Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli operatori sanitari con addestramento chirurgico sono un'alternativa sicura per l'esecuzione delle C-sezioni

Spartizione dei compiti nel Sierra Leone -- ambulatorio d'istruzione di emergenza agli operatori sanitari -- può contribuire a migliorare la sanità in un paese con pochi medici

Il Sierra Leone ha uno di più alti rapporti di mortalità materni nel mondo -- per ogni 100.000 nati vivi, 1360 donne moriranno. In Norvegia, quel numero è appena 5 donne per 100.000 nati vivi; negli Stati Uniti, è 14, secondo il fondo della popolazione delle nazioni unite.

Perché tante donne stanno morendo in Sierra Leone? La risposta è semplice: il parto può essere complicato e ci non sono semplicemente abbastanza fornitori di cure mediche per rispondere ai bisogni di questo piccolo paese dell'Africa Occidentale di 7 milione di persone.

Prima dello scoppio 2014-2016 di Ebola, appena 10 chirurghi dello specialista erano disponibili in ospedali pubblici, con circa 150 medici nel totale.

Ma c'è speranza: un nuovo studio di più di 1200 donne che hanno avute C-sezioni in nove ospedali del Sierra Leone indica che gli operatori sanitari della comunità con addestramento chirurgico sono un'alternativa sicura a medici quando si tratta dei risultati per i tagli cesarei. Gli studi sono stati intrapresi fra ottobre 2016 e maggio 2017 ed appena sono stati pubblicati in BJS, il giornale britannico di chirurgia.

“Alcuni di questi ospedali hanno appena uno o due medico per l'intero distretto,„ ha detto il primo l'autore Alex dello studio van Duinen, un medico olandese e candidato di PhD all'università norvegese di scienza e tecnologia (NTNU). “Le risorse umane sono un problema principale. Spartizione dei compiti -- operatori sanitari d'istruzione della comunità per fornire gli ambulatori di base di salvataggio -- può migliorare quello.„

Accettazione dell'edilizia in comunità medica

La ricerca di Van Duinen sta conducenda come componente del suo lavoro con un'organizzazione senza scopo di lucro chiamata CapaCare, co-fondato nel 2011 da Håkon Bolkan, un chirurgo all'ospedale della st Olavs e un postdoc a NTNU.

CapaCare offre un programma di formazione biennale per gli operatori sanitari selezionati della comunità (CHO), con lo scopo dell'insegnamento loro per fare gli ambulatori quali i tagli cesarei, le appendicectomie e le riparazioni di ernia.

Dopo i due anni di addestramento, i laureati egualmente passare un anno come interno ad uno degli ospedali principali a Freetown, dopo di che sono dati la posizione come operatore sanitario di aiuto chirurgico della comunità (SACHO). Fin qui, 31 partecipante si è laureato dal programma, con gli altri 33 nell'addestramento.

Ma il lavoro di CapaCare non è semplice come appena producendo i laureati qualificati -- La comunità medica della Sierra Leone, i funzionari di sanità e la popolazione complessivamente devono avere fiducia che i laureati di CapaCare possono eseguire gli ambulatori almeno come pure medici.

Questa prova deve essere chiara e fornisce la prova scientifico documentata quella le attività di formazione. In modo che sia dove la ricerca di van Duinen entra.

Studio prospettivo con una visita della casa

Altri ricercatori hanno esaminato l'emissione di spartizione dei compiti per cura ostetrica di emergenza, pricipalmente in Africa orientale, ma la maggior parte di questi studi sono stati retrospettivi, in modo da significa che i ricercatori essenzialmente cercano i reticoli nei dati medici che già sono stati raccolti.

Tuttavia, tutti questi studi indicano che la spartizione dei compiti può lavorare bene nei posti in cui ci non sono appena abbastanza medici da girare intorno a.

D'altra parte, uno studio prospettivo gradisce quello condotto in van Duinen ed i suoi colleghi è contributo tanto più forte veduto ai risultati dalla ricerca.

I ricercatori in uno studio prospettivo decidono quali dati da includere prima che lo raccolgano, che assicura la qualità di dati. Lo studio della C-sezione del Sierra Leone egualmente ha compreso una visita della casa i 30 giorni dopo la nascita, che ha permesso che van Duinen ed i suoi colleghi vedesse come la madre ed il bambino stavano facendo nel periodo dopo scarico.

CapaCare

“Potevamo controllare alcuni dei dati di risultato,„ van Duinen ha detto. “Le visite domestiche erano uno dei fattori di distinzione del nostro studio.„

Per esempio, un bambino che era stato registrato come feto nato morto nell'ospedale ed un bambino che era stato registrato mentre una morte entrambe è risultata viva quando i ricercatori hanno fatto la casa visualizza.

Tre delle madri e 28 dei bambini che erano vivi quando hanno lasciato l'ospedale egualmente sono morto nel mese dopo la nascita, che i ricercatori non avrebbero scoperto senza questo seguito extra, van Duinen hanno detto.

Non inferiore a medici

Quando tutti i numeri sono stati corrisposti, i ricercatori hanno trovato 16 morti ostetriche postoperatorie, 15 curati da un medico e 1 curati da un laureato del programma di CapaCare.

Questi numeri indicano che medici possono avere risultati peggiori. “Sebbene i nostri dati suggeriscano che i pazienti trattino da medici e dai laureati erano principalmente simili, medici possono curare più dei pazienti complicati,„ van Duinen ha detto.

La differenza nei numeri della mortalità è egualmente dovuto il fatto che c'erano 50 medici nello studio confrontato a 12 si sono laureati gli ufficiali clinici. Questi 50 medici hanno eseguito 831 C-sezione che sono state incluse nello studio, o due terzi, confrontato a 443 eseguiti dai laureati. Di questi ambulatori, 85 per cento sono stati fatti come ambulatori di emergenza.

Tuttavia, i numeri della mortalità ed il numero degli ambulatori di emergenza sono “ancora molto alti,„ van Duinen ha detto, ma ci sono egualmente ragioni per quella.

“C'è un disincentivo enorme per le donne nei distretti per entrare in ospedale per dare alla luce,„ ha detto. “Ecco perché i risultati sono così cattivi.„

Molto spesso, disse, le donne aspetteranno fino all'assoluto dell'ultimo minuto per entrare per cura, perché può essere troppo costosa per loro sia al viaggio che ottenere trattata all'ospedale. Possono anche essere impaurite di venuta all'ospedale a causa della preoccupazione di cui potrebbero trovare là -- non era che tempo fa, per esempio, quel Ebola ha devastato il sistema sanitario del paese, durante cui più di 14000 persone sono stati infettati e 4000 sono morto.

Quando i ricercatori hanno analizzato i numeri, hanno trovato che le sezioni caesarean fatte dai laureati non sono state associate con il più alta mortalità materna i 30 giorni dopo che l'ambulatorio che le sezioni caesarean ha eseguito da medici.

“Il messaggio è che c'è una leggera differenza nei due gruppi, perché i medici possono ottenere i casi più complicati, ma globale vediamo che c'è non inferiorità,„ van Duinen abbiamo detto.

Kismet nella giungla

Appena per caso, van Duinen ha funzionato con CapaCare da quando l'organizzazione in primo luogo ha iniziato il suo programma di formazione nel 2011. Quello è perché stava lavorando allora all'ospedale di Masanga, nella provincia del Tonkolili della Sierra Leone, come Direttore dell'ospedale. L'ospedale di Masanga è stato la base per l'addestramento di CapaCare nel Sierra Leone.

La prima settimana era a Masanga, van Bolkan incontrato Duinen con il primo studente di CapaCare che stava cominciando appena il suo addestramento.

L'idea del personale medico di non medico di addestramento fare gli ambulatori di emergenza -- spartizione dei compiti -- era già qualcosa che sapesse circa. Durante la sua istruzione medica nei Paesi Bassi, è stato inviato nel Malawi per un internato, in cui la pratica è affermata.

“Ho veduto che la spartizione dei compiti potrebbe realmente lavorare e poi ho incontrato Håkon ed ho detto, “sì, naturalmente, dobbiamo fare questo! Funziona, io la ha veduta! “,„ ha detto.