Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le eliminazioni 70% o dei più dell'emorragia cerebrale hanno potuto produrre i migliori risultati, ritrovamenti di studio

Nel primo studio per identificare gli scopi chirurgici specifici per il trattamento di un'emorragia intracerebrale--il tipo più micidiale e rendente non più valido di colpo--un gruppo dei neurochirurghi ha trovato che almeno 70 per cento dell'emorragia devono essere eliminati affinchè i pazienti facessero un ripristino significativo.

Universalmente, più di 1 milione di persone ogni anno sviluppano un'emorragia intracerebrale. Accade quando un vaso sanguigno malato all'interno del cervello scoppia, permettendo che il sangue coli dentro il cervello. I colpi emorragici compongono circa 12 per cento di tutti i colpi, ma causano circa 40 per cento di tutte le morti del colpo. Il fattore di rischio più comune è ipertensione.

In questo studio, i ricercatori hanno trovato che quello eliminare 70 per cento o più dell'emorragia potrebbe produrre i migliori risultati. Nel migliore dei casi, ci dovrebbero essere non non più di 15 millilitri, circa un cucchiaio da tavola di sangue coagulato, rimanente al sito della lesione. Qualche cosa di meno che quello era ancora migliore.

Ciò è la prima prova chirurgica per connettere gli scopi specifici di volume-riduzione con i risultati funzionali migliori. Prima di questa prova, conosciuta come MISTIE III (come minimo intervento di alta chirurgia più rt-PA per l'evacuazione intracerebrale di emorragia), non c'era scopo specificato per rimozione del grumo.

“Abbiamo trovato che per i chirurghi che trattano un'emorragia cerebrale, è critico massimizzare la quantità di sangue che il chirurgo può eliminare sicuro dal sito,„ abbiamo detto la guida Issam Awad di studio, il MD, il professore di John Harper Seeley nelle scienze neurologiche e Direttore di ambulatorio Neurovascular alla medicina dell'università di Chicago. “A meno che almeno 70 per cento del grumo siano eliminati subito e soltanto una quantità residua molto piccola di sangue rimane, i vantaggi potenziali di chirurgia non saranno realizzati.„

“Questo non può essere catturato per accordato,„ ha aggiunto. “L'emorragia intracerebrale è una malattia catastrofica. Quando l'ambulatorio è eseguito, dobbiamo essere sicuri che il sangue in effetti è eliminato. Sorprendente, questo non era stato considerato nella valutazione dell'efficacia di chirurgia. Ciò è la prima prova chirurgica per dimostrare un chiaro e scopo urgente per riduzione del volume intracerebrale di emorragia.„

Due gruppi di ricerca presenteranno i dati da MISTIE III nelle contro presentazioni “di tardi-rompere-scienza„ alla conferenza internazionale del colpo dell'associazione americana del cuore a Honolulu, giovedì 7 febbraio 2019. Awad riferirà sulla capacità di rimozione aggressiva del grumo di produrre i migliori risultati funzionali. Daniel Hanley, MD, dalla medicina di Johns Hopkins, presenterà i dati sulle analisi globali della sicurezza e sull'efficacia dell'ambulatorio.

La prova ha compreso 78 ospedali in America settentrionale, Europa ed in Asia. Fra il 30 dicembre 2013 ed il 15 agosto 2017, i ricercatori hanno iscritto 506 pazienti almeno 18 anni che avevano sofferto un'emorragia spontanea, non traumatica, intracerebrale nelle 24 ore precedenti. I pazienti sono stati curati subito e periodicamente sono stati valutati ad intervalli regolari per un anno.

Circa la metà (255) dei pazienti iscritti alla prova è stata definita a caso alla procedura chirurgica di MISTIE. L'altri 251 paziente è stato definito al braccio medico dello studio, che non comprende la cura di ICU ma intervento chirurgico. Tredici pazienti hanno lasciato il braccio chirurgico per varie ragioni, in modo da 242 pazienti hanno ricevuto la procedura ed erano disponibili per la valutazione.

L'approccio chirurgico ad un'emorragia intracerebrale conta sulla mappatura attenta della lesione con orientamento (CT) di tomografia computerizzata. Il gruppo chirurgico poi perfora un piccolo pozzo nel cranio del paziente ed inserisce una cannula rigida minuscola. I chirurghi manovrano la cannula al sangue che si è accumulato nel cervello ed aspirano tanto di come possibile.

Poiché il sangue già si è coagulato, non può tutti essere suctioned, in modo da un catetere più molle è collocato nel grumo restante, garantito sul posto e il alteplase grumo-rompentesi della droga (di marketing come Activase®) è dato tramite il catetere per allentare il grumo e per permettere che vuoti in un sacco. Ciò elimina tanto del sangue danno-causante come possibile.

L'ambulatorio stesso richiede circa un'ora, ma l'iniezione di alteplase è ripetuta ogni otto ore. Il trattamento ha stato in media i 2 giorni dopo il colpo, con un intervallo dei 1-4 giorni. Prima di questo studio, non è stato conosciuto quanto del sangue deve essere eliminato per trarre il vantaggio della procedura.

In 59 per cento dei casi nella prova di MISTIE III, i gruppi sono riuscito a ridurre il grumo a 15 millilitri o a di meno. Con la rimozione di ogni millilitro supplementare di sangue coagulato, le probabilità di buon risultato hanno migliorato 10 per cento.

Alcune di queste operazioni “erano notevoli,„ Awad ha detto. Molti dei chirurghi potevano avvicinarsi “ad un grumo la dimensione di una pallina da tennis e ridurrlo delicatamente a meno di 5 millilitri.„

I pazienti potrebbero sopravvivere a con meno chirurgia e la manipolazione, Awad ha suggerito. “Se ottenete la metà del grumo, potete salvare la vita della persona,„ ha detto. “Ma ottenere il vantaggio funzionale reale, dovete fare tutta la strada. Dovete eliminare la maggior parte, se non tutto il, grumo.„