi a distanza ed il trattamento dei pazienti che usando tecnologia di telecomunicazioni - e le applicazioni di intelligenza artificiale che memorizza migliaia di immagini dalle istituzioni differenti.

Gli esami di occhio per cercare il rossore nell'occhio possono indicare vari termini compreso la congiuntivite, la malattia dell'asciutto-occhio e la disfunzione della ghiandola lacrimale. Tuttavia, i sensori di colore della macchina fotografica variano e di conseguenza, le immagini dello stesso occhio possono sembrare differenti secondo il modello dello smartphone usato.

I ricercatori dalla visione dell'università di Anglia Ruskin e l'istituto di ricerca dell'occhio hanno catturato 192 immagini degli occhi facendo uso di tre macchine fotografiche dello smartphone, di due livelli di illuminazione differenti e di due livelli dello zoom (x10 e x6). Le immagini sono state duplicate ed un insieme restava equilibrato bianco e colore corretto (calibrato) ed altro invariato.

I ricercatori hanno catturato le fotografie nel modo di autofocus con il iPhone 6s, il nesso 6p di Google ed il Bq Aquaris U Lite ed hanno trovato che i risultati di iPhone erano significativamente differenti dalle altre due unità quando computa il rossore relativo di ogni occhio ed una volta confrontati alla diagnosi di un clinico. Tuttavia, quando le immagini sono state calibrate, le differenze fra i livelli di illuminazione ed i tipi della macchina fotografica sono state minimizzate significativamente - con le differenze fra gli smartphones ridotti di circa 30%.

L'autore principale Carles Otero, della visione di Anglia Ruskin e dell'istituto di ricerca dell'occhio ha detto: “L'uso degli smartphones insieme con strumentazione oftalmica sta essendo sempre più diffuso. Facendo uso degli smartphones è conveniente e portatile, significare là non è necessità di portare la strumentazione ingombrante fra i siti.

“Tuttavia, questo è la prima volta che la prestazione di tre macchine fotografiche differenti dello smartphone è stata valutata nel contesto di un'applicazione clinica. I produttori della macchina fotografica hanno i loro propri algoritmi di autofocus e specifiche del hardware e questo significa che le macchine fotografiche differenti possono fornire i risultati differenti per la stessa scena. È importante che i clinici sopportano questo in mente.

“I nostri risultati indicano che mentre la valutazione soggettiva del clinico non è stata influenzata tramite le macchine fotografiche differenti, le condizioni di luce o gli ingrandimenti ottici, calibratura della macchina fotografica di uno smartphone è essenziali quando estrae i dati obiettivi dalle immagini. Ciò può pregiudicare sia le applicazioni di intelligenza artificiale che di telemedicina.„