Il nuovo modello del mouse ripiega lo sviluppo e la progressione di tipo il diabete di I

I ricercatori all'università di Toledo hanno trovato un nuovo modo ripiegare in mouse del laboratorio lo sviluppo e la progressione di tipo il diabete di I, un'innovazione che ha il potenziale di rimodellare come la malattia cronica è studiata.

I 1,25 milione Americani stimati stanno vivendo con il tipo il diabete di I. Mentre la circostanza può essere gestita con insulina, trovare un trattamento o una maturazione per la malattia è stata evasiva -- in parte perché gli scienziati non hanno avuti un modello animale affidabile che imiti la portata completa di tipo umano il diabete di I.

“Vediamo questi pazienti ogni giorno. Li vediamo venire all'ospedale, vediamo come lottano,„ abbiamo detto il Dott. Juan Jaume, professore di medicina nell'istituto universitario di UT di medicina e di scienze biologiche e dell'autore senior di nuova invenzione. “Purtroppo, la ricerca è stata tenuta indietro perché la comunità scientifica non ha avuta un buon modello per studiare la malattia e la sua progressione. Ora facciamo. Abbiamo sviluppato un modello del mouse che è un passo avanti verso l'individuazione della maturazione.„

Lo studio in primo luogo pari-esaminato facendo uso del modello UT-in via di sviluppo del mouse è stato pubblicato il 7 febbraio nei rapporti scientifici del giornale di scienze naturali.

In quello studio, Jaume, che è egualmente capo della divisione dell'endocrinologia e di Direttore del centro di UT per la ricerca della ghiandola endocrina e del diabete ed il Dott. Shahnawaz Imam del co-collaboratore, un ricercatore senior nei dipartimenti di medicina ed in un membro associato del centro per il diabete e la ghiandola endocrina ricercano, esaminato come una determinata proteina può influenzare le cellule T nel pancreas per ritardare l'inizio del diabete.

Mentre lo studio aggiunge alla conoscenza globale circa il diabete, è il modello del mouse che tiene il potenziale reale.

Nel nuovo modello, i mouse sviluppano spontaneamente il tipo il diabete di I e, d'importanza, l'intervallo completo delle complicazioni sperimentate dai pazienti del diabete. Quello permette lo studio sulla malattia e sulla sua progressione naturale in un modo non precedentemente possibile.

“Il nostro modello sta mostrando esattamente la stessa fisiopatologia che gli esseri umani con il diabete soffrono,„ Imam ha detto. “I nostri mouse stanno ottenendo i problemi dell'occhio, stanno ottenendo i problemi ed anche la neuropatia del rene. Quella è molto una parte importante di questa -- hanno le stesse complicazioni umane che tutti i pazienti del diabete hanno, non appena quelle con tipo I.„

I mouse del laboratorio sono stati sviluppati con una serie di esperimenti selettivi dell'allevamento e di modifica genetica che hanno compreso l'aggiunta dei geni umani ai mouse.

Un brevetto provvisorio sul tipo spontaneo modello del mouse del diabete di I file l'anno scorso.

Digiti il diabete di I, precedentemente conosciuto come il diabete giovanile, risultati da un attacco autoimmune alle celle nel pancreas che producono l'insulina. Senza insulina, l'organismo non può trasformare gli zuccheri in alimento, piombo allo zucchero di sangue pericolosamente alto.

Sebbene molte specie sviluppino il diabete, Jaume ha detto che il trattamento di tipo il diabete di I sembra essere unico agli esseri umani. E mentre gli scienziati hanno usato frequentemente altro è cresciuto specialmente mouse, compreso che cosa è conosciuto come il mouse diabetico non obeso, studiare il diabete ed i trattamenti della prova, quegli animali da laboratorio non imitano la patofisiologia umana esatta della malattia.

“Il modello diabetico non obeso attuale del mouse completamente non somiglia allo stato umano,„ Jaume ha detto. “Ci sono più di 125 terapie differenti che fanno maturare il tipo il diabete di I in mouse diabetici non obesi. I test clinici sono stati sviluppati a causa di quel modello, ma nessuno hanno funzionato in esseri umani. Tutti stanno cercando un migliore modello.„

Jaume e l'imam stanno lavorando al loro modello per più di una decade. Già sta mostrando la promessa della ricerca.

Facendo uso della stessa idea dietro la terapia a cellula T dell'AUTOMOBILE per cancro, in cui le celle di sistema immunitario sicure sono catturate da un paziente ed accoppiato con un ricevitore artificiale che ha rintrodotto una volta nell'organismo punta il tumore, il gruppo sta sviluppando le terapie cellulari per il diabete che usa le celle regolarici dei mouse per raffreddare la risposta immunitaria.

Sorgente: http://www.utoledo.edu/