I risultati dell'endoscopia di indice analitico sono cruciali per la valutazione dei pazienti di Barrett

Un nuovo studio indica che sia cambiamenti cellulari anormali di prima scelta (displasia) che l'adenocarcinoma esofageo (un modulo di cancro) è aumentato durante i 25 anni ultimi fra la gente con uno stato digestivo conosciuto come l'esofago di Barrett. La prevalenza di rapporto, aumentare di studio di displasia di prima scelta e l'adenocarcinoma sull'endoscopia di indice analitico in esofago di Barrett durante le 2 decadi scorse, è pubblicata nell'emissione di febbraio di GIE: Endoscopia gastrointestinale, il giornale pari-esaminato della società americana per endoscopia gastrointestinale (ASGE).

Lo studio dell'esofago del Barrett esaminato più di 3.600 pazienti ai centri multipli di sanità che hanno avuti esofago di Barrett (BE). Ciò è una circostanza in cui il tessuto normale che allinea l'esofago (il tubo che porta l'alimento dalla bocca allo stomaco) sviluppa i cambiamenti anormali. Una percentuale significativa della gente che ha sintomi cronici della malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) svilupperà l'esofago di Barrett.

I ricercatori hanno esaminato i risultati dell'endoscopia di indice analitico di SONO pazienti.

L'endoscopia è una procedura medica in cui medici inseriscono un tubo con una macchina fotografica all'estremità nell'apparato digerente del paziente per cercare i problemi o i cambiamenti visibili. A volte il medico può trattare un settore problematico mentre fa l'endoscopia. “L'endoscopia di indice analitico„ è una che è eseguita quando un paziente in primo luogo si lamenta dei sintomi che devono essere controllati. L'endoscopia di indice analitico può essere usata più successivamente per confrontare ai risultati delle endoscopia successive se quelle sono raccomandate.

In questo studio, i ricercatori hanno esaminato i risultati dell'endoscopia di indice analitico dei pazienti di per determinare le proporzioni di quelli senza displasia, displasia di qualità inferiore (LGD), displasia di prima scelta (HGD) e l'adenocarcinoma esofageo (EAC).

Uno sguardo alle registrazioni di questi pazienti in 25 anni ha indicato col passare del tempo quello, c'era un aumento nell'età media dei pazienti con È e la percentuale di maschi diagnosticati con egualmente è aumentata. La percentuale di pazienti che hanno avuti displasia di qualità inferiore era rimanere stabile, ma là era un aumento di 148 per cento di quelle con displasia di prima scelta e un aumento di 112% di quelle con EAC. La displasia più di prima scelta presenta un elevato rischio per lo sviluppo nel cancro. Egualmente c'era un profondo aumento nel numero delle lesioni visibili (aree del tessuto nocivo) individuate durante l'endoscopia.

C'era una diminuzione nel medio “È lunghezza,„ significato quanti centimetri del rivestimento dell'esofago sembrano essere cambiati.

Secondo gli autori di studio, questi risultati indicano che la prevalenza di HGD e di EAC è aumentato significativamente in questi ultimi 25 anni malgrado una diminuzione in È lunghezza durante lo stesso periodo. Questo aumento parallelizza un aumento nella rilevazione delle lesioni visibili, suggerente che un esame attento all'endoscopia di indice analitico sia cruciale.

Questo studio è stato effettuato accessibile in linea nell'ottobre 2018 davanti alla pubblicazione definitiva in stampa nel febbraio 2019.

Sorgente: https://www.asge.org/