Il proteome di HDL si comporta come una palla minuscola del velcro che sta laminando sulle superfici

La genetica determina alcune proteine in HDL, ma altre sono prese per caso

Il colesterolo ha portato dentro le particelle della lipoproteina ad alta densità, o il colesterolo di HDL, è stato definito il buon colesterolo, perché la gente di cui i livelli elevati di HDL sono ha un più a basso rischio della malattia di cuore di sviluppo. Che il collegamento in primo luogo è stato stabilito nel 1977 ed è stato confermato ripetutamente negli studi epidemiologici.

Ma durante i 15 anni scorsi, una serie di candidati guastati della droga ha significato sollevare HDL, con parecchi studi genetici di alto profilo che hanno disputato un nesso causale, ricercatori piombo per riesaminare perché HDL è così buon preannunciatore di salubrità del cuore.

“Verso il 2010, la credenza era che HDL non importa riguardo al rischio della malattia cardiovascolare. Ma ora capiamo che ci siano più a HDL che il livello di colesterolo di HDL,„ abbiamo detto Nathalie Pamir, un professore alla salubrità dell'Oregon ed all'università di scienze. “Ora, il più che scaviamo, più emozionante la biologia scopriamo.„

In un articolo nel giornale della ricerca sui lipidi, Pamir ed i colleghi riferiscono su una parte poco apprezzata di HDL: i non sui lipidi, ma le sue proteine. Hanno indicato che una miscela complessa dei fattori genetici ed ambientali contribuisce al trucco della proteina delle particelle di HDL. L'approccio può finalmente contribuire a disimballare la relazione d'imbarazzo delle lipoproteine a salubrità del cuore.

Pamir ha isolato ed analizzato il proteome di HDL da un comitato di 100 razze sane del mouse. A differenza di un a varietà unica dei mouse, questo comitato comprende molta diversità genetica, facendola più simile ad una popolazione umana e ad uno strumento più utile per i genetisti. Pamir egualmente ha misurato alcune funzionalità cliniche di ogni mouse, quale l'abilità di HDL al colesterolo di aspirazione dai macrofagi nelle placche nel vaso sanguigno.

“Abbiamo interrogato altrettanti tratti poichè potremmo ed abbiamo trattato ogni proteina che ottiene associata con HDL come tratto,„ Pamir abbiamo detto. Poi il gruppo ha correlato ogni tratto con il paesaggio genetico conosciuto delle centinaia di mouse, rivelanti i luoghi genetici che pregiudicano ogni proteina o funzione.

Il gruppo ha trovato una serie di varianti genetiche collegate alla capacità ed a varie del deflusso del colesterolo collegate alla presenza o all'abbondanza di determinate proteine. La correlazione fra le proteine ha suggerito le interazioni complesse all'interno del proteome di HDL.

L'autore Jake senior Lusis dell'università di California, Los Angeles ha detto, “penso la prima volta (questo studio è) dove potete vedere come la genetica… potrebbe dipingere una maschera realmente utile di come le componenti differenti di HDL interagiscono.„

Mentre alcune proteine hanno interagito forte ed erano presenti in quasi ogni sforzo, altri diversi molto fra gli sforzi o persino fra le persone geneticamente identiche. Il gruppo pensa che le proteine nel secondo gruppo stiano rispondendo ai cambiamenti ambientali e metabolici in ogni mouse. Per Pamir, confermano un nuovo modo di pensare circa l'attività di HDL.

“È quasi come una palla minuscola del velcro che sta laminando sulle superfici, infiltrantesi nello spazio intercellulare… e campionando dagli ambienti che è stato dentro,„ ha detto. Sforzo dai cambiamenti piccoli come la gerarchia sociale del mouse all'interno di una gabbia può cambiare che cosa HDL prende.

Il punto seguente è di vedere se il gruppo che trova che alcune parti del proteome di HDL sono ereditabili ed altre parti risponde all'ambiente sostiene per gli esseri umani anche, Pamir ha detto. “A fine giornata, un mouse è un mouse è un mouse.„

Sorgente: http://www.asbmb.org/