I edibles della marijuana portano il rischio e gli effetti secondari per i pazienti con la malattia cardiovascolare

Poichè la legalizzazione della marijuana spazza l'America settentrionale, l'uso della sostanza è stato sull'aumento e l'atteggiamento del pubblico sta spostandosi. Un numero aumentante di gente crede che “l'erbaccia„ sia la droga ricreativa più sicura, uno che porta le indennità-malattia che superano i sui rischi in peso. Quei presupposti sono sfidati in un articolo ed in un editoriale pubblicati nel giornale canadese della cardiologia che esaminano la storia di un paziente che ha sviluppato schiacciare il dolore toracico e l'ischemia del miocardio dopo il consumo delle la maggior parte di una lecca-lecca della marijuana.

“La marijuana può essere uno strumento utile per molti pazienti, particolarmente per sollievo di nausea e di dolore. Allo stesso tempo, come tutti i altri farmaci, porta il rischio e gli effetti secondari. In un caso recente, il dosaggio inadeguato ed il consumo orale di marijuana da un paziente più anziano con la malattia cardiovascolare stabile hanno provocato l'emergenza che ha causato un evento cardiaco e una funzione cardiaca diminuita successiva,„ hanno detto Alexandra Saunders, MD, università di Dalhousie, programma della medicina interna ed il dipartimento della rete di salubrità di orizzonte della cardiologia, St John, la N.B.:, Canada.

Il rapporto di caso descrive un uomo di 70 anni con la coronaropatia stabile, catturante i farmaci cardiaci appropriati, che hanno mangiato la maggior parte di una lecca-lecca che è stata infusa con 90 mg di THC (delta-9-tetrahydrocannabinol) per alleviare il sonno dell'aiuto e di dolore, che lo ha indotto ad avere un attacco di cuore potenziale-serio. Ha consumato una dose molto più grande che 7 mg che è ingerita tipicamente fumando una singola giunzione o catturando 2,5 mg che iniziano la dose del dronabinol (Marinol), un sintetico THC di marketing per stimolo di appetito e di nausea nell'AIDS ed in malati di cancro. Mentre il paziente aveva fumato la marijuana nella sua gioventù, non aveva agito in tal modo da quando il contenuto di THC della sostanza aveva aumentato significativamente tre per cento - 12 per cento. Non aveva una conoscenza di egualmente con l'effetto temporaneamente differito ed esteso di dosaggio orale di THC.

L'evento cardiaco del paziente probabilmente è stato avviato da sforzo inatteso sul suo organismo da ansia ed allucinazioni spaventose causate da insolitamente un gran numero di THC che ha ingerito. Il suo sistema nervoso simpatico è stato stimolato, causante il volume del sangue arterioso aumentato con la tachicardia, l'ipertensione e la versione della catecolammina (ormone di sforzo). Dopo che gli effetti psicotropici della droga si sono logorati e le sue allucinazioni cessate, il suo dolore toracico fermato.

Una serie di rapporti priori di caso come pure gli studi epidemiologici, hanno descritto l'associazione fra uso della cannabis e gli eventi avversi (CV) cardiovascolari acuti, compreso infarto miocardico, il colpo, le aritmia e la morte improvvisa.

“La maggior parte della ricerca precedente da su ischemia del miocardio indotta da marijuana messa a fuoco principalmente sui più giovani pazienti e non ha messo a fuoco sulle sue formulazioni e potenze differenti. Come conseguenza di diffuso marijuana legalizzazione, i fornitori di cure mediche devono capire e gestire uso della cannabis e le sue complicazioni in pazienti più anziani, specialmente in quelli con la malattia cardiovascolare,„ ha detto Robert S. Stevenson, MD, rete di salubrità di orizzonte, dipartimento di cardiologia, St John, N.B.:, Canada.

La tossicità del cv di marijuana è descritta in un editoriale accompagnante. Può essere osservata in conseguenza di uno o più il seguente: 1) inalazione dei prodotti di combustione di marijuana; 2) effetti diretti del cv di THC; e 3) effetti indiretti di THC relativo ad ansia, ad allucinazione e/o a psicosi acute. Le persone che sono THC-naïve e non sono usate a catturare gli psicotropi possono essere altamente afflitte da cognizione e dalle sensibilità alterate di perdita di controllo prodotta da THC. Le risposte emozionali estreme nel contesto della tossicità psichiatrica di THC sono associate con gli impulsi delle catecolammine, che possono avere effetti acuti avversi del cv. Le considerazioni importanti riguardo alla tossicità della cannabis sono il reticolo di uso, dose, via di somministrazione e grado di tolleranza.

“La legalizzazione della cannabis ha considerevoli aiuti pubblici ma egualmente suscita inquietudini di salute pubblica,„ ha commentato l'autore dell'editoriale, Neal L. Benowitz, MD, capo, divisione di farmacologia clinica e di terapeutica sperimentale, servizio medico, dipartimenti di medicina e scienze biofarmaceutiche; Centro per ricerca di controllo del tabacco e formazione, università di California, San Francisco, CA, U.S.A. “Alcuni utenti possono trarre giovamento dagli effetti sociali e medici, ma altri saranno a rischio dei risultati avversi di salubrità. Poche informazioni sono state diffuse ai pazienti o ai fornitori di cure mediche circa uso della cannabis in pazienti più anziani ed in particolare a quelli con la malattia cardiovascolare. Bene o male, fornire il consiglio e la cura a tali pazienti che stanno usando la cannabis ora è necessaria per la disposizione di assistenza medica ottimale a questi pazienti.„

Sorgente: https://www.elsevier.com/