Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio rivela come l'esercizio può proteggere dal morbo di Alzheimer

Gli atleti sanno che un allenamento vigoroso può rilasciare una pletora di endorfine: ormoni “ottimistici„ che amplificano l'umore. Ora è provato che eserciti produce un altro ormone che può migliorare la memoria e proteggere dal morbo di Alzheimer, secondo uno studio guidato co da Ottavio Arancio, MD, PhD, un ricercatore all'istituto universitario del Vagelos dell'università di Columbia dei medici e chirurghi ed istituto di Taub per la ricerca sul morbo di Alzheimer e sul cervello di invecchiamento.

Lo studio è stato pubblicato nella medicina della natura.

L'attività fisica è conosciuta per migliorare la memoria e gli studi suggeriscono che possa anche diminuire il rischio di morbo di Alzheimer. Ma i ricercatori non capiscono perché.

Alcuni anni fa, i ricercatori di esercizio hanno scoperto un ormone chiamato irisin che è scaricato nella circolazione durante l'attività fisica. Gli studi di iniziale hanno suggerito che il irisin pricipalmente svolgesse un ruolo nel metabolismo energetico. Ma la più nuova ricerca ha trovato che l'ormone può anche promuovere la crescita di un neurone una regione critica per l'apprendimento e la memoria nell'ippocampo del cervello.

“Questo ha sollevato la possibilità che il irisin può aiutare a spiegare perché l'attività fisica migliora la memoria e sembra svolgere un ruolo protettivo nei disordini del cervello quale il morbo di Alzheimer„ dice Arancio, che è un professore di patologia e di biologia cellulare e di medicina all'istituto universitario di Vagelos di Columbia University dei medici e dei chirurghi.

Irisin è diminuito in cervelli della gente con Alzheimer

Nel nuovo studio, Arancio ed i suoi colleghi all'università federale di Rio de Janeiro nel Brasile e l'università di Queens nel Canada in primo luogo hanno cercato un collegamento fra il irisin ed Alzheimer nella gente. Facendo uso dei campioni di tessuto dal cervello conta, hanno trovato che il irisin è presente nell'ippocampo umano e che i livelli hippocampal dell'ormone sono diminuiti in persone con Alzheimer.

Per esplorare che irisin fa nel cervello, il gruppo si è girato verso i mouse. Questi esperimenti indicano che il irisin, in mouse, protegge le sinapsi del cervello e la memoria degli animali: Quando il irisin è stato reso non valido nell'ippocampo dei mouse sani, le sinapsi e la memoria si sono indebolite. Similmente, i livelli d'amplificazione del cervello di irisin hanno migliorato entrambe le misure di salubrità del cervello.

Nuotando il irisin di spinte, protegge la memoria in mouse

I ricercatori poi hanno esaminato l'effetto dell'esercizio sul irisin e sul cervello. Negli esperimenti più coercitivi dello studio, i ricercatori hanno trovato che i mouse che hanno nuotato quasi ogni giorno per cinque settimane non hanno sviluppato il danno di memoria malgrado ottenere le infusioni di beta amiloide -- l'neurone-ostruzione, memoria-rubante proteina implicata in Alzheimer.

Il irisin di didascalia con una droga completamente ha eliminato i vantaggi di nuoto, i ricercatori anche trovati. I mouse che hanno nuotato e sono stati trattati con le sostanze di irisin-didascalia hanno eseguito non non meglio sulle prove di memoria che gli animali sedentari dopo le infusioni con beta amiloide.

I risultati suggeriscono insieme che il irisin potrebbe essere sfruttato per trovare una terapia innovatrice per impedire o il trattamento della demenza in esseri umani, Arancio dice. Il suo gruppo ora sta cercando i composti farmaceutici che possono aumentare i livelli del cervello dell'ormone o possono imitare il suo atto.

“Nel frattempo, certamente incoraggierei ognuno a esercitarmi, promuovere funzione del cervello e salubrità globale,„ ha detto. “Ma quello non è possibile per molta gente, particolarmente quelle con i termini relativi all'età come la malattia di cuore, artrite, o demenza. Per quelle persone, c'è un'esigenza particolare delle droghe che possono imitare gli effetti del irisin e proteggere le sinapsi ed impedire il declino conoscitivo.„